);

The Vampire Diaries 6×02 – Yellow LedbetterTEMPO DI LETTURA 4 min

/
()

Secondo episodio di questa sesta stagione di The Vampire Diaries, secondo episodio più che decente.
Sembra incredibile, ma è così. Certo, è ancora presto per cantare vittoria e, soprattutto, il rischio che vada a finire come la quinta stagione è dietro l’angolo, però finora Julie Plec & co hanno fatto un buon lavoro.
“Yellow Ledbetter” mette una lente di ingrandimento sulla strana situazione in cui si trovano i nostri defunti Damon e Bonnie, oltre a concentrarsi sui vivi. La vicenda dell’ex strega/ancora e del vampiro si fa interessante e oserei dire anche intrigante. Perché si trovano bloccati in quella dimensione spazio-temporale? Perché sono costretti a rivivere in continuazione il 10 maggio 1994? Già il fatto che ci poniamo domande diverse da “Perché TVD è arrivato alla sesta stagione?” è un buon segno. Poi c’è da dire che Bonnie e Damon bloccati insieme regalano piacevoli momenti di ilarità.
L’episodio ha visto l’alternarsi di scene incentrate, appunto, su Bonnie e Damon, e scene ambientate nel mondo dei vivi, dove abbiamo avuto il piacere di rivedere Enzo. Il migliore amico di Damon non si è affatto arreso e, oltre a lanciare frecciatine a Caroline, ha, forse, scosso un po’ Stefan, che fin troppe volte ha gettato la spugna con il fratello. Uno dei fattori positivi di questa sesta stagione è sicuramente la presenza di Enzo che porta freschezza alla sceneggiatura e c’è da dire che la buona chimica che ha instaurato con gli altri personaggi, Caroline in primis, è decisamente apprezzabile. Per certi versi sembra sostituire la figura di Klaus (la cui mancanza si sente sempre) e potrebbe rappresentare una seconda occasione per gli autori di sviluppare meglio il personaggio della Forbes, che ha subito un tracollo nell’ultima stagione. Sempre a proposito di Caroline, non si può non sottolineare di nuovo quanto tenga a Stefan e quanto la faccia soffrire l’apparente indifferenza di lui. Ricordiamoci che nella seconda stagione il giovane Salvatore è stato il punto di riferimento per la allora neo vampira Caroline e da allora il loro legame si è fortificato sempre di più, fino al punto che molti sono saliti sullo ship “Steroline”, anche se è opinione di molti che far sfociare il loro rapporto in una relazione amorosa sarebbe un errore colossale. Se ci fermiamo a riflettere la loro è una bellissima amicizia, una delle più forti e solide, e i due funzionano bene come amici.
Altro aspetto positivo dell’episodio riguarda le scene dedicate ad Alaric ed Elena. Il processo per farle dimenticare il suo amore per Damon si è rivelato essere più difficile di quanto la nostra Gilbert potesse immaginare ed è sicuramente apprezzabile il valore che hanno dato al loro rapporto, ripercorrendone i momenti salienti e permettendoci di riflettere su ciò che l’amore per Damon ha significato per Elena: la doppelganger ha dovuto ammettere a sè stessa, forse per la prima volta, di essersi innamorata di Damon quando era ancora con Stefan e, tra l’altro, era ancora umana. Elena ha sempre avuto una forte morale, ha sempre voluto fare la cosa giusta, o ciò che lei credeva fosse giusto. Damon è stato quell’amore travolgente e passionale che lei desiderava ma di cui aveva paura, l’amore che la consumava. Staremo a vedere dove la porterà questa “nuova vita” senza l’amore per lui e cosa succederà quando lui tornerà nel mondo dei vivi (perché lo sappiamo tutti che lo farà).
Ma non è solo la trama più avvincente che colpisce. Potrebbe trattarsi di un fuoco di paglia, ma la qualità generale di questa “operetta teen” sembra essersi risollevata, e non di poco. Recitazioni più naturali, inquadrature più particolari, persino scelte più coraggiose di regia. Se un intreccio più interessante (come è nettamente questo) potrebbe sgonfiarsi da un momento all’altro, una qualità diversa è più difficile da cambiare in corsa. Questi, insieme a momenti e dialoghi più profondi (così come scelte di tematiche più interessanti rispetto a doppleganger e triangolini amorosi a manetta) non fanno altro che farci ben sperare per quello che, alla fine della fiera, è una serie che non ha mai avuto pretese eccessive.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Bonnie e Damon intrappolati insieme: situazione che incuriosisce
  • Recitazione e regia nettamente migliorate
  • Enzo
  • I momenti salienti della coppia Damon/Elena riportati a galla
  • Jeremy sempre più inutile
The Vampire Diaries regala un altro episodio più che sufficiente. Per com’era andata la scorsa stagione, questo sembrava un traguardo ormai irrangiungibile e invece eccoci qui. Per cancellare dalle nostre menti lo schifo della quinta stagione ci vuole ancora molto, ma intanto sembra che abbiano imboccato la strada giusta…
I’ll Remember 6×01 1.8 milioni – 0.9 rating
Yellow Ledbetter 6×02 1.67 milioni – 0.8 rating

Quanto ti è piaciuta la puntata?

Nessun voto per ora

Un tempo recensore di successo e ora passato a miglior vita per scelte discutibili, eccesso di binge-watching ed una certa insubordinazione.

Rispondi

Precedente

The Big Bang Theory 8×05 – The Focus Attenuation

Prossima

Mario 3×03 – 3×04 – Un Uomo Spregevole Invidioso Del Tuo Successo. Aveva Paura Che Prendessi Il Suo Posto E Quindi Ha Tentato Di Metterti Fuori Gioco – Per Un Pugno Di Pollice

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.