);

Away 1×10 – HomeTEMPO DI LETTURA 3 min

/

Away, dopo quasi dieci ore di girato, riesce finalmente a portare i cinque astronauti (e gli spettatori) su Marte. Un traguardo veramente agognato che però è diventato tale anche per merito, più che colpa, delle svariate disgrazie/sfortune avvenute sia sulla Terra che nello spazio. A posteriori, pur volendo enfatizzare la dilatazione dei tempi e l’evoluzione dei rapporti tra astronauti e tutti coloro che sono rimasti sulla Terra, una stagione da 10 episodi così poteva serenamente essere accorciata a 8 puntate e nessuno si sarebbe lamentato. E sicuramente avrebbe giovato sapere sin dall’inizio se Away sia o no una serie composta da un’unica stagione.
Chi scrive ha adocchiato il titolo di questo season/series finale sin dall’inizio della visione della serie e, ovviamente, si era fatto un film mentale diverso rispetto a quanto è effettivamente accaduto. Il titolo “Home” punta volutamente lo spettatore verso un ipotetico ritorno a casa, depistando quella che è la reale intenzione della serie: atterrare su Marte e poi ripartire, il tutto mostrando queste due fasi in altrettante stagioni.

Houston, Atlas: touchdown confirmed.

Il modo in cui termina questa prima stagione di Away è molto intelligente perché, pur essendo una chiusura aperta, è soddisfacente in ogni senso e, soprattutto, lascia aperte le porte per una eventuale seconda e terza stagione qualora Netflix lo volesse. E a tal proposito sia Andrew Hinderaker che Jessica Goldberg, come annunciato di recente, hanno chiaramente costruito questa prima stagione con l’idea di svilupparne poi una seconda totalmente ambientata su Marte e chiaramente una terza che vedrà il ritorno dell’equipaggio dell’Atlas sulla Terra. Scelta corretta e supportata da un backup plan che lascia soddisfatti anche nel caso di un mancato rinnovo.
Guardando il tutto da un’altra prospettiva, ci si trova di fronte ad un’enorme occasione sprecata per il potenziale plot twist che si avrebbe avuto se la comunicazione “Houston, Atlas: touchdown confirmed” non fosse mai arrivata. Il dramma che sarebbe potuto esplodere sulla Terra, così come su Marte, sarebbe stato un qualcosa di inaspettato che avrebbe giovato sia nel breve che nel lungo periodo, oltre che essere comunque facilmente risolvibile una volta ripristinata la comunicazione. Hinderaker però sembra essere uno showrunner molto prevedibile, nel senso buono del termine, che non esagera ma ha un piano solido per la serie che comunque si fa apprezzare soprattutto per il lato umano.
E parlando proprio del lato umano, oltre a lasciare aperte diverse trame secondarie che puntano totalmente su tradimenti per le prossime stagioni, a volte “Home” esagera nel propinare certe situazioni. Si parla ovviamente del risultato del test sul CCM (in italiano noto come emangioma cavernoso) che mostra una Lexi mai soddisfatta nonostante la bella notizia, ma anche del rapporto tra Emma e Ram dopo che quest’ultimo si era dichiarato. Troppi drammi non richiesti che hanno il loro perché ma possono essere anche serenamente evitati, cosa che invece non si può dire della diatriba sulla presenza di Lu nella foto.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La sequenza finale con l’arrivo della navicella su Marte è spettacolare
  • Idem per l’impronta del primo uomo (russo) su Marte
  • Foto di gruppo marziana
  • Finale funzionale sia ad una seconda stagione che ad una possibile cancellazione
  • Lexi: prima depressa perché non sapeva se aveva il CCM, poi comunque sempre depressa per il risultato “positivo”. Un po’ meno lamentele non guasterebbero…
  • Prima parte dell’episodio piuttosto lenta e attendista
  • Ci sarebbe stato spazio per un ottimo plot twist sul finale se il messaggio dell’atterraggio non fosse arrivato alla NASA. Peccato…

 

“Home” non è né un capolavoro, né un pessimo season/series (?) finale, fa il suo dovere piuttosto bene soddisfacendo le aspettative ma non si permette nessun altro tipo di sforzo o twist narrativo. La sufficienza è ampiamente raggiunta sia dalla recitazione che dal comparto tecnico (regia, CGI), quello che manca è un po’ più di ardore osando e uscendo dalla famigerata comfort zone.

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Away 1x09 - Spektr

Next

The Third Day 1x01 - Friday - The Father

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: