);

Yellowstone 4×09 – No Such Thing As FairTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Yellowstone-4x09 Fuoco amico. Nel gergo militare indica quelle situazioni in cui i soldati vengono a ritrovarsi sotto il fuoco dei propri commilitoni o dei propri alleati. È fuoco amico quello che colpisce Summer Higgins, costretta presumibilmente ad oltre trent’anni di carcere dopo aver ricevuto una importante soffiata da parte di Beth per poter manifestare contro Market Equities. O meglio, si tratterebbe di fuoco amico se Beth ritenesse Summer una vera e propria alleata e non un misero strumento per poter ottenere tutto ciò che aveva già preventivamente in progetto.
Summer, introdotta in questa stagione, era un personaggio femminile caratterialmente molto forte ed ostico con cui Beth, già di suo tremendamente molto coriacea, era arrivata ben presto allo scontro fisico e verbale. Forse per gelosia (l’interesse di John era palese), forse per protezione nei confronti del padre, fatto sta che Beth utilizza la giovane amante come cavallo di Troia per colpire dall’interno il fondo che sta svendendo il Montana. E, così facendo, la espone pubblicamente obbligando la giustizia a punirla esemplarmente per dare l’esempio. Una vittoria a tutto campo, sembrerebbe.

BETH, LA PRIMA DELUSIONE NON SI SCORDA MAI


O meglio, le vittorie di Beth sono insindacabili ma portano in scena un risultato inaspettato: John che per la prima volta (lo spettatore è colpito esattamente come lui) si dice deluso profondamente dalle scelte della figlia. Un colpo al cuore forte per un personaggio, quello di Beth, che più volte ha sottolineato come ogni singola decisione intrapresa fosse fatta in virtù di accondiscendere il volere di John. Una frase che equipara Beth al reietto della famiglia, Jamie, ora in precario equilibrio tra due famiglie (Dutton e Randall) senza avere la chiara idea di come poter prendere vantaggio da entrambi per potersi candidare apertamente al ruolo di Governatore. Un ruolo che a suo avviso John gli ha strappato di mano, ma che in cuor suo sa di essere di complicata contesa. Specialmente considerata l’esposizione di Garrett Randall con la giustizia, un fattore che rischia di diventare un boomerang pronto a travolgerlo alla prima occasione.
Jamie vorrà pure essere il volto del progresso, ma John ha sottolineato molto bene durante la presentazione che lui è il muro contro cui il progresso sbatte. E dopo quattro stagioni, se ci si ritrovasse nella posizione di Jamie, un pensiero sul lasciar perdere la posizione di Governatore lo si avrebbe.

“If there’s an Olympic event for shoveling shit, I’d win a medal”


Il pesante diverbio tra Beth e John ricopre il finale di puntata e attenziona lo spettatore per l’imminente finale di stagione, ma il resto della puntata è esente di veri e propri momenti vuoti. La vita al ranch scorre senza particolari problemi da enfatizzare, soprattutto ora che i drammi della bunkhouse sembrano essere ampiamente archiviati. Il rapporto di Carter con John e Rip sembra fortificarsi puntata dopo puntata, specialmente per le acute osservazioni del ragazzo, che spesso si traducono in sproloqui carichi di parolacce per sottolineare determinati termini.
Jimmy è pronto a tornare allo Yellowstone e, fortunatamente, l’ennesimo dramma d’amore che lo vede protagonista si conclude abbastanza velocemente ed in positivo per il ragazzo che sembra avere la necessità di qualcuno al proprio fianco che possa indirizzarlo e supportarlo nel momento del bisogno.

KAYCE E LA CAPANNA SUDATORIA


In tutto questo sali e scendi di emozioni, purtroppo, un lato negativo doveva esserci: Kayce si ritrova bloccato in un rito indiano a metà tra la cerimonia inipi (capanna sudatoria in stile John Locke e Fox Mulder, per intenderci) e rito spiritico. Il padre di famiglia viene abbandonato per quattro giorni tra le montagne vicine al suo ranch da Mo e Rainwater, senza cibo o acqua ed il rito si riterrà concluso quando Kayce percepirà che è tutto compiuto. Una sequenza molto criptica e che, molto probabilmente, taglia fuori il personaggio di Kayce dal finale di stagione, bloccato a dare la caccia ai propri personali demoni.
Senza contare che la sua trama, ora lontana dallo Yellowstone, è già stata prepotentemente rallentata durante questa stagione per la salvaguardia del suo matrimonio e del rapporto con Tate. Che la quinta stagione possa finalmente chiudere il cerchio per Kayce?

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Rip e Carter
  • John e Carter
  • Il duro confronto tra Beth e John
  • Jimmy pronto a tornare allo Yellowstone
  • Pedine pronte: sarà difficile raggiungere l’apice dello scorso finale di stagione in cui venne messa in scena una vera e propria carneficina, però qualcosa di interessante potrebbe sicuramente essere tirato fuori considerati i continui scontri familiari Randall-Dutton
  • L’incontro John-Garrett
  • Carter alla bunkhouse che gioca a poker
  • Kayce

 

Un episodio che finisce di posizionare le pedine sulla scacchiera. Altre le lascia totalmente fuori dal gioco (Kayce). Sarà interessante vedere se e come Beth cercherà di riacquistare la fiducia di John. E soprattutto quali altri personaggi verranno feriti dal suo “fuoco amico”.

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Precedente

Cowboy Bebop 1×10 – Supernova Symphony

Prossima

Yellowstone 4×10 – Grass On The Streets And Weeds On The Rooftops

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: