);

Pearson 1×10 – The FixerTEMPO DI LETTURA 3 min

/

Wonderful.

Pearson si congeda dal suo pubblico con una puntata dal ritmo serrato, dove si intrecciano e si fondono la questione degli sfrattati e quella dell’assassinio di Tommy Diehl.
Unico momento di alleggerimento e sorriso è l’entrata in scena di Jeff Malone, proprio mentre Nick si sta facendo la doccia nell’appartamento di Jessica. Alla luce di ciò, si capisce la scelta di sceneggiatura di far partecipare anche i bambini di Angela alla protesta davanti al municipio: serviva la casa libera prima per la confessione di Nick e poi per questa topica. La situazione, comunque, viene solo accennata e non portata alle estreme conseguenze, perché Mr. Malone viene subito portato via, prima ancora di entrare, per essere interrogato dai federali. Da un lato questo va bene, perché si risparmiano minuti preziosi per argomenti più scottanti, invece di un siparietto fra innamorati, dall’altro resta un po’ di frustrazione perché i rapporti fra i tre vanno ad allungare la lista degli aspetti lasciati in sospeso da quest’ultima puntata della stagione.
Questo intermezzo, comunque, risulta più incisivo e piacevole del battibecco adolescenziale tra Yoli e Derrick sul bacetto che i due si sono scambiati nello scorso episodio.
Tirando le somme, alla fine dell’episodio tutto resta in sospeso: Angela sembra tentata dalla prospettiva di un posto in consiglio comunale, anche se non si sente competente Miss Cook vada tranquilla e pensi alla situazione italiana. Ci sarebbe però un contrasto con l’avvocato Salazar (il quale non si è presentato, a conferma di quanto ne sappia Jessica della natura umana). Sempre in ottica della soluzione del problema sfrattati, il sindaco Bobby Novak tira fuori gli aggettivi giusti al momento giusto, sia per convincere Pat McGann a concedere per qualche mese gli appartamenti di sua proprietà, sia per convincere la folla a tornare a casa. Un vero piacere vederlo finalmente prendere in mano la situazione. Resta però da vedere cosa succederebbe se venisse fuori il suo coinvolgimento in affari poco puliti.
Non è giunto a soluzione definitiva neanche il triangolo tra Bobby, la moglie e l’amante. Questa, però, è forse la sottotrama meno interessante, quella che ha un po’ rallentato il procedere di tutta la narrazione come una palla al piede, quindi non c’è un’ansia particolare di vederla continuare. Basterebbe vedere Keri trovare lavoro in un elegante studio legale privato e il resto non conterebbe molto.
A pensarci bene, tutte le linee narrative potrebbero convergere nel tema: “Che cosa si è disposti a fare per proteggere una persona a cui si vuole più o meno bene ed evitarle di pagare lo scotto delle sue malefatte?”. In fondo, è stato presentato un Bobby Novak protetto a spada tratta dal fratellastro e dall’amante, difeso per questioni di lavoro da Jessica “the biggest and baddest operator around” Pearson e sempre spalleggiato dalla moglie. Sarebbe molto coerente anche con lo stile della serie madre, Suits e con l’ormai storico Segreto di Mike Ross, per quanto qui i toni siano molto più cupi (perfino nell’illuminazione di molte scene, cosa non sempre positiva). Se però ci si voleva dedicare ad un adeguato svolgimento, bisognava muoversi prima, in modo più veloce e deciso e non aspettare quando forse non ci sarà più tempo.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il discorso del sindaco
  • L’arrivo di Jeff
  • Resta tutto in sospeso e non si sa se ci sarà una seconda stagione
  • Inserimento della famiglia di Jessica non particolarmente riuscito

 

Nel giudicare questa prima stagione dello show, il “wonderful” associato all’immagine è da intendersi in senso fortemente ironico. Non ci sono stati elementi di particolare spicco e brillantezza, l’avvio soprattutto è stato un po’ troppo lento e non tutti i personaggi si sono dimostrati accattivanti e all’altezza della situazione. L’inserimento della famiglia di Jessica, per esempio, non è stato particolarmente armonioso e riuscito, con Angela sempre pronta ad opporsi alla cugina. Date le molte sottotrame lasciate in sospeso, una seconda stagione sarebbe tuttavia auspicabile, anche di sole 10 puntate. Resta da vedere se il prodotto, dopo aver raccolto ascolti non propriamente strepitosi, riuscirà a spuntarla in un ambiente spietato dove i legal drama pullulano.

 

The Rival 1×09 0.54 milioni – 0.08 rating
The Fixer 1×10 0.49 milioni – 0.10 rating

 

Casalingoide piemontarda di mezza età, abita da sempre in campagna, ma non fatevi ingannare dai suoi modi stile Nonna Papera. Per lei recensire è come coltivare un orticello di prodotti bio (perché ci mette dentro tutto; le lezioni di inglese, greco e latino al liceo, i viaggi in giro per il mondo, i cartoni animati anni '70 - '80, l'oratorio, la fantascienza, anni di esperienza coi giornali locali, il suo spietato amore per James Spader ...) con finalità nutraceutica, perché guardare film e serie tv è cosa da fare con la stessa cura con cui si sceglie cosa mangiare (ad esempio, deve evitare di eccedere col prodotto italiano a cui è leggermente intollerante).

Rispondi

Precedente

Mayans MC 2×03 – Camazotz

Prossima

The Deuce 3×02 – Morta Di Fame

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: