Narcos 1×08 – La Gran MentiraTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by
Se nelle recensioni precedenti si era osservato come Narcos si caratterizzasse per l’alta dose di avvenimenti che si susseguono a ritmo serrato, con questa puntata si raggiungono livelli record: in 54 minuti accadono fatti così importanti a livello narrativo da farci su una sola stagione. Potrebbe quasi trattarsi di un difetto se tali avvenimenti si asserragliassero uno dietro l’altro in maniera confusa o sbrigativa, ma non è ovviamente questo il caso. Narcos si è dimostrata (all’alba della penultima puntata possiamo usare il passato con una certa sicurezza, fiduciosi che nulla di quanto possa accadere nelle ultime due potrà rovinare l’esperienza di visione finale) una serie di prima qualità che, sì, partiva avvantaggiata dal fatto di trarre spunto da eventi reali sicuramente meritevoli di attenzioni, ma si è anche prodigata a lavorare su questa base al meglio. Dagli spezzoni di veri servizi televisivi, alle foto reali dei personaggi, dall’utilizzo dello spagnolo al narratore che si rivolge al pubblico, tanti sono gli elementi di originalità che hanno reso Narcos un vero spettacolo.

Non ultima è la particolare modalità con cui gli eventi vengono mostrati: senza mai soffermarsi più del dovuto su un singolo fatto. Lo spettatore viene trascinato lungo l’arco narrativo un po’ come in una visita guidata ad un museo: come la guida conosce nei dettagli tutti i quadri ma durante la visita decide di soffermarsi solo su quelli che ritiene più importanti o adatti ai visitatori, accennando solo agli altri, così gli sceneggiatori, personificati nella voce narrante di Murphy, accompagnano lo spettatore nel viaggio all’interno della storia che hanno “creato”, soppesando i vari momenti per decidere quali siano meritevoli di un minutaggio appropriato e quali debbano solo essere toccati en passant (ovvero tramite immagini fugaci accompagnate dalle brevi spiegazioni di Murphy).
È così che in questa puntata sono riusciti ad inserire, senza sopraffare lo spettatore nella visione, nell’ordine: l’uccisione della giornalista e figlia dell’ex Presidente della Colombia Diana Turbay, l’attentato a casa Escobar, la morte di Gustavo, “l’arresto” di Pablo. Tranne l’attentato a casa di Pablo, completamente inaspettato (ad eccezione, forse, per quella regola non scritta per cui quando gli autori scelgono di mostrare una scena di pace e serenità per i protagonisti, deve succedere qualcosa di brutto all’improvviso), gli altri avvenimenti sono stati, per così dire, preparati. Per la morte di Diana (per chi non ne fosse già a conoscenza) c’erano le parole di Murphy ad introduzione dell’operazione del Search Bloc che avevano dato ad intuire che sarebbe andata a finire male. Per la morte di Gustavo profetico era stato quel “Let’s hope they don’t make you pay for it later” di Pablo al cugino riguardo al fatto che se la spassasse con la sorella degli Ochoa. Che questi stessero solo aspettando il momento giusto per abbandonare il carro Escobar si era visto già da un po’; l’occasione fa l’uomo ladro, figuriamoci poi se l’uomo è un trafficante. “It is often said there is no honor among thieves. That’s doubly true of drug dealers“.
Dulcis in fundo, con “La Gran Mentira” si arriva ad un punto di svolta per l’arco narrativo dei poliziotti. Tutto era iniziato così in “Descenso“: poliziotti americani che scovano narcos e mandano poliziotti colombiani ad ammazzarli. Che se non fosse stato perché si sa che Escobar e compagnia cantante non sono stinchi di santi, c’era da pensar subito che questa era una serie su poliziotti cattivi e corrotti che ammazzano gente senza pensarci due volte. Ma lo stesso Murphy avvertiva: “don’t call me a bad guy just yet“. Queste otto puntate servivano a mostrare al pubblico le nefandezze dei narcos per farlo empatizzare con i poliziotti, fino a giustificare quella scena iniziale, in “Descenso“, del bagno di sangue per i sicarios, e probabilmente l’obiettivo è stato raggiunto. Ma, parallelamente, si riesce anche ad empatizzare con Pablo per la morte del suo amato cugino, grazie ad una scena commovente e composta, enfatizzata dal minutaggio particolarmente consistente (tornando a quanto detto sopra) che ancora una volta punta a mostrare il lato umano del mostro.

Sarà interessante se alla fine si avrà un confronto tra la coppia Murphy-Peña e Escobar. Carrillo s’è preso la sua parte confrontando Gustavo e facendone ciò che voleva; non ha ottenuto Escobar ma perlomeno ha placato un minimo la sete di vendetta sua e dei suoi; Murphy e Peña, legati dalla burocrazia, hanno assistito impotenti a “La Gran Mentira”, aka la “Grande Bugia”, con cui Escobar si fa portare nella “prigione” di lusso col benestare del Presidente Gaviria, arresosi anche lui alla forza della violenza dei bandidos. Le atrocità viste e vissute e il senso di impotenza crescente di fronte ai “veri cattivi” ha trasformato gli unici poliziotti onesti e incorruttibili in assassini quasi altrettanto famelici dei bad guys che cercano di catturare.
Bad guys don’t play by the rules. That’s what makes ‘em bad. Maybe that’s what lets ‘em win. […] You wanna call me a bad guy? Fine. But if you do, it just means that you haven’t met enough bad guys yet to know the difference.” E questa è l’altra “grande bugia”, quella che Murphy vuole raccontarsi per giustificare le sue azioni prima di tutto con sé stesso (e poi con lo spettatore). O quella che probabilmente ha bisogno di raccontarsi perché, come aveva detto poco prima Pablo: “es are necessary… when the truth is too difficult to believe. Right?“.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Piccoli dettagli disseminati qua e là, come la scena in cui Gorilla smette improvvisamente di parlare con Diana perché si rende conto che, come aveva detto Pablo, lei potrebbe rigirarselo con le parole; o il confronto tra la giornalista e Escobar
  • Nosotros somos bandidos, no sapos, hijo de puta
  • La commozione di Pablo per la morte di Gustavo
  • Geniuses are always branded as crazy
  • Ripetitività del tema della relatività dei concetti di buono e cattivo?
Un’altra eccellente puntata a due passi dal finale per Narcos che esemplarmente riesce a mettere tanta carne al fuoco, cuocendola perfettamente. Solo il timore che il tema cardine di queste puntate potrebbe non reggere fino al finale ci impedisce di assegnare il massimo dei voti; non uccideteci per questo come fossimo narcos ad un party.
You Will Cry Tears Of Blood 1×07 ND milioni – ND rating
La Gran Mentira 1×08 ND milioni – ND rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: