);

The Queen’s Gambit 1×03 – Doubled PawnsTEMPO DI LETTURA 4 min

/

“It’s an entire world of just 64 squares. I feel safe in it. I can control it, I can dominate it. And It’s predictable. So, if I get hurt, I only have myself to blame.”

Dopo tre puntate, la prima positivissima impressione scaturita dalla visione del pilot continua prepotentemente a confermarsi. Questa volta, infatti, Netflix ha colpito davvero nel segno, portando in scena una serie con un’ottima storia, una protagonista che catalizza facilmente l’interesse dello spettatore, una regia ed una colonna sonora che rendono ogni episodio estremamente stimolanti. Oltre a far nascere un’intrigante curiosità verso il gioco degli scacchi.
The Queen’s Gambit si è presentata forse un po’ in sordina nel panorama seriale di questo autunno 2020, eppure, dato quanto messo in mostra finora, il drama di Scott Frank e Allan Scott meritava sicuramente una promozione maggiore. Non si può fare a meno, infatti, di lodare un prodotto quasi semplice nella sua proposizione ma che risulta estremamente ben fatto, svettando soprattutto in un mare di prodotti mediocri e sempre più simili li uni con gli altri.
“Doubled Pawns” entra in pianta stabile nell’ennesimo nuovo capitolo della vita di Beth, questa volta sicuramente uno tra i preferiti della ragazza, ormai sempre più immersa nel mondo degli scacchi a livello agonistico. Un episodio che tuttavia pone la lente d’ingrandimento anche sulla figura di Beth adolescente, alle prese con le prime cotte e le prime interazioni con i suoi coetanei.
Ma se c’è una persona che spicca notevolmente in questa terza puntata è sicuramente la figura di Ms. Wheatley che qui inizia la sua trasformazione diventando ufficialmente la cosa più vicina ad una madre che Beth abbia mai avuto. Il passaggio si rivela altamente positivo, considerando che sul finire di “Exchanges” la donna era apparsa fin troppo interessata alla possibilità di fare soldi tramite il talento di Beth piuttosto che all’interesse stesso della ragazza. Un’apparenza che è stata totalmente smentita, rivalutando e ponendo Ms. Wheatley sotto un’altra luce decisamente più materna. Senza contare che le interazioni tra lei e Beth acquistano sempre più spessore, rendendo i loro momenti insieme e i dialoghi un altro punto di forza di questa puntata, per un rapporto in costante crescita e soprattutto necessario per entrambe le donne.


“Creativity and psychosis often go hand in hand. Or, for the matter, genius and madness.”

L’altra faccia della medaglia di questo rapporto con la madre, però, porta Beth dritta verso un oblio fatto di dipendenze. Quello che era iniziato come un modo per alienarsi dalla triste vita dell’orfanotrofio, viene ripreso dalla Beth adolescente a causa dei problemi della signora Wheatley. Ma qui non vi è solo il ritorno alle “pillole verdi”, bensì si viaggia verso un’assuefazione molto più profonda fatta anche di abuso di alcool, qualcosa che non arriva di certo inaspettato per lo spettatore che aveva avuto un primo assaggio della vita di Beth nei primi minuti di “Openings“, quando la protagonista è stata introdotta in una versione adulta prima di portare la narrazione indietro sin dall’origine.
Oltre questi punti cardine che compongono ormai la vita della giovane, ve ne sono alcuni molto più nascosti e profondi, appartenenti all’inconscio, che caratterizzano altrettanto la persona di Beth. La frase riportata ad inizio recensione, detta da una Beth ancora ragazzina durante la sua prima intervista, definisce essenzialmente il legame che la giovane ha con gli scacchi ma anche con la sua stessa vita. Costretta ad un’esistenza sempre in bilico, prima con una madre mentalmente non stabile, poi orfana e costretta alla vita in orfanotrofio, continuando con l’adozione. Beth non ha avuto nessun controllo sulla sua giovane vita, essenzialmente vittima degli eventi, ma la situazione cambia quando pone gli occhi sulla scacchiera. Al tavolo da gioco è lei a comandare, a controllare, a decidere qualsiasi mossa: una stabilità avvolgente e sicura, che si discosta da una vita sempre in bilico.
È per questo, quindi, che la reazione di Beth alla sua prima vera sconfitta in assoluto (l’unica risaliva alle primissime lezioni nello scantinato con Mr. Shaibel) appare così drastica e l’intero mondo sembra collassarle addosso. La reazione di Beth alla sconfitta con Jojen Reed il campione Benny Watts, ma anche alla messa a nudo dei suoi punti deboli da parte di quest’ultimo, sono una destabilizzazione che va oltre il gioco degli scacchi e che ha radici decisamente più profonde. Una sconfitta che tuttavia sembrava inevitabile e che risulta soprattutto molto apprezzabile sia a favore di un’ulteriore crescita personale di Beth, sia a livello narrativo, esplorando così anche la sconfitta. Parte essenziale di ogni competizione, dopotutto.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Regia, fotografia, musica e storia
  • Anya Taylor-Joy incantevole
  • Rapporto positivamente in crescita tra Beth e Ms. Wheatley
  • Scacchiera metafora della vita e dei timori della protagonista
  • La prima sconfitta di Beth
  • Nulla di rilevante

 

Quasi a sorpresa, nel catalogo di Netflix di quest’autunno ci si imbatte in questa piccola perla fatta di un’ottima storia e una più che egregia produzione. Uno scacco matto decisamente inaspettato.

 

Ormai sulla trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”.

Rispondi

Precedente

The Queen’s Gambit 1×02 – Exchanges

Prossima

The Queen’s Gambit 1×04 – Middle Game

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: