Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D. 5×18 – All Roads Lead…TEMPO DI LETTURA 5 min

in Marvel's Agents Of S.H.I.E.L.D./Recensioni by
Si metta subito in chiaro che siamo ancora lontani – o meglio, prossimi, ma non comunque così vicini – alla risoluzione del crono-enigma imbastito per tutta questa quinta stagione. Tuttavia, siccome una serie tv non può giocare continuamente sul consolidamento dei segreti senza mai elargirne una spiegazione, questa puntata (che segna il -4 al season finale) cala l’asso, dando forma e consistenza al momento vociferato dall’inizio della stagione: l’incontro con la Distruttrice di Mondi.
Per coloro che hanno buona memoria e uno spiccato spirito d’osservazione, la saga della Distruttrice di Mondi mostra diversi punti comuni con la saga del Fallen Agent che ha contraddistinto tutta la seconda metà della terza stagione fino al doppio season finale. Ai tempi, la Fallen Agent Saga promise la morte di uno degli agenti S.H.I.E.L.D. protagonisti, cosa che spinse il serial a bombardare lo spettatore di situazioni in cui chiunque poteva morire. Poi, come meglio spiegato nella recensione di “Absolution/Ascension“, l’episodio dimostrò che il termine “Fallen Agent” aveva un significato molto più ampio di quello terreno e strettamente legato alla morte fisica di un personaggio. Ecco, “All Roads Lead…” sembra suggerire allo spettatore che le cose stiano andando in maniera analoga.
Con questa puntata, il serial mostra di aver abilmente giocato lo spettatore con le informazioni da egli stesso rilasciate. Con il termine “Distruttrice di Mondi”, si è sempre inteso qualcuno che attivamente si è prodigato alla distruzione del mondo con il preciso intento di farlo; infatti, le due potenziali candidate sono diventate, ad un certo punto, Ruby e Daisy per i motivi spiegati nel corso degli episodi.
La 5×18, però, smentisce tutto quanto, mettendo a segno un colpo di scena tipico della creatura Marvel Studios/ABC, e martellando lo spettatore con concetti ben precisi finendolo per farlo concentrare solo ed esclusivamente su quelli, tralasciando ogni altra possibilità. Eseguendo una Mossa Kansas City perfetta, come fatto per la Fallen Agent Saga, la Destroyer Of Worlds Saga ribalta completamente il significato di “Distruttrice di Mondi”; il termine non si riferisce più a chi si impegna per raggiungere questo risultato, quanto più chi preclude ogni possibilità di salvezza, condannando le sorti del creato. In sintesi, Yo-Yo è la Distruttrice di Mondi. O forse lo è ancora Daisy. O forse lo è comunque Ruby. O forse lo sono tutte e tre.
Particolare e interessante è il rilascio del Gravitonium dal cadavere di Ruby che sembra poi essere assorbito dalla Terra. Quest’ultimo dettaglio può essere una chiave decisiva per la risoluzione del mistero e delineare tutta la motivazione dietro la futura distruzione del pianeta. Infatti, Ruby può aver contribuito alla sua fine immagazzinando dentro di sé il Gravitonium, dimostrando come diventi energia “controllabile” solo se chiuso in un contenitore. Tuttavia, anche Yo-Yo può aver contribuito alla distruzione del pianeta, dato che ha commesso “l’errore” di uccidere Ruby e rilasciare una forma di energia già incontrollabile di per sé, ma comunque meno gestibile se lasciata in libertà. In tutto questo, anche Daisy può comunque contribuire alla distruzione del globo, in quanto il rilascio del Gravitonium in forma energetica può aver destabilizzato il campo gravitazionale della Terra e se già in natura i forti terremoti producono anomalie in tal senso, figuriamoci un terremoto di Quake in un contesto altamente destabilizzato. Detto in soldoni? La Distruttrice di Mondi – come il Fallen Agent a suo tempo – può non essere una persona precisa con determinate intenzioni, ma il risultato di una serie di decisioni sbagliate ordite da più individui.
Ma in tutto questo cianciare teorico, un’altra cosa che lascia sicuramente stupefatti è come, nonostante tutto, ogni tentativo di affrontare (e cambiare) una storia già scritta dia come semplice e disarmante risultato quello di farla avverare. Per questo, indipendentemente da chi o cosa sia il Destroyer Of Worlds, come suggerisce il titolo tutte le strade stanno portando all’apparente inevitabile risultato, dettaglio che sancisce ulteriormente il tono drammatico della 5×18. In tutto ciò, nonostante il bel parlare di “All Roads Lead…”, c’è comunque qualcosa che non va, sicuramente inezie rispetto a tutto il resto, ma comunque difetti che vanno individuati in quanto tali.
In questa seconda parte della quinta stagione, Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D. ha scomodato alcuni personaggi delle passate stagioni, un po’ per auto-celebrarsi meritatamente, e un po’ per riutilizzare vecchi personaggi per nuovi scopi. Per come erano stati reintrodotti, quest’ultimi sembravano parte di qualche storyline più grande che però ha finito col non procedere verso nessuna parte, lasciando molti degli stessi a gravitare per la trama senza scopi precisi. E’ indubbio che questa sia la conseguenza di avere tra le mani una trama difficile da gestire e che ha richiesto qualche taglio, però scomodare così degli elementi per poi trascurarli, beh, è comunque un grande spreco.
  1. “It’s not a plane, it’s a bird” dice Coulson ad un certo punto della puntata. Piccola, reinterpretata citazione a Superman?
  2. In questa puntata scopriamo il nome del misterioso collegamento di Hale con la confederazione: Qovas. Attualmente il nome non corrisponde a nessun personaggio dell’Universo Cartaceo Marvel conosciuto, tuttavia, nelle ombre, si è riuscito a riconoscere l’attore. Si tratta di Peter Mensah, attore che non solo ha prestato le fattezze per le altre apparizioni retroattive di Qovas in Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D., ma che ha già recitato in un opera dei Marvel Studios; il suo “primo rodeo” risale a The Incredible Hulk dove ha interpretato il generale Joe Greller.
  3. Il titolo dell’episodio è preso dal proverbio “tutte le strade portano a Roma”.
THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Talbot is Hydra
  • La definizione di “Distruttrice di Mondi”
  • Yo-Yo uccide Ruby
  • Ruby uccide Werner
  • Dramma e tensione nella puntata
  • Tutte le strade portano alla distruttrice di mondi
  • Qovas si rivela
  • Talbot is Hydra
  • Da Uomo Assorbente, a Uomo Soprammobile
  • Ok che si è riscoperto Deke come nuova linea comica, ma a volte potrebbe anche astenersi dal parlare

 

Con un titolo decisamente appropriato, “All Roads Lead…” mette in scena nella 5×18 di Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D. il momento che tutti aspettavano e temevano: la rivelazione del Distruttore di Mondi. O almeno, una sua possibile interpretazione. La trama si fa sempre più drammatica e sembra oramai vicina all’inevitabile conclusione mostrata nella doppia premiere. Non resta che mettersi comodi e vedere come andrà a finire.

The Honeymoon 5×17 1.82 milioni – 0.5 rating
All Roads Lead… 5×18 1.67 milioni – 0.4 rating

 

Nato da un'idea di Stefano Accorsi e appassionato di fumetti, telefilm, film, musica e scrittura. Si unisce a RecenSerie perché gli piaceva troppo dire la frase: "Ogni recensione in più, è un passo in meno per ottenere una cattedra nell'insegnamento". Non è un idiota, è solo che lo disegnano e caratterizzano così, e Frank Miller non è pagato abbastanza per abbassarsi così tanto. E' destinato a salvare la cheerleader: il problema è che già conosce poco la geografia di casa sua, figuriamoci se sappia dove si trovano gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Marvel's Agents Of S.H.I.E.L.D.

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: