);

The Twilight Zone 2×04 – OvationTEMPO DI LETTURA 3 min

/
“Jasmine Delancey has spent her entire life in search of one thing: applause. Now that she’s found it, it’s given her a new sense of meaning. But what, exactly, is the value of an ovation so loud it drowns out the performance? Jasmine’s about to find out here…in The Twilight Zone.”

The Twilight Zone al quarto episodio della stagione decide di diventare anche tutorial, dando modo al proprio pubblico di apprendere quello che è veramente necessario per diventare una pop star di grande successo: una grande fortuna.
“Ovation” cerca di avvicinare il pubblico alla realtà dell’idolismo musicale, specialmente in un periodo in cui televisivamente parlando si sprecano i programmi al riguardo: Jasmine, cantante che sta cercando di sbarcare il lunario partendo dalla strada, riceve in dono un talismano ricevuto in dono da Fiji, la pop star del momento, poco prima che si suicidi.
In poco tempo Jasmine accresce il suo riscontro di pubblico diventando la celebrità del momento: richiesta in televisione; braccata per strada; bloccata in casa da uno stuolo di fan accaniti. Jasmine viene catapultata in una realtà da lei tanto sognata, ma che si sta rivelando essere ben lontana da ogni sua più rosea aspettativa. Il talismano ricevuto in dono attira verso Jasmine, sempre e comunque, una calca festante e carica di adrenalina: gli applausi diventano il leit motiv nel quale la giovane ragazza si ritrova bloccata. Il suo sogno si sta lentamente (nemmeno troppo visto e considerato che ancora una volta The Twilight Zone riesce a dosare alla perfezione il minutaggio del suo episodio) tramutando in incubo.
“Ovation” affronta la tematica dell’idolismo musicale da un altro punto di vista rispetto a quanto aveva tentato di fare Black Mirror con “Rachel, Jack and Ashely Too”, forse uno dei peggiori episodi della serie britannica. La puntata con protagonista Miley Cyrus cercava di affrontare (a modo suo e con risultati imbarazzanti) la falsità dell’ambiente musicale e l’atroce cambiamento (sociale e personale) a cui era obbligata la stella (Ashley) pur di continuare a produrre musica. L’apice verrà raggiunto quando, tramite un macchinario, la cantante si ritroverà sfruttata dalla propria etichetta discografica anche mentre è in coma.
La puntata scorre via senza infamia e senza lode andandosi a concludere con un vero colpo di scena: ovviamente spaventata dal talismano, Jasmine cercherà di disfarsene aiutata dalla sorella che fingerà per impadronirsene lei stessa e diventare a sua volta una stella della musica. Ritornata alla normalità dopo mesi di isolamento eremitico, Jasmine, ormai dimenticata da chiunque (piccola critica alla volatilità della fama in questo campo), cerca di vendicarsi andando a colpire (uccidendola, letteralmente) la star del momento che scoprirà solo dopo essere la sorella.
Elemento debole del racconto è sicuramente l’incapacità da parte del medaglione di intaccare in modo diretto la coscienza sia di Jasmine, sia di sua sorella: quando Fiji si presenta di fronte a Jasmine, quest’ultima non reagisce in maniera scomposta, esuberante o esagerata (cosa che invece accade con chiunque altro per strada). Allo stesso modo anche la sorella di Jasmine sembra immune al potere del talismano rendendolo, di fatti, un oggetto che sembra voler funzionare solo quando agli sceneggiatori interessi che funzioni.
Episodio debolmente critico, come si diceva, all’ambiente musicale, ma nulla di effettivamente pregno di significato tanto da meritare una menzione a parte.
“Ovation” è forse la prima piccola battuta d’arresto di questa stagione per The Twilight Zone che continua tuttavia ad attestarsi su livelli ben più alti del primo ciclo narrativo. Sicuramente non un must watch, quindi, ma nemmeno il peggior appuntamento a cui la serie CBS ha sottoposto il proprio pubblico.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Una popolarità che cresce sotto il punto di vista dell’angoscia andando a sfociare nella maniacale perdita con il contatto della realtà della stessa Jasmine
  • Colpo di scena finale, anche se tutto fortemente accelerato
  • Finale molto affrettato
  • Talismano che funziona solo con determinate persone, a favore di sceneggiatura

 

Si tratta forse della prima battuta d’arresto di questa stagione. Ma il pubblico di The Twilight Zone ha visto decisamente di peggio.

 

The Who of You 2×03 ND milioni – ND rating
Ovation 2×04 ND milioni – ND rating

 

 

Aldo Longhena

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

The Twilight Zone 2x03 - The Who Of You

Next

The Twilight Zone 2x05 - Among The Untrodden

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: