);

The Hot Zone 1×05 – 1×06 – Quarantine – HiddenTEMPO DI LETTURA 3 min

/

Tanto rumore per nulla, ovviamente detto a posteriori e col senno di poi. D’altronde non potrebbe essere altrimenti visto che, come ora si sa bene, il cosiddetto Reston Virus al centro di The Hot Zone è un Ebolavirus che non risulta essere patogeno per l’essere umano e quindi non è così pericoloso come si poteva immaginare. E si poteva anche ipotizzare una conclusione così, visto che questa miniserie è tratta da (un libro di Richard Preston basato su) eventi realmente accaduti, eventi che non sono noti a tutti e che quindi non possono avere avuto un risvolto così drammatico come la morte di decine di persone in suolo americano. Detto ciò, comunque, si poteva pensare a qualcosa di leggermente migliore o comunque ben realizzato. Soprattutto vista la possibilità di esplorare il lato più psicologico della vicenda, invece che sforzare quello action che, alla fine, si è rivelato essere il tallone da killer d’Achille di queste ultime due puntate.

The Army and the CDC have never downgraded the status of the Ebola Reston virus. It remains a Level 4 hot agent today.
The emergence of HIV, Ebola, and any number of hot agents appears to be a natural consequence of humanity encroaching on previously undisturbed environments. You might say the Earth’s immune system has recognized the presence of its most destructive pathogen, humans.
Emerging viruses continue to mutate and survive, even when faced with the destruction of their natural environment. And when they return, they’re stronger than they were before.

Sia “Quarantine” che “Hidden” offrono allo spettatore una certa adrenalina principalmente derivante da tutta la situazione relativa al prelievo delle scimmie, è però la trama in sé che viene meno, con un focus troppo intenso sulla situazione di contenimento del virus a discapito di un maggiore sviluppo del lato meramente scientifico o di quello politico. La trama viene dilatata all’infinito da svariate situazioni create ad hoc per diluire ulteriormente la storia e da questa scelta escono fuori sottotrame piuttosto deboli come la morte del padre di Nancy oppure l’ambientazione ospedaliera durante la quarantena. Unico lato positivo di tutto ciò è il flashback in Africa che aiuta a caratterizzare il personaggio di Wade, altrimenti bidimensionale.
Bisogna poi fare due parole sugli effetti speciali. La CGI purtroppo qua non svetta per la sua qualità, ma non fa nemmeno troppo schifo troppi danni considerando il budget sempre abbastanza limitato concesso a queste miniserie. Ovviamente i primi piani sulle scimmie lasciano molto a desiderare ma nel complesso la resa è comunque apprezzabile e, in summa, poteva andare ben peggio.
Nel bene o nel male The Hot Zone, nel suo complesso, ha più l’intento di essere un grido d’allarme piuttosto che una mera serie sull’Ebola. Un grido d’allarme per una malattia che (proprio in queste ore) si sta spargendo a macchia d’olio per tutta la Repubblica Democratica del Congo e che, ora più che mai, sembra rappresentare un pericolo per l’umanità vista l’assenza di una cura. Come dice l’immagine qua sopra: “there is still no cure for Ebola“.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • I flashback nel passato rimangono un lato forte dello show
  • Troppo focus sul lato action della storia che debilita
  • Il bambino che gioca con la siringa nel campo: seriously?
  • La morte del padre di Nancy: una trama francamente evitabile
  • Tanto rumore per nulla, in generale…

 

The Hot Zone si chiude qui, con due episodi che lasciano un po’ l’amaro in bocca e fanno rivalutare in negativo l’intera serie. Sei puntate si sono rivelate troppe, magari portando il numero totale intorno a tre o quattro si sarebbero potuti evitare svariati tempi morti (leggasi il padre di Nancy in ospedale) e si sarebbe potuto avere un voto migliore. Peccato dover “schiaffeggiare” queste ultime due, francamente c’era del potenziale.

 

Expendable 1×04 1.00 milioni – 0.2 rating
Quarantine 1×05 1.01 milioni – 0.2 rating
Hidden 1×06 0.94 milioni – 0.2 rating

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Euphoria 1x05 - '03 Bonnie And Clyde

Next

Recenews - N°282

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: