);

Worst 10 Of 2021: Le Serie Più Sottovalutate Di Recenserie

Ci sono decine di post che inondando internet in questo periodo e, come i peggiori giornali scandalistici di genere, non ci tiriamo indietro e ci ritroviamo per il 7° anno di fila a redarre una classifica delle 10 serie ingiustamente meno lette di Recenserie. Lo facciamo perché non c’è niente di meglio che tirare le somme dell’anno (solare) appena passato e capire se si è svolto un buon lavoro di selezione in questi ultimi 12 mesi. D’altronde, quante serie sono andate in onda da gennaio ad oggi e quante effettivamente ne avete viste? Ma soprattutto: quante hanno meritato veramente?
È giusto rendere onore e omaggio anche a quelle meno lette nella nostra community nonostante una qualità elevata. La democrazia regna sovrana, l’ingiustizia anche ma proviamo a porvi rimedio così. Inutile dirvi che c’è un’omologa classifica anche per le 10 serie più lette visto che tra di esse si nascondono diverse perle di cui il genere umano non può fare a meno.
Prima di proseguire, al solito, ci permettiamo di inserire anche la nostra personale classifica interna alla Redazione di Recenserie dove, in maniera faziosa e anacronistica, è stato votata a furor di popolo la Peggior Serie del 2020 che però non deve essere paragonato con la classifica seguente che è invece relativa alle serie ingiustamente meno lette. Le votazioni sono ovviamente dettate da gusti personali come è giusto che sia.

worst 10

heels

10° HEELS


Ladies and gentlemen, our legendary nemesis: Mr. Jack Spade!

Nonostante una sigla iniziale dove chiunque altro avrebbe potuto fare meglio, la nuova serie di Michael Waldron su una lega di wrestling amatoriale, gestita da due fratelli piuttosto diversi, non ha avuto un riscontro così clamoroso come avrebbe potuto avere. Heels comincia molto lentamente ma dalla seconda metà della stagione in poi cambia ritmo ed eleva la qualità ad un altro livello, soprattutto nel finale. Se siete fan della WWE o di problematiche familiari tra fratelli, questo è lo show adatto da recuperare.

9° THEM


Who will survive America?
Few Americans
Very few Negroes
and no crackers at all.

Ad aprile è uscito in sordina su Amazon questo nuovo show horror scritto da Little Marvin e focalizzato, un po’ come lo era Lovecraft Country, sul razzismo degli anni ’60 in USA e sul razzismo che tuttora è ancora vivo e vegeto. L’utilizzo dell’horror per esemplificare il razzismo è un elemento centrale di questa serie che, ad ora, non ha ancora ricevuto il rinnovo per una 2° stagione nonostante una qualità altissima che meriterebbe il rinnovo a prescindere.

dopesick

8° DOPESICK

Addiction does the exact opposite of what connection does, right? Addiction tears apart. It tears apart friendships. It tears apart marriages. It’ll tear apart a family, tear apart a whole community.

Dopesick è il nuovo show Hulu, basato sul libro Dopesick: Dealers, Doctors and the Drug Company that Addicted America di Beth Macy e un cast eccezionale: Michael Keaton, Peter Sarsgaard, Michael Stuhlbarg, Will Poulter, Kaitlyn Dever e Rosario Dawson. La serie è un interessante (nonché agghiacciante) spaccato sociale sull’esponenziale crescita della dipendenza dall’oppio e dall’eroina di una fetta sempre più numerosa di statunitensi. Se non la si è guardata è un grosso errore…

The North Water

7° THE NORTH WATER


If great evil exists, why not great good the same?

The North Water è una produzione BBC Two tratta dall’omonimo romanzo di Ian McGuire che scava nelle profondità del lato umano messo a diretto contatto con la natura, con l’istinto di sopravvivenza, con il desiderio di accaparrarsi del denaro e con la sete di sangue. Una serie tv che ha come oggetto lo spietato mondo della caccia alle balene di metà ‘800 e che ha all’interno del cast Colin Farrell, Stephen Graham e Jack O’Connell. Una serie tv cruda, dove il sangue e la violenza animalesca della caccia rappresentano il tema centrale della vicenda e anche la motivazione per cui va recuperata.

Mr.Corman

6° MR. CORMAN


I never think that anything’s gonna work out.

La nuova serie di Apple TV dove Joseph Gordon-Levitt si lascia andare alle sue ansie tramite il personaggio dell’insegnante di scuola media, è stata sfortunatamente non capita da nessuno tanto da essere cancellata dopo una sola stagione. Il fatto che non sia per tutti è fatto di proposito e ricorda quel Kidding di jimcarreyiana memoria che aveva ricevuto lo stesso trattamento. Nonostante la cancellazione, però, i 10 episodi hanno una loro conclusione e meritano di essere guardati per la peculiarità della sceneggiatura e della regia. Tanta roba.

evil

5° EVIL


Temptation is a strong suggestion to sin coming from the Devil or our fallen state.
Sin is knowingly breaking the law of God.

Iniziata su CBS e spostata poi su Paramount+, la serie soprannaturale che conta già due stagioni ed un rinnovo per una 3° è un qualcosa di speciale che non può essere ricondotto a nessun altro prodotto in circolazione e, proprio per questo, merita di essere vista. A tutto ciò si può aggiungere il nome di due coniugi che rappresentano una garanzia di qualità: Robert & Michelle King.

the chair

4° THE CHAIR


According to the faculty handbook, this is supposed to be an impartial panel… and I am not. Therefore, this is not a fair procedure.

Il ritorno da protagonista di Sandra Oh in una miniserie comica di 6 episodi di Netflix è una piacevolissima sorpresa che sembra essere passata in sordina. Eppure il livello comico e la piacevolezza della narrazione (con addirittura un David Duchovny nei panni di David Duchovny) meritano di essere recuperati, specialmente considerando il minutaggio piuttosto ridotto. Siete avvertiti.

The White Lotus

3° THE WHITE LOTUS


“I think I’ve made a terrible mistake.”

HBO spesso ci azzecca e The White Lotus è una palese vittoria in tal senso. Nata come una miniserie da 6 episodi e con una soundtrack pazzesca, è stata recentemente rinnovata e trasformata in una serie antologica che continuerà a focalizzarsi sugli ospiti dei resort sparsi per il mondo chiamati The White Lotus. Il delirio a cui si assiste e dei character pazzeschi sono gli elementi vincenti di questo semplice ma bellissimo prodotto. Consigliatissimo e meritatissimo 3° posto.

scenes from a marriage

2° SCENES FROM A MARRIAGE


Sometimes, I feel like I’m not sure if I have the ability… like if I’ve ever really truly loved anyone. Or if I’ve ever really been loved.

È un caso che ci siano almeno due miniserie da massimo 5-6 episodi ciascuna nel podio? Probabilmente no, anzi: no. Il motivo è presto detto: in un’epoca in cui escono costantemente decine di nuove serie ogni mese, quelle che nascono con un preciso arco narrativo costituito da poche puntate sono anche spesso le migliori. Il remake americano di HBO della serie svedese del 1973 con protagonisti Oscar Isaac e Jessica Chastain è un piccolo capolavoro che probabilmente vincerà diversi premi. Noi ve lo diciamo: va visto.

1° YELLOWSTONE


“It’s the one constant in life. You build something worth having, someone’s gonna try to take it.”

Yellowstone è uno dei pochi telefilm ad essere riuscito nella difficilissima impresa di aggiungere milioni di spettatori, stagione dopo stagione, nonostante venga trasmesso su una piattaforma streaming non particolarmente nota: Paramount+. Eppure la scrittura e la regia di Taylor Sheridan hanno raggiunto questo successo, anche per merito di un Kevin Costner in grande spolvero. E c’è anche uno spin-off prequel già in onda ora. Se siete amanti di violenza, frasi piuttosto oneste ed una faida familiare di un certo livello, Yellowstone è lo show che deve essere recuperato. Non ve ne pentirete.

Rispondi

Precedente

Anxious People 1×01 – Viewing In Process

Prossima

Mayor Of Kingstown 1×08 – The Devil Is Us

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: