);

The Vampire Diaries 5×09 – The CellTEMPO DI LETTURA 3 min

/
Dopo la consueta pausa per la Festa del Ringraziamento, tornano i vampiri di Mystic Falls con i loro bagagli di gioie, dolori e banalità; si, perchè dopo una parte di episodio azzeccata, si spalanca davanti a noi una voragine di inconcludenza e cattive idee, frutto di menti un pò annoiate che non hanno più molto da raccontare (si autori, mi riferisco proprio a voi).
Il cliffhanger della scorsa
puntata mi aveva lasciato parecchio incuriosita e non sono stata delusa: l’incursione nel passato di Damon e di conseguenza nella società segreta Augustine, ci ha rivelato un lato doloroso ed oscuro della vita del vampiro ma soprattutto è stato un modo per conoscere meglio quello che si prospetta essere il vero nemico della stagione. Gli esperimenti sui vampiri, nonostante siano una scelta narrativa spesso utilizzata (basti pensare a “True Blood”), risulta interessante, soprattutto alla luce di quello che si è scoperto e che potrebbe avvenire. Mi è piaciuto molto il flashback, finalmente è stato dato spazio a Damon, alla sua storia e alla sua personalità e l’introduzione di Enzo porta un pò di novità, almeno nella dinamica Delena. La ragazza infatti ha silenziosamente mal giudicato il vampiro per aver abbandonato l’amico alle fiamme, non ha nemmeno capito il perpetuarsi della sua vendetta contro la famiglia Whitmore e della setta. Guai in paradiso? Malumori di coppia a parte, l’episodio porta l’attenzione sul carattere di Damon, sul perchè delle sue scelte, sulla sua abitudine di cavarsela sempre da solo per paura di legarsi a qualcuno e conseguentemente deluderlo. Dietro la maschera del maggiore dei Salvatore non è tutto bianco o nero, c’è tutto un mondo di emozioni che Elena è convinta di capire ma che di fatto non comprende. Accetta il ragazzo per quello che è a parole ma appena lui le concede fiducia, rivelando i suoi lati più oscuri, la ragazza è colta da dubbi.
La puntata è letteralmente divisa in due trame: se la prima riguarda Damon, la società Augustine e si orienta a percorrere la strada intrapresa già ad inizio stagione, la seconda è ancora legata al trauma non risolto di Stefan.
Questa è a mio parere ciò che meno funziona dell’episodio sia a livello di racconto, (come si collega con la trama orizzontale?), sia a livello di scelte relazionali. Posto che in un teen drama l’ammmore deve sempre essere presente, così come l’accoppiarsi random di alcuni personaggi, ho trovato senza alcun senso l’avvicinamento tra Stefan e Katherine.
Ora, alcuni di voi diranno che la Petrova ha sempre avuto un debole per il vampiro ed è vero, ma la mia domanda resta questa: è proprio necessario? Katherine umana ha molte nuove possibilità da esplorare, non ultima lo scorrere del tempo, il rapporto con la figlia; si poteva tranquillamente trovare un modo diverso per giustificare la sua presenza nello show ma questo è di una banalità senza fine. Stefan che si aggrappa alla copia di Elena, almeno fisicamente, pur di non rinunciare a lei, perchè è questo quello che traspare. Non sono per niente convinta, è possibile che la mancanza di idee provochi questi scivoloni?
Voglio deliberatamente sorvolare sul come Caroline tenti di risolvere, dall’alto della sua alta conoscenza della psicologia, la sindrome da stress post-traumatico del vampiro…seriously?
Matt e i viaggiatori sono nuovamente perduti al Mystic Grill, Jeremy e la rediviva Bonnie spariti, la storia fa acqua un pò da tutte le parti e la noia comincia a insinuarsi anche negli spettatori più fedeli; la puntata meriterebbe due voti diversi, convince soltanto a tratti e non è un buon segno.

PRO:

  • Incursione nel passato di Damon
  • Conosciamo un pò di più la società segreta
  • Enzo, vampiro new-entry
CONTRO:
  • Stefan e Katherine: no, no, no!
  • Trama poco consistente
  • Personaggi che non apportano nulla alla storia principale

The Vampire Diaries sta lentamente cedendo il passo al vuoto: a momenti interessanti che possono risollevare le sorti di una stagione stagnante, fanno capolino scelte inutili e scontate. Puntata sufficiente, migliore di altre ma ancora non basta, bisogna impegnarsi molto di più.

VOTO EMMY 

Un tempo recensore di successo e ora passato a miglior vita per scelte discutibili, eccesso di binge-watching ed una certa insubordinazione.

Rispondi

Precedente

Scandal 3×09 – YOLO

Prossima

The Big Bang Theory 7×10 – The Discovery Dissipation

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: