);

Los Favoritos De Midas 1×01 – DilemaTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Basato sul racconto di Jack London, “The Minions of Midas”, la nuova serie spagnola sbarcata su Netflix -Los Favoritos De Midas- vede al timone Mateo Gil, regista e ideatore dello show, semisconosciuto al grande pubblico ma a quanto pare parecchio apprezzato in patria. Sotto i riflettori della macchina da ripresa si alternano Luis Tosar (nel ruolo del protagonista Victor Genovés); Marta Belmonte (Mònica Bàez) e Willy Toledo (nei panni dell’ispettore di polizia Alfredo Conte).

LA TRAMA


“[…] De no ser asì, una persona elegida al azar morirà ese dia en la Avenida de Valvanera al despuntar el sol. Nosotros no conoscemos a esa persona. Usted tampoco. Solo usted podrà salvarla. Afectuosamente, se despiden…Los favoritos de Midas.”

La trama è presto detta: sullo sfondo di una Madrid sempre più corrotta un magnate dei media viene ricattato da una misteriosa organizzazione criminale. La cifra da estorcere è cinquanta milioni di euro e la minaccia è quella di commettere un omicidio ogni cinque giorni fino al pagamento della somma richiesta. Il protagonista, come ovvio, non ha la minima idea di chi sia l’organizzazione che si firma sotto il nome de i favoriti di Mida, eppure quest’ultima sembra interessata non solo al denaro, ma allo stesso Victor Genovés. Le due cose appaiono al momento completamente scollegate, ma la relazione sembra essere appena iniziata.
A rendere il tutto più misterioso è l’intreccio narrativo con una giornalista attivista in Siria: la scelta da parte di Genovés di pubblicare i suoi articoli mina la leadership dello stesso dirigente, che nel consiglio d’amministrazione dell’azienda ha parecchie rogne cui pensare.

I PROTAGONISTI


Victor Genovés è un potente magnate nell’industria della comunicazione. Una carica ottenuta da poco, un matrimonio finito probabilmente per il troppo lavoro e un figlio adolescente con cui comunicare è sempre più difficile. La vita di Victor sembra già chiara dai primi minuti di girato: solitario, taciturno, circondato da vipere sul lavoro e con una posizione troppo ingombrante da permettere una vita privata.
Mònica Bàez
è una giornalista impegnata sul fronte siriano. Le storie dei due protagonisti si intrecciano quando Monica chiede a Genovés di pubblicare un importante notizia sul commercio di armi in Siria. Una giovane donna che vive con la madre pensionata, dedita all’etica e all’attivismo. Non è difficile fiutare la storia d’amore dietro l’angolo.
L’ispettore Alfredo Conte e la sua troupe d’indagine intervengono sin dal primo omicidio commesso dall’organizzazione, dando sin da subito l’impressione di rappresentare più un ostacolo per Victor che un aiuto. Anche qui non è difficile intuire che i già poco cordiali rapporti tra l’ispettore e Genovés sono destinati a raffreddarsi sempre di più.

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI


Giudicare un libro da una copertina è una cosa che non si dovrebbe mai fare, tuttavia bisogna ammettere che per essere un primo episodio, “Dilema” è decisamente poco invogliante.
La storia incuriosisce ed è certamente singolare, con una narrazione destinata ad accelerare nei prossimi capitoli: l’omicidio di uno sconosciuto ogni cinque giorni e un’organizzazione criminale apparentemente innocua nei confronti del ricattato, dovrebbero destare senza dubbio l’attenzione dello spettatore generando un mix di tensione, curiosità e interesse. Ma il pilot non è riuscito a trasmettere tutto questo. La visione dell’episodio scorre lenta e senza alcuna scena memorabile o dialogo intrigante che possa stimolare la visione dei successivi episodi.
Noia e disinteresse generale animano il telespettatore che si approccia a una storia presentata male e narrata anche peggio, che non incoraggia in alcun modo il binge watching. Il ritmo tenuto dal primo episodio è poco vivace per una serie che si presenta come un thriller e l’unica scena d’azione non è abbastanza dinamica da far vibrare le corde di una narrazione piatta e scialba.
Giudicare un libro da una copertina è una cosa che non si dovrebbe fare mai. E’ proprio per questo che nonostante l’inconfondibile odore di spazzatura che emana il primo episodio, si potrebbe concedere alla serie la possibilità di ingranare verso orizzonti più avvincenti e meno monotoni. Restano a disposizione cinque episodi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Trama accattivante
  • L’ispettore Alfredo Conte e l’indagine della polizia
  • La nuova lettera che mette in moto la narrazione e la relazione tra Victor e l’organizzazione
  • Cast e personaggi ancora non del tutto convincenti
  • Un pilot con poco appeal
  • Minutaggio importante
  • Qualche banalità narrativa
  • Visione che scorre lenta e monotona

 

Un episodio è decisamente troppo poco per decretare l’insuccesso di una serie tv; certo è che siamo di fronte a un pilot poco incisivo e per nulla convincente che non riesce a trasmettere l’appeal della storia. Potrebbe andare meglio nei prossimi episodi. O forse no.

 

Lunatica, brutta, cinefila e mancina. Tutte le serie tv sono uguali, ma alcune sono più uguali delle altre.

Rispondi

Precedente

The Crown 4×01 – Gold Stick

Prossima

Supernatural 15×19 – Inherit The Earth

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: