);

Away 1×02 – Negative ReturnTEMPO DI LETTURA 4 min

/
Dopo lo sfavillante pilot, le domande circa la gestione della stagione, piuttosto lunga sulla carta per una tematica come il viaggio su Marte, erano comunque rimaste. Ovviamente il rischio di creare una certa ripetitività nei problemi riscontrati dai cinque astronauti o nel riproporre tematiche già viste in altri film/serie era, è e rimarrà la difficoltà principale da affrontare, tuttavia è un problema che però sembra non essere in fin dei conti un vero problema.
Con “Negative Return”, Away comincia a sviscerare un po’ il modus operandi con il quale Andrew Hinderaker ed il suo team di sceneggiatori andranno a costruire i successivi episodi e, francamente, la struttura non dispiace affatto anche se non è innovativa. Chiaramente la componente emotiva, così come nella series premiere, diventa la chiave per tenere viva la narrazione nello spazio e anche sulla Terra dove i drammi della famiglia Green continuano a consumarsi in una quotidianità disarmante che riesce a bucare lo schermo.

 

TETHER


Emma:It’s just the two of us out there, Misha. We have to work together. You have to trust me.
Misha:Look, spacewalk is like war: you have to trust the man walking with you to save your life, or viceversa. Now, you and I, first time with emergency: you froze. Trust, it’s good. It’s important. But it must be earned, Commander.

Go” aveva l’obbligo di presentare la serie (cosa che è stata fatta decisamente bene), “Negative Return” ha il compito di mostrare di che pasta è fatta Away. Ecco quindi emergere il DNA della serie che, a questo punto sembra chiaro, utilizzerà i salti temporali (di lostiana memoria) per approfondire e caratterizzare al meglio i cinque astronauti. E lo stratagemma funziona piuttosto bene visto che si cambia percezione del burbero e russo (perchè effettivamente essere russi in una serie americana non è semplicemente un aggettivo ma implica tutta una serie di caratteristiche stereotipate) Misha.
Allo stesso tempo si può notare un certo “long term plan” messo in moto già in “Go“, ovvero la riappacificazione, nonché la nascita della famigerata fiducia, tra la Commander ed il duo Misha-Lu. È quindi lecito aspettarsi che da qui in poi ogni puntata sia dedicata a ciascun membro della spedizione, ovviamente supportando la narrazione con dei flashback che aiutino a spiegare la problematica spaziale del giorno. Niente di innovativo, come si diceva, ma è un qualcosa che funziona veramente bene come si può constatare sia dalla scena d’azione nello spazio che fa avvicinare Emma e Misha, sia dai faccia a faccia tra i due.

 

UNTETHER


Chiaramente, come si diceva, il rischio di incorrere in qualcosa di già visto c’è e, nonostante gli sforzi per nasconderlo o evitarlo, “Negative Return” si rende parzialmente vittima della cosa. Le potenzialità offerte dalla presenza di un problema potenzialmente mortale in una navicella spaziale non è ovviamente nuova al pubblico, anzi è un escamotage abusatissimo sia per tenere alta la tensione, sia per avere effettivamente qualcosa di “attivo” su cui focalizzarsi in un ambiente altrimenti piuttosto monotono.
Jessica Goldberg (ancora maledetta per The Path), pur nella mancanza d’innovazione della trama, riesce però a far riaffiorare l’aspetto umano della vicenda, che è la chiave fondamentale per rendere una scena che puzza di già visto in qualcosa di nuovo. Una tecnica che, più in generale, viene applicata basicamente a qualsiasi storia d’amore del piccolo e grande schermo e che, se ben raccontata, può sembrare praticamente nuova. Come accade infatti qua: la passeggiata spaziale si tramuta in un’occasione di riavvicinamento per i due colleghi che sono forzati a fidarsi l’uno dell’altro in un’escalation di tensione che si fa serenamente perdonare per non rappresentare una novità.
E quando questo accade non si può che riconoscere la bravura di regia, sceneggiatura e attori.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Regia e CGI sempre veramente ma veramente ben curate
  • Hilary Swank e Mark Ivanir hanno un’ottima chimica
  • La carica emotiva batte l’effetto “già visto”
  • La tensione della scena fuori dalla navicella, pur sapendo che Emma verosimilmente non morirà, vale da sola l’intera puntata
  • Ci sono alcuni clichè del genere che ovviamente risaltano qua e la

 

Complessivamente “Negative Return” riesce a combattere con i fantasmi del passato cinematografico surclassando le problematiche che ne derivano grazie ad un’ottima regia che, insieme ad una carica emotiva importante, riesce a trascinare lo spettatore tutto d’un fiato fino alla fine dei 48 minuti. Ed il Thank è più che meritato.

Fondatore di Recenserie sin dalla sua fondazione, si dice che la sua età sia compresa tra i 29 ed i 39 anni. È una figura losca che va in giro con la maschera dei Bloody Beetroots, non crede nella democrazia, odia Instagram, non tollera le virgole fuori posto e adora il prosciutto crudo ed il grana. Spesso vomita quando è ubriaco.

Rispondi

Precedente

Recenews – N°338

Prossima

Raised By Wolves 1×01 – Raised By Wolves

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: