The Deuce 1×04 – I See MoneyTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/The Deuce by
Fin dal principio HBO ha investito molto nel progetto di questa nuova serie, tanto che a creare il mondo di The Deuce sono stati chiamati David Simon e George Pelecanos, due nomi che rappresentano una garanzia. Con due protagonisti come James Franco e Maggie Gyllenhaal, note star di Hollywood nonché produttori della serie, il successo sembrava assicurato. Non è un caso allora che nonostante siano stati trasmessi solo i primi episodi, il network abbia già ordinato il rinnovo per una seconda stagione, puntando con decisione sul suo nuovo format originale.
David Simon nelle sue creazioni è solito concentrarsi sull’atmosfera e sulla caratterizzazione delle città come Baltimora (The Wire), Yonkers (Show Me a Hero) e New Orleans (Treme). Anche questa volta appare chiaro come la vera protagonista della serie sia la città di New York e tutto ciò che ruota intorno ad essa. Sulla “the deuce“, malfamata zona di New York tra la 42esima strada e Times Square, regnano l’anarchia, la droga e la prostituzione, in un mondo parallelo a sé stante. Tutti i protagonisti della serie si ritrovano poi al Hi-Hat, nuovo locale di Vincent aperto grazie all’appoggio della criminalità italo-americana.”Vincent I have a great idea and I’m starting to think you’re the right man for me.“Per ora tuttavia, il main theme della serie – la legalizzazione dell’industria pornografica – risulta essere assente, salvo qualche accenno in “Show And Prove“. Non era lecito aspettarsi forse molte scene di sesso esplicito come in Californication o un’approfondita analisi delle tematiche erotiche come in Master Of Sex, ma sicuramente la scarsa attenzione dedicata al tema è anomala. Fin dalla series premiere risulta evidente come gli autori non abbiano nessuna fretta, con l’intenzione di prendersi tutto il tempo necessario per una caratterizzazione profonda dei personaggi tramite una narrazione di ampio respiro.”I wonder what will say the autopsy… dead by mouth.“La doppia interpretazione di James Franco dei gemelli Martino e della Gyllnehaal di Candy/Eileen risultano essere per ora il punto forte della nuova serie targata HBO. I due gemelli sono personaggi completamente opposti, come le due vite parallele portate avanti dalla protagonista femminile, madre di giorno e prostituta di notte, nonché aspirante attrice hard. Il personaggio di Abby invece, anche se finalmente entrato in contatto con il mondo di Vincent, è poco caratterizzato a causa del basso minutaggio riservatole. L’ex studentessa universitaria, di estrazione borghese, poteva rappresentare il perfetto trade union tra le diverse anime in subbuglio, che all’epoca animavano New York City, dove i cambiamenti generazionali e la guerra in Indocina avrebbero a breve cambiato radicalmente la società a stelle e strisce. Infatti, la grande tematica della Guerra in Vietnam, brevemente accennata nella puntata precedente, potrebbe rappresentare per il futuro uno spunto veramente interessante per comprendere al meglio gli enormi cambiamenti in seno alla società americana del tempo.
Anche in questa puntata dunque, realizzata in modo impeccabile, il vero problema risulta essere lo sviluppo della trama, che procede in maniera lenta, frammentata e fatica a decollare.
THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Interpretazione di James Franco e Maggie Gyllenhaal
  • Atmosfera di New York
  • Narrazione impeccabile
  • Hi-Hat
  • Abby
  • Where is the porn?
  • Eccessiva lentezza della trama

 

Un episodio stilisticamente perfetto ma poco appetibile a causa di un’eccessiva lentezza che inizia a diventare un problema per la serie.

 

The Principle Is All 1×03 0.99 milioni – 0.3 rating
I See Money 1×04 0.94 milioni – 0.3 rating

Tags:

Fra la movida tipica dello studente fuorisede a Bologna e la mia dipendenza da serie tv, sono riuscito anche a laurearmi in storia. Patito di cinema e ardito seguace di anime&manga giapponesi, frequento abitualmente serate di musica elettronica e concerti dei gruppi più disparati. Tra le mie numerose patologie spicca il mondo dei tattoo ; amo farmi tatuaggi, molti tatuaggi. Lostiano intransigente, trascino la mia lunga barba da una serie tv all’altra, sperando di risvegliarmi tra Kattegat e Winterfell. Nel frattempo assecondo la mia passione per il gin lemon, perchè la notte è buia e piena di terrori.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: