);

New Girl 3×05 – 3×06 – The Box – KeatonTEMPO DI LETTURA 5 min

/

Mentre mi appresto a recensire questa puntanta di New Girl sono fortemente divisa tra due punti di vista che stanno cozzando tra loro e che mi spingono a pormi una questione filosofica di base nel giudicare una serie tv, qualsiasi serie tv. Se una serie non è fantasy o di fantascienza, quindi ha come presupposto di partenza quello di essere al di fuori della sfera della realtà, tutte le altre serie “normali” fino a che punto devono essere realistiche? E fino a che punto il realismo gioca un ruolo importante nella valutazione della qualità della serie?
Mi pongo queste domande perchè New Girl è una serie teoricamente realistica, nel senso che narra le avventure/disavventure di un gruppo di coinquilini “normali” (nè ricchi, nè poveri; nè belli nè brutti; con lavori normali e nessun segreto straordinario), ma molte delle situazioni proposte di normale hanno ben poco: Nick che vive tranquillamente pur essendo perennemente in bancarotta, gli atteggiamenti strampalati di Jess e Winston; le relazioni amorose poco sane di Schmidt. Epppure accettiamo tutto questo di buon grado perchè sono proprio le stranezze di questi personaggi a renderceli cari e a dare il giusto pepe al telefilm.  Tuttavia, penso che ci debbano essere dei limiti, altrimenti diventa tutto troppo eccessivo e l’intero telefilm perde di credibilità. A tal proposito mi ero già espressa circa le assurdità del viaggio in Messico e speravo di non dovermi ripetere, ma purtroppo non è così.
Premetto di essere una grande fan della coppia Nick e Jess, ma penso che in “The Box” si siano toccati livelli di assurdità eccessivi. Diciamo che la puntata era partita bene: Nick riceve dei soldi inaspettati derivanti dall’eredità del padre (ovviamente anche la consegna dell’eredità è avvenuta in puro Miller style: chi ha bisogno di avvocati e notai, quando puoi avere contanti infilati in una busta della spesa, consegnati da un tizio losco?). Di fronte a questo inaspettato dono del destino, Nick fa sfoggio di tutta la sua immaturità, sprecando i soldi per acquisti inutili e non necessari. Mi direte “Nick è sempre stato così, è il suo modo di essere e a nessuno spetta il diritto di cambiarlo”. Infatti Jess prima, in quanto semplice amica, non si era mai permessa di dire nulla. Adesso invece, qualche diritto di preoccuparsi in più ce l’ha, soprattutto quando trova la scatola segreta di Nick, quella in cui lui nasconde tutti i suoi “problemi” e scopre che il suo ragazzo è indebitato fino al collo. Jess si macchia della terribile colpa di usare i soldi di Nick per pagare alcuni delle sue multe/bollette e Nick si arrabbia moltissimo accusandola di volerlo cambiare, quando la povera Jess pretenderebbe solo un po’di maturità in più. E fin qui, per quanto fossi dispiaciuta per la loro lite, ero contenta perchè si era rimasti nel limite del reale, peccato che poi tutto venga disfato dalla scena della banca: divertimento 1, realismo 0.

Nel mentre vediamo Schmidt iniziare finalmente a sentire i morsi della propria coscienza che lo portano a domandarsi se sia davvero una brava persona o no. Scontentato dalle risposte dei suoi amici, intraprende la solita missione eccessiva e tragicomica in pure stile Schmidt alla disperata ricerca di conferme positive. Alla fine della giornata, interviene Winston a salvare la situazione ricordandogli quello che tutti avrebbero dovuto dirgli fin dall’inizio “fare un errore, non fa di te una brutta persona”. Purtroppo, la figura di Winston è sempre più relegata al ruolo di mera macchietta o consigliere degli altri, come se fosse indegno di avere una storyline sua. La trovo una cosa profondamente ingiusta e confido che presto ridiano il giusto spazio a questo personaggio che ha tanto da dare.
Arrivati a questo punto della recensione penserete che siamo qui pronti per lanciare pomodori anche su “Keaton”: errore. “Keaton” è l’antitesi di “The Box” e rappresenta quanto di meglio possa offrire New Girl. Messe in confronto, le due puntate sembrano appartenere a due serie distinte che non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. Si sà che New Girl non è una comedy convenzionale ma spaziare da un episodio insufficiente ad uno che ti fa ringraziare il cielo per i 20 minuti di iconica follia a cui si è assistito non è da tutti. Già solo il titolo doveva far capire che qualche genialata era alle porte, e quella genialata risale addirittura ai tempi dell’infanzia del piccolo Schmidt, un’infanzia passata intrattenendo un rapporto epistolare con, nientepopodimenoche, Michael Keaton. Ora è palese che si ritorna al discorso fatto prima sull’irrealismo di certe situazione ma questa gag è talmente basilare e divertente che è impossibile non apprezzarla fino in fondo, specialmente se a farne le spese è Schimdt. Vi dirò di più: la scelta di mostrare questo rapporto telematico è direttamente funzionale alla trama orizzontale e ad un approfondimento sul rapporto profondo che lega Nick e Schmidt dal college.
Ammettiamolo tutti quanti: New Girl piace, a parte per i personaggi che sono delle caricature viventi, per l’assurdità con la quale da un semplice pretesto gli autori riescano a tirar su una puntata con i controfiocchi che sappia far ridere, riflettere e intrigare allo stesso tempo. Oggettivamente è una cosa difficilmente realizzabile per 24 puntate l’anno però quando questo accade la sensazione di aver assistito a qualcosa di speciale ti accompagna dentro per l’intera settimana. Quella ed il ricordo di Nick Miller con la maschera di Batman.
Insomma “Keaton” batte “The Box” 10 a 0 tuttavia il rischio che sia solo un fuoco di paglia c’è visto la qualità delle 5 puntate che lo hanno preceduto, quindi prima di gridar vittoria sul ritorno alla gloria di New Girl è meglio aspettare ancora un po’ e nel frattempo godersi quella chicca che è “Keaton”.

PRO:

  • Schmidt supereroe salvavite e la sua lotta con il rabbino.
  • Michael Keaton è Nick Miller. Nick Miller è Michael Keaton
  • Schimdt si trasferisce
  • Lo shopping pazzo di Nick
  • Schmidt ed il suo rapporto epistolare con Michael Keaton
  • Winston che sostiene di aver visto The Truman Show
    CONTRO:
    • Nick e Jess sempre meno coerenti
    • Ruolo di Winston sempre più marginale.
    • Ridateci Cece!!

    Questa nuova serie di New Girl continua a non convincere: sbagliate le dinamiche tra i personaggi, eccessivamente irrealistiche le gag, da migliorare le storyline. Poi però arriva “Keaton” e un po’ di speranza te la ridà. Un po’… 

    VOTO EMMY 3×05


    VOTO EMMY 3×06

    Un tempo recensore di successo e ora passato a miglior vita per scelte discutibili, eccesso di binge-watching ed una certa insubordinazione.

    Rispondi

    Precedente

    Once Upon A Time 3×05 – Good Form

    Prossima

    Grey’s Anatomy 10×07 – Thriller

    error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: