);

Lovecraft Country 1×04 – A History Of ViolenceTEMPO DI LETTURA 4 min

/
Con “Holy Ghost” Lovecraft Country ha fatto il cosiddetto salto dello squalo andando letteralmente a togliersi di dosso l’univocità di un singolo genere visivo per indossarne un altro, con chiare reminiscenze americanhorrorstoriane.
Nonostante la storyline principale si sia mossa nella giusta direzione, il cambio di genere ha decisamente raccolto su di sè la maggior parte dell’attenzione per il diverso modo di affrontare i 60 minuti messi a disposizione da HBO. E alla domanda, lecita, se Lovecraft Country avrebbe ulteriormente variato genere, “A History Of Violence” risponde prendendo stavolta spunto da una manciata di prodotti simili nel genere action: Indiana Jones, Una Notte Al Museo, I Goonies e Viaggio Al Centro Della Terra.
Il tutto ovviamente adattandolo alla necessità della trama. Questa volta però la scelta non ripaga rendendo questa quarta puntata piuttosto superficiale e vaga.
Atticus: How do you know so much about the Sons of Adam? Hmm? How many lodges there are? Whatever it was that helped you with that… that combination back there. How do you know that?
Montrose:George gave me the Order of the Ancient Dawn bylaws… the night he died.
Atticus: When were you gonna tell me that? Where’s the book now?
Montrose:I read it and I burnt it.
Atticus: What?
Montrose:You heard me.
Atticus: Why would you do that? Answer me! Why would you do that?
Montrose:Because my brother told me to protect our family! That was his dying wish. And I did it the night I burnt that damn book, closing Pandora’s box once and for good!“A questo punto della stagione, Misha Green sembra aver decisamente optato per uno stile poliedrico che prende decisamente spunto da diversi illustri predecessori, il che porta ovviamente a domandarsi quali altri derive prenderà Lovecraft Country. Ma per questo bisognerà aspettare.
Ciò di cui si può discutere però è l’efficacia del connubio tra l’universo adattato da Green (bisogna pure sempre ricordare che questo è un adattamento dell’omonimo romanzo scritto da Matt Ruff) ed il twist narrativo dato all’episodio di turno perchè, come in questo caso, non sempre il risultato è quello sperato. In particolare il problema non è neanche il sottogenere che Green decide di adottare, quanto più che altro la trama in sè che vi viene accostata. La linearità di “A History Of Violence”, principalmente nella parte centrale dell’episodio dentro (e sotto) il museo, è così banale da risultare una mera copia di tanti altri prodotti che si basano semplicemente nel superamento di una serie di prove. Niente di più e niente di meno, ed in questo la puntata pecca parecchio: non ci sono sussulti di alcun tipo, alcune trovate come il “ponte” che scompare o l’acqua che continua a salire sono carine ma niente di più.
Paradossalmente, invece che aiutare la visione, il sottogenere si fà stereotipo e “A History Of Violence” riemerge solamente nei momenti in cui ritorna ad essere ciò che è, il tutto grazie a nuove direzioni narrative o scelte inaspettate. E non è una conseguenza che ciò accada sia all’inizio che alla fine episodio, oltre che con i personaggi secondari non nel museo.

Hippolyta: Is that your dad’s atlas? Where’d you get that? Where’d you get it?
Diana: I found it in the glove compartment. What’s wrong? Mama, where are we going?
Hippolyta: To get answers.

Tutto ciò che funziona in questo episodio è praticamente la porzione di trama che non si svolge nel museo e che non coinvolge quei character. Ecco quindi che Hippolyta tornando a casa, con la decisione di andare a far luce sulla morte del marito, prepara il terreno ad una movimentata visita a Ardham Lodge, il tutto mentre Ruby si fa sedurre molto a sorpresa da un William che ha chiaramente altre mire oltre a quelle carnali. Queste sono le parti più “originali” della puntata, meno scontate e, proprio per questo, più funzionali al tipo di narrazione che ci si aspetta da Lovecraft Country.
Chiaramente non si disdegnano nemmeno i vari plot twist che Montrose regala sia bruciando il libro, sia sgozzando “cosi de botto” Yahima. Scelta che, tra l’altro, ripaga più nel brevissimo periodo piuttosto che nel lungo.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Montrose è una bellissima mina vagante
  • Plot twist finale con la morte di Yahima
  • Smells like Tulsa.
  • Trama verticale abbastanza banale e prevedibile
  • Con la morte di Yahima si preclude un interessante trama secondaria che poteva essere esplorata
“A History Of Violence” si rivela essere il punto più basso di questa stagione e dispiace particolarmente perchè, finora, Lovecraft Country si era fatto notare per diverse peculiarità. La prevedibilità della trama pesa abbastanza sul voto finale e solo il plot twist finale insieme ad alcuni spunti interessanti dati da Hippolyta e Ruby tengono vivo l’interesse. Nel complesso: questo è comunque un passo falso.

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Away 1x05 - Space Dogs

Next

All Creatures Great And Small 1x01 - You've Got To Dream

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: