);

Homecoming 2×01 -PeopleTEMPO DI LETTURA 3 min

in Homecoming/Recensioni by

Homecoming torna a distanza di un anno e mezzo su Amazon Prime e desta chiaramente molta curiosità. Da un lato il motivo è dettato dalla gestione della serie che potrebbe quasi essere definita come “antologica” visto il cambio di ambientazione e soprattutto la nuova protagonista, dall’altro c’è chiaramente lo stimolo di vedere dove questa seconda stagione possa andare a parare, specie dopo un finale come “Stop“. Tecnicamente il finale aperto non necessitava di una continuazione ma Amazon Prime aveva già dato un ordine iniziale per due stagioni e questo ha permesso, chiaramente, ai due showrunner Micah Bloomberg ed Eli Horowitz di sfruttare l’occasione al meglio diluendola nel lungo periodo.

Hello? Are you there? Hello? Are you there?

Al centro di tutto la figura molto ambivalente del Geist Group era e rimane il fulcro di tutto, in questa stagione cambia però la prospettiva e, dai quattro protagonisti della prima stagione (Heidi Bergman, Colin Belfast, Walter Cruz e Thomas Carrasco) che a giudicare dai credits hanno ampie possibilità di tornare, si passa a Jacqueline Calico (interpretata dalla poliedrica Janelle Monáe) e Mr. Leonard Geist (Chris Cooper non necessita di alcuna presentazione). Una scelta audace che sembra però ripagare molto bene anche già guardando il primo dei sette episodi di questa stagione. Il continuo salto temporale tra presente e futuro viene abbandonato, rimane invece valida la scelta di riproporre lo spaesamento del character principale che serve come viaggio per la storyline principale.
Monáe, più famosa come cantante che come attrice, è una bella sorpresa a livello recitativo e, anche grazie alla riproposizione dello schema già visto nell’esordio della serie, riesce subito a conquistare il pubblico che empatizza naturalmente con la sua situazione. La confusione iniziale, la necessità di trovare risposte ed i pezzi del puzzle che lentamente vengono collezionati sono tutti resi molto bene dall’attrice che, nonostante un’ombra importante di nome Julia (nominata tra l’altro come Best Actress In A Drama per il ruolo ai Golden Globe Awards), riesce a catalizzare con successo su di sè l’attenzione e l’empatia. Come nelle migliori delle occasioni però, ci vuole sempre un certo supporto da parte di character secondari e Buddy in questo caso aiuta davvero tanto.
Ultima chicca di questa “People” è la regia. Sam Esmail, pur rimanendo come produttore esecutivo, si allontana dalla macchina da presa e lascia a Kyle Patrick Alvarez che compie un lavoro più che egregio tentando di riprodurre la tecnica del Maestro Sam. Alcune inquadrature, specie nel motel o nel lago, sono ottimi omaggi ma chiaramente la differenza che intercorre tra Alvarez ed Esmail c’è e non è veramente colmabile. Va però più che apprezzato il tentativo di mantenere uno stile univoco nella regia, in modo da dare linearità e unire simbolicamente le due stagioni nonostante le varie differenze.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Non ci sarà più Esmail alla regia ma Kyle Patrick Alvarez prova a non tradire lo stile riuscendo piuttosto bene a riproporre lo stile
  • Janelle Monáe riesce subito a bucare lo schermo e non era un’impresa facile riuscire a sostituire Julia Roberts
  • La durata dell’episodio continua ad essere un’arma vincente
  • Finale che introduce Leonard Geist
  • Buddy
  • Scena iniziale veramente ad effetto 
  • Niente da segnalare

 

Il ritorno (non richiesto ma apprezzato) di Homecoming è veramente ben fatto, curato sia a livello di casting che di trama e, soprattutto, di regia. C’è chiaramente l’intenzione di far luce su un’altra parte della storia che non è stata raccontata ed il desiderio di proseguire subito la visione aumenta esponenzialmente nei minuti finali. “People” è un’ottima season premiere che merita il Bless.

 

Stop 1×10 ND milioni – ND rating
People 2×01 ND milioni – ND rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: