The Man In The High Castle 3×06 – History EndsTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/The Man In The High Castle by

Himmler:A wise woman once told me our destinies are written in the stars. I was a failing chicken farmer.
And then I met the Führer. Like me, you must learn to embrace the new role that fate has handed you.

Venendo dal plot twist di “The New Colossus” era lecito aspettarsi una puntata ben diversa rispetto a quella che si è vista ma evidentemente Eric Overmeyer non la pensa allo stesso modo. Eppure eliminare Il protagonista della serie a metà stagione (pur avendo a disposizione il doppelganger dell’altra realtà che sicuramente farà capolino presto o tardi) non è una scelta priva di conseguenze, però queste conseguenze non vengono minimamente percepite nè a livello di trama, nè a livello di personaggi visto che Juliana, nella sua normale bidimensionalità espressiva, non trasmette alcun sentimento se non tramite un forzatissimo flashaback fatto scattare da una fiaschetta d’alcol. Ed è abbastanza sorprendente perchè almeno qui, nelle basi della scrittura telefilmica, sarebbe stato lecito aspettarsi un minimo di introspezione che però è venuta a mancare completamente. Ma d’altronde l’era di Overmeyer non stava brillando per una scrittura eccezionale decente.
Lentamente però si sta provando ad inserire Wyatt come Joe Blake 2.0 nella vita di Juliana, un character tutto sommato non malvagio ma ancora non perfettamente delineato nelle sue motivazioni e aspirazioni. Ovviamente l’influenza di Juliana non tarderà ad arrivare ma nel frattempo dobbiamo sospendere il giudizio su di lui.

Himmler:Today I give you a new Reichsmarschall! A man whose steadfast leadership, strength of character, and unwavering loyalty to the Party have proven him fit to hold the highest office in North America.
John:I swear this sacred oath: that I shall render unconditional obedience to Heinrich Himmler, the Führer of the German Reich and the people, supreme commander of the armed forces, and that in my honorable duties as Reichsmarschall of North America, I vow obedience to the death.

Il focus dell’episodio (per quanto riguarda almeno la porzione di trama che si muove verso un qualcosa di sensato) è invece quasi totalmente su John. Parlando per differenza, se con Frank non si capisce assolutamente dove si voglia andare a parare con la sua vita rurale, e con Tagomi in attesa che Takeshi Kido colleghi tutti i pezzetti del puzzle, al netto dei character rimangono solo Juliana e John. E se si vuole fare un’ulteriore separazione per capire chi possa tenere ancora alto l’onore di The Man In The High Castle allora rimane solo il neo Reichsmarschall Smith.
John è infatti protagonista di un episodio che lo pone sotto diverse luci a seconda dei personaggi con cui interagisce: suddito nei confronti di Himmler, umano con sua moglie, autoritario con i suoi diretti e sconvolto davanti alla scomparsa della cavia. Un ventaglio di personalità racchiuse in un unico character che, fortunatamente, è interpretato da un autore di livello come Rufus Sewell. E giusto per spettegolare un po’ vista la sua escalation al potere, nel suo nuovo ruolo di Reichsmarschall è già possibile intravedere un futuro come possibile Führer nel caso in cui la situazione con Himmler si faccia critica. D’altronde una 4° stagione è già stata annunciata…

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La faccia di John alla scomparsa della prigioniera
  • Scena finale con Himmler
  • Joe Black ormai già dimenticato
  • Solita monotona espressività di Juliana, qui aggravata dal fatto che non prova alcun sentimento per l’omicidio del suo amato
  • Ok il focus su Frank ma la trama?
  • Solita eccessiva lentezza e staticità narrativa

 

Himmler chiude puntata esclamando: “We will do away with the old. Today, history ends! And the future begins!” e si spera possa essere d’auspicio per questa seconda parte di stagione visto che la prima ha lasciato parecchio a desiderare…

 

The New Colossus 3×05 ND milioni – ND rating
History Ends 3×06 ND milioni – ND rating

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: