);

This Is Us 5×12 – Both Things Can Be TrueTEMPO DI LETTURA 4 min

/

This Is Us 5x12 recensione This Is Us procede con la sua programmazione altalenante che sta fortemente caratterizzando questa quinta stagione.
Tuttavia, nonostante le sempre più frequenti pause che intercorrono tra un episodio e l’altro, non tutti i mali vengono per nuocere dato che questo prendere tempo ha dato vita a un discreto numero di puntate molto più attente e profonde. Molto più rispetto a quelle che possono considerarsi normale amministrazione all’interno dell’economia di una stagione.
Detto questo, “Both Things Can Be True” si prende una pausa da questi episodi ad alto tasso emotivo e, pur rimanendo sempre fedele ai canoni emozionali della serie, mette in scena un episodio più “quotidiano”. Un normale resoconto delle vite dei fratelli Pearson, con gli autori che riescono a gestire al meglio anche l’assenza da tutte le timeline di Rebecca mentre Mandy Moore è alle prese con la maternità.

I BIG THREE


Le storyline di Kevin, Kate e Randall in questo dodicesimo episodio si ritrovano ferme in situazioni abbastanza comuni per i personaggi, non aggiungendo in realtà niente di nuovo a situazioni già viste.
La nuova prospettiva professionale di Kate, piovuta praticamente dal cielo, riporta il character a ripercorrere un processo che era stato già affrontato in passato. Certo, in questo caso particolare il ritorno nel mondo del lavoro si collega alle difficoltà del distacco dai suoi bambini, ma il tutto viene mostrato in maniera abbastanza superficiale per lasciare davvero un segno nella trama.
Di pari passo si può dire proceda anche la storia di Randall. Sicuramente fondamentale per lui e per il suo percorso sono gli incontri con il gruppo di sostegno guidati dallo psicologo, tuttavia non si può fare a meno di sottolineare come la storyline proceda con un’estenuante lentezza ormai da troppi episodi che non permette alla situazione di evolversi davvero.
Non si può invece giudicare più di tanto la puntata dal punto di vista di Kevin dato che, a parte la preparazione del matrimonio, il personaggio è rimasto per l’occasione in disparte. Tuttavia, fa ben sperare l’input lanciato a fine episodio, con la promessa dell’incontro chiarificatore tra Kevin e Randall che è stato rimandato fin troppo.

IL RESTO DELLA FAMIGLIA


Ma se i protagonisti principali vengono messi un po’ da parte, in questo capitolo sono quasi tutti gli altri membri della famiglia a prendersi la scena.
Innanzitutto fa piacere vedere character come Madison e Toby interagire con altri che non siano le loro dolci metà, dato che queste chiacchierate li portano ad aprirsi in modo diverso e far si che venga valutata una parte differente delle loro situazioni personali.
Ma la coppia che davvero si è esaltata in “Both Things Can Be True” è sicuramente l’inedita accoppiata tra Miguel e Nicky. Il duo, che come punto in comune ha ovviamente la figura immortale di Jack, ha messo in mostra una dinamica apprezzabile da svariati punti di vista. Sia da quello più comico tra battutine e comportamenti sarcastici, fino a quello più profondo, le interazioni si sono dimostrate altamente funzionali. I chiarimenti tra i due sono risultati efficaci e si è giocato bene il percorso che ha portato sul tavolo il risentimento di Nicky nei confronti di Miguel e il conclusivo chiarimento che quest’ultimo ha gestito con estrema incisività. Oltre questo poi, fa piacere vedere Miguel parte più attiva della narrazione, con la presenza prolungata di Nicky che potrebbe porsi come spalla perfetta per un personaggio finora utilizzato esclusivamente come supporto.

BETH E TESS


Un capitolo a parte invece meritano le scene che hanno visto coinvolte Beth e Tess. Innanzitutto, in questi ultimi episodi in casa di Beth e Randall sta assumendo un ruolo sempre più positivo la presenza di Carol. L’arrivo della madre di Beth infatti, riesce a portare dei piccoli ma significativi cambiamenti all’interno delle dinamiche familiari che nella situazione corrente, ossia con una trama incentrata perlopiù sulla quotidianità, aiuta a dare una ventata di novità all’interno di questa parte di narrazione. Il tutto considerando che la presenza di Carol funge da pilastro anche per la storyline di Tess. La scoperta della sessualità della ragazza, alle prese con la sua prima relazione con Alex che si identifica nel gender non binario, si presenta in maniera del tutto differente rispetto ai soliti litigi madre-figlia durante l’adolescenza, donando una potenza maggiore alle interazioni e alla parte di trama a loro dedicata.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Spazio ai personaggi “secondari” della famiglia
  • Il duo Miguel – Nicky sembra già funzionare
  • Le dinamiche tra Carol, Beth e Tess
  • Puntata di normale amministrazione
  • I fratelli Pearson un po’ statici nelle loro storyline

 

This Is Us continua ad alternare episodi ad altissimo impatto emotivo con altri di normale amministrazione. Tutto regolare, ma sarebbe bello anche fare qualche convincente passo in avanti nella storia personale dei protagonisti.

Sponsored by This is Us – Italia

Ormai sulla trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”.

Rispondi

Precedente

Clarice 1×07 – Ugly Truth

Prossima

Mayans MC 3×05 – Dark, Deep-Laid Plans

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: