);

How To Get Away With Murder 6×07 – I’m The MurdererTEMPO DI LETTURA 3 min

in How To Get Away With Murder/Recensioni by
Forse non tutti se ne sono accorti, o forse non vi si è prestata tanta attenzione, ma uno dei principali spoiler per questa sesta ed ultima stagione, How To Get Away With Murder lo aveva già rivelato lo scorso settembre.
A pochi giorni dalla season premiere, infatti, era stata resa nota la notizia che l’attrice Karla Souza, interprete sin dal primissimo episodio del personaggio di Laurel Castillo, non sarebbe più stata una regular nel cast. Una notizia fortemente ambivalente se si pensa che la stessa Laurel si era posta come cliffhanger primario al termine di “Please Say No One Else Is Dead”, season finale della quinta stagione. Qualsiasi siano le motivazioni che hanno spinto all’uscita di scena della Souza (seppur è già confermato che il suo personaggio farà una comparsata in alcuni episodi prima che la serie si concluda) il colpo di scena con il quale si era chiuso lo scorso ciclo appare a posteriori come un falso cliffhanger. Tutte le aspettative e le supposizioni che tale evento avevano creato, infatti, in questo inizio di stagione sono state forzatamente messe da parte. Della scomparsa di Laurel e del piccolo Christopher non vi è più alcuna traccia e la storyline ufficiale sembra essersi spostata da tutt’altra parte. Un vero spreco di opportunità che si spera nella seconda parte di stagione ottenga un minimo più di coerenza narrativa, giungendo finalmente da qualche parte.
Intanto, orfana di questa storia, lo show della ABC continua a procedere nella sua confusa ramificazione di diverse situazioni ancora non ben definite. Tuttavia questo settimo episodio fortunatamente riesce a distinguersi grazie a quel plus che saltuariamente viene messo al centro dei 42 minuti settimanali. “I’m The Murderer”, infatti, si guadagna i favori grazie all’introduzione di un buon caso legale verticale, ottimo nel distribuire meglio la narrazione, rendere più interessante la puntata (merito di una buona storia portata in scena) e, soprattutto, dare qualcosa di più stimolante da fare ai protagonisti che altrimenti non farebbero altro che ciarlare sulla loro sorte che, a loro dire, comprenderebbe solo la morte o l’arresto.
Il caso legale in questione, poi, è servito anche a dare un po’ più di senso al personaggio di Gabriel, che in questa veste di studente/avvocato appare molto più gradevole da seguire.

“I did it! It was me! Arrest me! I did it! Arrest me! I’m the murderer! Arrest me!” 

Mentre ci si avvicina al mid season finale, alcune trame al momento considerate totalmente inutili iniziano a raccogliere nuovi elementi che potrebbero favorirne lo sviluppo. Il team composto da Nate e Bonnie, infatti, continua ad essere di una pedanteria unica, ed il continuo tira e molla con Tegan non ha aiutato di certo. Tuttavia, adesso che il loro intento inizia a porsi, a loro insaputa, contro i loro stessi interessi e con Annalise e soprattutto Frank interessati a fermare questa causa contro la Governatrice, forse qualcosa di più intrigante potrebbe anche venirne fuori. O almeno si spera.
Strano ma vero, a deludere questa volta sono i tanto apprezzati flashforward. Una delusione che in realtà è andata crescendo sin dagli scorsi episodi, quando le nuove informazioni continuavano ad essere davvero limitate; dopo un Asher completamente insanguinato, adesso è il turno di Oliver apparire completamente scosso e pronta ad accusarsi del tanto misterioso assassinio: momenti già visti in passato e che di solito si dimostrano fuorvianti in maniera deludente. Ma restiamo in attesa di essere smentiti.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il caso legale di giornata al centro dell’episodio: sempre un buon metodo per sviluppare le puntate 
  • Gabriel più apprezzabile in versione studente/avvocato
  • Speranza di avanzamento ed interesse per la trama Nate/Bonnie
  • Flashforward inutili
  • La storyline di Laurel messa completamente da parte… ma, date le premesse, c’era da aspettarselo

 

Una trama messa da parte, un’altra che forse inizia a prendere veramente forma e flashforward sempre più criptici: il vero colpo di scena dell’ormai imminente mid season sarà quello di mostrare dove si vuole davvero andare a parare.

 

Family Sucks 6×06 2.16 milioni – 0.4 rating
I’m The Murderer 6×07 2.21 milioni – 0.4 rating

 

Sponsored by How to get away with Murder Italia

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: