);

Marvel’s Jessica Jones 3×06 – AKA Sorry FaceTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Con molta calma ma alla fine anche questa terza stagione ha ingranato la marcia giusta. Ci è voluto un po’, anche un po’ troppo, ma il ritmo della storia ha finalmente cominciato ad aumentare venendo scandito principalmente dalla presenza del nuovo villain della stagione, tale Gregory Sallinger, un character che prende liberamente spunto dal misconosciuto Foolkiller, villain dell’Universo Marvel di terza/quarta categoria. Da quando Sallinger è entrato in scena la stagione ha preso una piega diversa, si è inserita infatti una componente di pericolo che era mancata a tutti gli episodi precedenti (cioè dalla 3×01 alla 3×04 in pratica) e da li poi è scattato qualcosa.
Se sulla carta avere un serial killer come nemico poteva non funzionare, nella pratica sembra invece accadere il contrario, principalmente grazie all’ottima interpretazione di Jeremy Bobb (qui al suo massimo splendore) e alla pericolosità rappresentata dalla sua intelligenza. Tuttavia, fino ad ora, mancava veramente un movente a Sallinger, movente che finalmente viene spiegato grazie ad un interessante scambio di punti di vista con Erik.

Sallinger: I am here to witness the moment you realize your true worth.
Erik:My my worth?
Sallinger: You are crippled by good looks and charm, and they afford you a pride in your underfed mind. You’ve teamed with an arrogant alcoholic who embodies fortune over ability. She has not earned her powers. She’s cheated.
Erik:Yeah. Cheaters suck.
Sallinger: And because she has cheated, you two were able to do me harm. Do you see that this is unfair?

Facendo un rapido OT, nel panorama seriale Dexter ha rappresentato una bellissima variazione sul tema serial killer e, come tale, ha fatto storia (tralasciando qualsiasi commento sul discutibile finale). Una storia a cui chiaramente molti sceneggiatori guardano con interesse per creare personaggi o trame intriganti che prendono ovviamente spunto da Dexter Morgan. Gregory Sallinger, per quanto poco possa avere in comune con la sua controparte fumettistica, ha ben più cose in condivisione con Dexter e anche l’aspetto di Jeremy Bobb (capelli tendenti al rosso, mascella squadrata, vestiario simile) non aiuta la separazione dei due character. Nonostante questa somiglianza possa essere un lato negativo per molti, è altresì innegabile che ci siano delle differenze (come è giusto che sia) e che Sallinger in realtà sia estremamente intrigante sia dal punto di vista psicologico che da quello narrativo, il che porta fondamentalmente ciascuno spettatore ad apprezzarlo o a ritenerlo una scopiazzatura in salsa supereroistica.
Il “momento della verità”, quello in cui Dexter/Sallinger si toglie la maschera e si sente finalmente libero di esprimere la sua vera natura, è utilissimo per portare alla luce un character per ora rimasto nell’ombra o, per meglio dire, semplicemente visto dall’esterno e a cui mancava una connotazione ben definita. Il dialogo con Erik lo tridimensionalizza ulteriormente, ne enfatizza la psicologia malata ed al contempo amplifica la pericolosità insita in un personaggio che non vuole e non può redimersi. Insomma, si conosce finalmente il villain di stagione ed era ora visto che si è appena raggiunta la metà della stagione.
Ovviamente la puntata mantiene sempre i suoi lati negativi che, al solito, vede in scena Malcolm e Jeri. Il problema principale di entrambi i supporter character è il distacco che intercorre le loro storie e quella principale, una separazione così netta ed inefficace da rappresentare ogni volta una sorta di interruzione nell’episodio. Una maggiore coesione alleggerirebbe la visione e li renderebbe più partecipi e magari anche più utili alla trama visto che Malcolm è leggermente utile ma Jeri è fondamentalmente senza punti di contatto con Jessica e Trish. Una bella occasione persa.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Jeremy Bobb è un perfetto serial killer
  • Confronto Trish-Mamma di Trish
  • Confronto Sallinger-Erik
  • Ritmo in crescendo
  • Malcolm in piena devoluzione
  • La storyline di Jeri continua a fungere da riempitivo
  • Se si è visto Dexter allora si potranno notare certe somiglianze…

 

Al giro di boa della stagione la serie prende finalmente il largo grazie ad un focus su Sallinger e diversi confronti interessanti. Rimangono i difetti riscontrati nei precedenti episodi ed identificabili fondamentalmente con Malcolm e Jeri Hogarth, difetti che tengono saldamente lontana anche questa puntata da un Bless Them All ma che questa volta consentono comunque di guadagnare un “grazie”.

 

AKA I Wish 3×05 ND milioni – ND rating
AKA Sorry Face 3×06 ND milioni – ND rating

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Marvel's Jessica Jones 3x05 - AKA I Wish

Next

Big Little Lies 2x02 - Tell-Tale Hearts

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: