);

The Blacklist 7×06 – Dr. Lewis Powell (No. 130)TEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Blacklist by

And you wonder why I insist on flip phones and dead drops. Honestly.
Le onde del destino

Hegel dichiarava di avere visto, in Napoleone, “la Storia a cavallo”. Il filosofo tedesco credeva nell’individuo cosmico – storico, destinato a cambiare le cose, mentre tutti gli altri erano destinati a fargli da paesaggio o da aiutanti. Tolstoij era di parere completamente opposto: non credeva alla “genialità” del singolo individuo e non la trovava nemmeno nel generale Bonaparte. A contare e a decretare l’esito della guerra tra russi e francesi, scrive, furono l’indomito spirito del popolo russo e le onde del destino, le quali hanno interagito con quest’ultimo per portare al comando delle operazioni prima il generale Kutuzov, quando serviva una persona della sua indole, poi lo zar, persona di indole completamente opposta, quando serviva un personaggio di carattere diverso.
Pensando a questo, assumono maggiore significato le scene in cui Vontae sta leggendo Guerra e Pace e quelle in cui Elodie coinvolge Aram in giochi pericolosi, adducendo il pretesto di aver bisogno di un brivido per sopportare la sua dura vita col marito paralizzato. Il giovane amico di Red sembra proprio un piccolo Dembé, studia sodo e con profitto, mentre lei una novella Katarina Rostova. Anzi, forse proprio la mitica spia russa potrebbe averle insegnato come diventare una pericolosissima Donna Filosofale. Insomma, il copione è sempre quello, cambiano solo attori e questo mette tutta la narrazione in una prospettiva piuttosto intrigante.

Le tre leggi della robotica

Anche nel caso di giornata il livello etico della discussione rimane alto: si parla dell’influenza dei computer sulle sorti dell’intera umanità, con rimando evidente alle tre leggi della robotica di Asimov.
Il grande scrittore di fantascienza, però, è morto nel 1992 e quindi c’è modo di aggiornare le sue intuizioni al giorno d’oggi, parlando anche di video deepfake sin dalla sequenza di apertura, con cui la puntata si garantisce una partenza turbo.
Raramente lo show sconfina nei territori del fantascientifico. Si rischia di rendere la puntata molto ostica per quella fetta di pubblico a cui non piace il genere. La rappresentazione di un blacklister non umano (perché, in fin dei conti, le persone le uccide il computer Clark) risulta comunque avvincente. Il tema di sacrificare alcuni per il bene dell’intera umanità, poi, è sempre attuale, sia un essere umano in carne ed ossa oppure un’intelligenza artificiale a dover prendere delicatissime decisioni. Al giorno d’oggi però, se ancora non bastasse, si è aggiunta una nuova variabile all’equazione, perché si è reso possibile ipotizzare un futuro, non necessariamente roseo e non necessariamente catastrofico, in cui gli uomini potrebbero essere sottomessi alle decisione di un computer.
Per quanto riguarda più prosaicamente le sorti dei personaggi dello show, si segnalano l’uscita di scena di Francesca Mila, al termine di un tesissimo gioco a fregarsi l’un con l’altro e l’arrivo dell’agente Alina Park come nuovo membro della Task Force.
Dispiace per l’infermiera da combattimento ma, in fin dei conti, se l’è meritato, poiché l’avidità le ha fatto fallire il test a cui Red l’ha sottoposta. Il nuovo acquisto, invece, potrebbe riservare sviluppi imprevisti e grandi soddisfazioni. Si è vista quale furia possa scatenare quando si trova messa alle strette, quindi potrebbe essere portatrice sana di gene guerriero. Sembra inoltre intenzionata a raccontare del perché, dopo una pur brillante uscita dall’accademia, si sia fatta consegnare ad una sede non certo centrale e prestigiosa come Anchorage in Alaska. Per fortuna sua, Lizzie potrebbe essere proprio la persona giusta con cui confidarsi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Vontae è persona fedele e di cultura
  • Meglio non fare arrabbiare l’agente Park
  • Sequenza iniziale
  • L’umanità rischia di auto-eliminarsi senza saperlo 
  • Elodie, Donna Filosofale
  • Francesca Mila

 

Rispetto al già intrigante episodio precedente, si alza ancora il valore filosofico della puntata e, con esso, gli ascolti. Unico fronte su cui si segnala un netto calo quello della colonna sonora, quasi assente in questo episodio. Ora mancano due puntate prima che la serie si conceda una lunga pausa. Come annunciato dall’emittente NBC, infatti, The Blacklist tornerà a marzo 2020, per poi concludere la stagione senza interruzioni. Se da un lato questo avrà il risvolto positivo di evitare una programmazione piena di buchi, dall’altro in molti mesi il pubblico ha tutto il tempo di dimenticarsi a che punto era la storia e di perdere interesse. Probabilmente i responsabili del palinsesto contano sulla fedeltà dei fan, sulla loro diligenza nel seguire ogni nuovo appuntamento con attenzione e non ritengono rilevante la possibilità, ormai scarsissima, di attirare nuovo pubblico.

 

Norman Devane 7×05 3.90 milioni – 0.6 rating
Dr. Lewis Powell 7×06 4.19 milioni – 0.6 rating

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: