How I Met Your Mother 9×18 – RallyTEMPO DI LETTURA 3 min

/
()

Post pausa Olimpiadi si comincia con “Rally” la maratona che ci porterà dritti al doppio series finale del 31 Marzo. Molte sono le cose ancora da chiarire ma, come è successo in questa stagione, sono ancora di più gli elementi che Bays e Thomas vogliono omaggiare del proprio show e, come in “Sunrise“, è il turno di Barney Stinson e delle sue molteplici qualità e caratteristiche.
L’episodio si apre e si chiude nel “futuro” con un Ted ed una Mother dietro il sedile di una limousine impegnati a brindare sia per il nuovo anno sia per la festa per il libro che quest’ultima ha scritto e successivamente in camera loro per il mattino post sbronza. Di tutta “Rally” i loro momenti sono sicuramente i meno interessanti ed è tutto dire visto che le scene dei due piccioncini ci vengono elargite con il contagocce ma tant’è.
Il vero fulcro dell’episodio gira tutto intorno al tentativo della gang di risvegliare Barney dalla sbornia epica che si è preso. Questo, come l’intro in limousine, è tutto un escamotage per permettere agli autori di affrontare la “leggenda” di Barney come uomo tutto d’un pezzo e smontarla pezzo dopo pezzo dimostrando tutta l’umanità e l’amore che ci sta dietro. Il bibitone, noto anche come Stinson’s Hangover Fixer Elixir, è una cura contro la sbornia ideata da Barney per aiutare gli amici il mattino dopo le serate selvagge nate per annegare i propri dispiaceri nell’alcol. L’elisir in realtà sfrutta l’effetto placebo come cura e, se da un lato è un’idea carina che enfatizza le vere intenzioni del biondo, dall’altro rappresenta un’occasione sprecata per la creazione di una bevanda che si preannunciava epica anche solo per la presenza del grasso. Una mezza vittoria che ha puntato tutto sul (b)romanticismo invece che schiacciare il pedale sulla comicità.
“Rally” è una riuscita dimostrazione di affetto e di scoperte, come il bacon per Ted o il lato saffico per Robin, per tutto il gruppo che ha come unico obiettivo quello di sistemare lo sposo prima del matrimonio e, soprattutto, di riportare in auge il legame unico ed indissolubile che lega insieme Ted, Robin, Lily, Marshall e Barney e che ciascuno di loro interpreta e tiene vivo a modo suo, nel caso di Barney anche con lo Stinson’s Hangover Fixer Elixir. Potrei dilungarmi constatando come la puntata sia l’ennesimo riempitivo di una stagione fatta di fin troppi filler ma in realtà questo non è un filler ed a tutti gli effetti non dispiace affatto assistere ad un episodio che enfatizzi l’amicizia tra tutti i membri del gruppo perchè, in fin dei conti, è l’elemento chiave che ha permesso la riuscita di questa serie. Un episodio omaggio ci può anche stare.

 

PRO:

  • Ted che scopre il gusto del bacon
  • Stinson’s Hangover Fixer Elixir
  • Discorso di Marshall post vittoria delle elezioni
  • Viene rispolverato il “Weekend At Barney’s” della scorsa stagione
CONTRO:
  • Forse un po’ troppo sdolcinato il tutto
  • Le scene tra Mother e Ted sanno tanto di contentino

 

Puntata piacevole che potrebbe passare inosservata se non fosse per il suo scopo e per certe battute che sono un toccasana per l’umore. La serie sta finendo, il nostro consiglio è di godersi gli ultimi momenti, potrebbero essere i migliori.

 

Sunrise 9×17 9.26 milioni – 3.3 rating
Rally 9×18 9.28 milioni – 3.6 rating

 

VOTO EMMY

Quanto ti è piaciuta la puntata?

Nessun voto per ora

Fondatore di Recenserie sin dalla sua fondazione, si dice che la sua età sia compresa tra i 29 ed i 39 anni. È una figura losca che va in giro con la maschera dei Bloody Beetroots, non crede nella democrazia, odia Instagram, non tollera le virgole fuori posto e adora il prosciutto crudo ed il grana. Spesso vomita quando è ubriaco.

2 Comments

  1. Aggiungerei tra i Pro il colpo che ci hanno fatto prendere nel flashforward in Argentina di Robin e Barney, poi barbaramente (e genialmente) demolito.

Precedente

Helix 1×08 – Bloodline

Prossima

True Detective 1×06 – Haunted House

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.