);

Dad Stop Embarrassing Me! 1×01 – #BlackPeopleDontGoToTherapyTEMPO DI LETTURA 3 min

/

Dad Stop Embarassing Me 1x01 recensionePuò una sitcom avere successo semplicemente per la presenza di un attore super famoso tipo Jamie Foxx? Tendenzialmente la risposta è no perché la sceneggiatura, specialmente in una sitcom che è fatta per lo più da sketch comici e battute, è fondamentale. Ed infatti Dad Stop Embarrassing Me! non fa eccezione, nonostante qualche elemento/personaggio interessante ed altisonante come Pops Dixon, il padre del character di Jamie Foxx.

Brian Dixon:Pops! Pops, what are you doing? It smells like a Snoop concert down here. Why can’t you be like every other father? Just get drunk and pass out.

NON LA PRIMA SITCOM DI FOXX MA MAGARI L’ULTIMA


Come spoilera il titolo del paragrafo, per quanto possa sembrare strano vedere Jamie Foxx come protagonista di una sitcom, Dad Stop Embarrassing Me! (in italiano Papà Non Mettermi In Imbarazzo!) non è la prima esperienza dell’attore texano sia nelle vesti di protagonista che in quella di creatore e showrunner. Tra il 1996 ed il 2001, sulla defunta The WB, era andato in onda The Jamie Foxx Show, una sitcom creata, recitata e prodotta dallo stesso Foxx che qui ci riprova, riadattandosi al nuovo millennio, 20 anni dopo la prima esperienza che lo aveva affermato.
Netflix, ovviamente molto felice di potersi fregiare di prodotti altisonanti come questo, non si è fatta scappare l’occasione ordinando 8 episodi della nuova creatura di Foxx che, pur con una trama diversa, si circonda delle stesse menti del primo show. Oltre allo stesso Foxx, infatti, ritorna a collaborare con lui come produttore esecutivo e regista Bentley Kyle Evans, già showrunner e creatore del The Jamie Foxx Show, coadiuvato dall’altro showrunner e creatore della serie Jim Patterson (già impegnato nel recente B Positive) e dalla figlia Corinne Foxx nelle vesti di produttrice esecutiva.

QUALCOSA DI VAGAMENTE DIVERSO


La necessità di differenziarsi dalle altre sitcom è un elemento importantissimo che ogni serie deve tenere a mente e, in questo caso, Foxx opta per un cambiamento significativo nella regia e un altro elemento importante nella trama, non così consono al genere.
Come si potrà constatare sin dai minuti iniziali, assistere ad un Jamie Foxx che parla direttamente allo spettatore è un po’ straniante, vuoi perché è difficile abituarsi alla rottura della quarta parete, vuoi perché in una sitcom questo magari è un elemento leggermente al di sopra degli standard richiesti. In fin dei conti, Dad Stop Embarrassing Me! non è House Of Cards ma la scelta ha comunque il suo perché, specialmente concedendo a Foxx l’opportunità di farsi empatizzare dallo spettatore.
L’altro elemento della trama a cui si faceva riferimento riguarda l’incipit iniziale: il protagonista è infatti un padre di famiglia rimasto vedovo con una figlia 15enne al seguito che ha ereditato un’azienda di cosmetici dalla moglie, la BAY Cosmetics. C’è quindi un elemento molto triste che si staglia all’orizzonte nella trama (seppur non molto considerato nel pilot) e che differenzia decisamente la serie dagli altri prodotti.
Premesso tutto ciò, “#BlackPeopleDontGoToTherapy” è letteralmente molto fumo e poco arrosto, visto che, nonostante i diversi tentativi per ergersi al di sopra delle masse di sitcom che invadono il piccolo schermo, ricade comunque in schemi visti e rivisti. Le battute migliori sono quelle che coinvolgono il padre di Brian Dixon, personaggio decisamente apprezzabile, mentre tutto il resto appare molto forzato e costruito, quasi come se ci fossero due scrittori completamente in disaccordo sulla direzione da far prendere allo show. E magari è proprio questo il problema di Jamie Foxx e Jim Patterson.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Pops Dixon è estremamente piacevole da osservare in tutta la sua assurdità
  • La rottura della 4° parete: interessante alternativa al classico modo di fare sitcom
  • Jamie Foxx fa il suo dovere
  • Sfortunatamente si ride sempre molto poco e certi elementi sono molto forzati
  • Alcuni cliché delle sitcom vengono proposti e riproposti
  • La psicoterapeuta è disarmante in tutto e per tutto

 

Nonostante alcuni elementi interessanti carini, Dad Stop Embarassing Me! non porta niente di nuovo al genere sitcom e, tendenzialmente, non merita di essere guardato.

Fondatore di Recenserie sin dalla sua fondazione, si dice che la sua età sia compresa tra i 29 ed i 39 anni. È una figura losca che va in giro con la maschera dei Bloody Beetroots, non crede nella democrazia, odia Instagram, non tollera le virgole fuori posto e adora il prosciutto crudo ed il grana. Spesso vomita quando è ubriaco.

Rispondi

Precedente

The Blacklist 8×14 – Misère

Prossima

Mayans MC 3×07 – What Comes Of Handlin’ Snakeskin

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: