);

Graceland 1×04 – Pizza BoxTEMPO DI LETTURA 4 min

/
E’ un periodo in cui parlare di cucina e cucinare in tv va un sacco di moda, come se quasi nessuno sapesse cucinare e pendessimo tutti dalle labbra dei cuochi che affollano ogni programma televisivo in fascia 12-14 o 19-23. Questa moda, non solo italiana, è ben radicata anche all’estero (dove ammettiamolo ne hanno decisamente bisogno) e ha tra le divinità culinarie ci sono Gordon Ramsey, Buddy Valastro e Rachel Ray. Bene scordatevi questi nomi perchè Graceland ci presenta la nuova cuoca più amata d’America, con ricette provenienti direttamente dal periodo dell’Inquisizione napoletana, signori e signore ecco a voi dopo un’estenuante tre giorni di ragù: Charlie!
I momenti in cui tutti gli abitanti di Graceland stanno insieme sono sempre molto apprezzabili: sei individui con nient’altro in comune se non la stessa casa e una vita fatta di bugie e doppie identità che cercano di passare al loro meglio i momenti di vita quotidiana. Tra battute e frecciatine neanche tanto velate l’atmosfera rimane sempre ironica e molto piacevole, almeno fino a quando non senti dei tentativi di italiano biascicato che ti gelano il sangue e ti fanno sperare di aver capito male oppure quando ricevi un messaggio dal più grande spacciatore di eroina della California del sud e devi saltare la cena per farti puntare una pistola alla testa.
Inconvenienti a parte l’episodio, decisamente etichettabile nella categoria filler visto l’assenza di riferimenti al “caso Briggs”, si focalizza su due storyline così come successo in “Heat Run” ma che a differenza di quest’ultimo risultano più piacevoli. La scelta di unire in missione le due menti comiche di Graceland non poteva non dare i suoi frutti e così Jakes e Tuturro si prestano ad un siparietto niente male con una pazza signora della marijuana che, tra una risata ed una pistola alla tempia, intrattiene i due. Tuturro finalmente viene messo un po’ in risalto a differenza delle scorse puntate e viene a galla il personaggio che finora abbiamo faticato a conoscere ma non ad apprezzare. Il talento comico di Johnny è indiscutibile, specialmente nella sua sbruffonaggine costantemente smontata, ma in accoppiata a DJ gli autori riescono ad alternare sapientemente momenti drammatici a quelli comici ed il risultato è un’ottima storyline che non fa rimpiangere in alcun modo il minutaggio che le è stato concesso.
Se da qualche parte della California mezza Graceland rischia l’esecuzione per una copertura saltata, la situazione non va meglio a Mike e Paul che vengono invischiati nel giro di Bello ma non nel modo in cui speravano. Briggs è il grande escluso dell’operazione, e anche della puntata, perchè fondamentalmente inutile per gli scopi attuali di Bello e la sua estromissione dai giochi abbassa anche il livello di aspettative sull’operazione. Senza Briggs al timone doppi e tripli giochi non sono immaginabili ed infatti non ce ne sono ma se la sua assenza ci priva di sorprese narrative dall’altro ci permette di constatare come il giovane Mike stia crescendo fin troppo velocemente. Levi è un cadetto modello perchè conosce ogni tattica per liberarsi da situazioni apparentemente impossibili ribaltando la situazione a suo favore, vedasi l’agguato di Eddie, ma non è stato addestrato a sopportare le conseguenze delle sue azioni, non c’è un manuale per affrontare i sentimenti causati da un uomo che si spara in bocca di fronte a te, non ce ne sono e non ce ne saranno mai e l’unica cosa che puoi fare per non farti sopraffare da queste emozioni è venire a patti con la coscienza e guardare avanti. Purtroppo è una cosa più facile a dirsi che a farsi e Mike, oltre a non essere pronto per affrontare una cosa del genere, è fondamentalmente da solo perchè Briggs non è più nell’operazione e non può aiutarlo dall’interno. E cosa ci si può aspettare da un agente neofita che ha a che fare con un signore della guerra nigeriano senza scrupoli?

 

PRO:

  • Tuturro idolo!
  • Scene di vita quotidiana tra coinquilini
  • Reazione di Mike a fine puntata che dà spessore e profondita al personaggio: non tutto quello che succede può scivolare via come se non fosse drammaticamente importante.
CONTRO:
  • Briggs fuori dai giochi e la sua assenza si fa sentire
  • Tentativi andati a male di italiano
  • La storia dietro il ragù di Charlie può sembrare carina ma in realtà è di una stucchevolezza…

 
Fillerone decisamente ben fatto che non si fa rimpiangere per niente nella visione e finalmente vengono messi sotto i riflettori agenti come DJ e Tuturro che fino ad ora erano stati offuscati dal “caso Briggs” e dalle operazioni di Mike. Insomma Graceland non delude ma neppure eccelle, cosa che tutto sommato era anche da mettere in conto in una stagione di 12 episodi.

 

VOTO EMMY

Fondatore di Recenserie sin dalla sua fondazione, si dice che la sua età sia compresa tra i 29 ed i 39 anni. È una figura losca che va in giro con la maschera dei Bloody Beetroots, non crede nella democrazia, odia Instagram, non tollera le virgole fuori posto e adora il prosciutto crudo ed il grana. Spesso vomita quando è ubriaco.

Rispondi

Precedente

R.I.P (Recenserie In Peace) – L’Ispettore Coliandro

Prossima

Dexter 8×01 – A Beautiful Day

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: