);

The Midwich Cuckoos 1×01 – Bad ThingsTEMPO DI LETTURA 4 min

/

recensione The Midwich Cuckoos 1x01Il famoso romanzo di fantascienza dello scrittore inglese John Wyndham, da cui è stato tratto un celebre film negli anni ’60, con tanto di remake anni ’90, prende ora una nuova forma grazie a questa serie tv targata Sky.
The Midwich Cuckoos riprende in chiave contemporanea la storia del villaggio inglese in cui un misterioso “corto circuito” fa cadere in coma tutta la popolazione, risvegliandola con alcuni “effetti indesiderati”.
Uno show che rientra in quel tipo di prodotti “di genere” pensati però per un pubblico colto e di nicchia. E l’effetto finale infatti è tutt’altro che banale e prevedibile e può dare il via ad un interessante adattamento dell’opera di Wyndham.

STORIA FEMMINILE (E FEMMINISTA)


A differenza delle precedenti versioni del romanzo, infatti, la serie creata da David Farr (già mente dietro Philip K. Dick’s Electric Dreams e The Night Manager) ha il merito di porre l’accento su quello che dovrebbe essere il punto di vista principale della storia.
Il fulcro centrale di tutta la vicenda di The Midwich Cuckoos infatti non è tanto l’invasione aliena in sé quanto il proprio lascito. Subito dopo il black-out, che lascia completamente in coma l’intera cittadina, tutte le donne fertili della città si ritrovano di colpo incinte. E i bambini che ne usciranno fuori saranno tutt’altro che normali bambini.
“Bad Things” si rivela eccellente nell’accennare questo spunto iniziale creando la giusta dose di suspense e tensione emotiva riguardo la cosa. E in tutto questo mette in evidenza fin da subito il risvolto femminile (e femminista) della vicenda. Il cast corale dell’episodio, infatti, è prettamente femminile, a cominciare dalla protagonista principale, la dott.ssa Susannah Zellaby (Keeley Hawes), unica “sopravvissuta” all’incidente (per il fatto che era fuori città al momento del black-out) tra tutte le altre co-protagoniste presentate in questo episodio pilota.
Un punto di vista (quello femminile) abbastanza usuale e scontato dato il tema proposto che, nonostante tutto, non era mai stato preso prima in considerazione, dal momento che sia il romanzo che l’adattamento cinematografico erano tutti basati sul protagonista maschile Paul Haynes (qui interpretato da Max Beesley). Qui la storia invece si concentra totalmente sulle “vittime” di quanto avvenuto e di come queste affronteranno questa inaspettata gravidanza.

SCI-FI HORROR


In effetti, a ben vedere, la storia di The Midwich Cuckoos è quella di una vera e propria “home invasion” con relativa violenza sessuale di proporzioni “cosmiche”.
Il che avvicina molto l’opera di Wyndham ad un vero e proprio fanta-horror-thriller e come tale è proposto al pubblico. Dopo la scena-teaser iniziale infatti (in piena medias res delle vicende narrate), la narrazione si sposta velocemente a 5 mesi prima con l’arrivo a Midwich della coppia Sam-Zoe. Questo escamotage narrativo (i due “estranei” che arrivano nella nuova cittadina) è ideale per mostrare nel dettaglio vite e doppie-vite dei vari personaggi di questa isolata comunità inglese. Ed è un classico espediente narrativo horror in cui, a poco a poco, le stranezze e i tic nervosi degli abitanti saltano subito all’occhio.
L’atmosfera mostrata, insieme all’inquietante soundtrack, contribuiscono a creare un certo mood horrorifico satura di tensione e suspense fino al principale plot twist narrativo, rigorosamente in mezzo all’episodio. La regista Alice Troughton mette in scena un’inquietante macrocosmo in cui invidia e rancori la fanno da padroni, e in cui l’orrore si nasconde dietro le piccole cose e la quotidianità, prima ancora che nella minaccia aliena.

CONCLUSIONI


The Midwich Cuckoos dunque si presenta fin da subito come un prodotto che affonda le proprie radici nel genere, ma che va anche ad inserirsi in un discorso di critica sociale e femminista, in maniera assolutamente originale ed inedita.
Le conseguenze della misteriosa “invasione” saranno il tema principale dei prossimi episodi, ma già da qui si può intuire quali saranno le reazioni delle varie co-protagoniste, fra chi vede quanto successo come una “benedizione” e chi come qualcosa di indesiderato e non voluto.
L’attualità la fa da padrona ed il cast femminile (ma anche quello maschile) si conferma più che azzeccato per l’occasione. Ottimi poi i dialoghi, che spiegano la psicologia dei vari personaggi ma senza risultare troppo didascalici, e la fotografia. Al momento non è dato sapere se lo show si evolverà come semplice miniserie o come prodotto a più stagioni, ma di materiale da approfondire sicuramente ce n’è e, se la qualità rimane quella vista in questo episodio pilota, ben venga!

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Cast
  • Regia e musica
  • Scena-teaser iniziale e cliffhanger finale
  • Al momento nulla di rilevante

 

The MIdwich Cuckoos rilegge in chiave contemporanea il famoso romanzo dello scrittore inglese John Wyndham. In un’inquietante cittadina inglese avviene una strana “invasione aliena” che fa andare tutto in black-out, compresi gli abitanti, per 12 ore. Al loro risveglio, tutte le donne della città si ritrovano incinte. E con molte domande esistenziali al riguardo!

Laureato presso l'Università di Bologna in "Cinema, televisione e produzioni multimediali". Nella vita scrive e recensisce riguardo ogni cosa che gli capita guidato dalle sue numerose personalità multiple tra cui un innocuo amico immaginario chiamato Tyler Durden!

Rispondi

Precedente

Blocco 181 1×05 – 1×06 – Episodio 5 – Episodio 6

Prossima

Stranger Things 4×07 – Chapter Seven: The Massacre At Hawkins Lab

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: