);

Mare Of Easttown 1×06 – Sore Must Be The StormTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Mare-of-easttown-1x06Con il ritrovamento di Katie e Missy a casa di Potts, il mistero ad Easttown sembrava essere giunto ad un punto cieco in cui, ormai a ridosso del finale, tutti i misteri sembravano essere stati risolti del tutto.
Una supposizione errata visto che la puntata si apre con l’informazione riguardante l’alibi di Potts proprio per la sera in cui Erin veniva assassinata. Tutto da rifare, quindi oppure il caso è in procinto di risoluzione?
Con l’ennesimo episodio che sfora l’ora di messa in onda, Mare Of Easttown permette alla propria protagonista principale di riprendere le redini del caso e di ricongiungere i vari punti per arrivare alla risoluzione di tutto. Nei sessanta minuti messi a disposizione, tuttavia, c’è spazio per Mare di riconciliarsi (più o meno) con tutti i vari personaggi secondari.
Il tutto avendo ancora a disposizione un’ultima puntata per presentare il finale che ormai si aspetta con ansia.

KATE WINSLET COLLANTE TRA I VARI PERSONAGGI


Zabel, morto tragicamente durante l’assalto a casa Potts, viene ricordato eroicamente mentre la madre incolpa proprio Mare per la dipartita del figlio. L’agente, scossa per la morte del collega dichiaratosi lo scorso episodio, si allontana anche da Richard, il professore-scrittore con cui sembrava voler portare avanti una sorta di relazione.
Parallelamente, con la famiglia, Mare giunge ad uno scontro diretto con Siobhan (ubriaca) che le getta addosso tutto l’odio ed il ripudio verso di lei mascherato segretamente nel corso degli anni e nato con la morte del fratello, Kevin.
Mare, quindi, fa da vero e proprio collante tra tutti i vari personaggi secondari appare e scomparendo da ogni singolo edificio giusto per ricomparire da un’altra parte della cittadina per portare avanti ancora un altro dialogo con un l’ennesimo personaggio. Un episodio catartico sotto certi aspetti che permette a Mare di togliersi diversi pesi dallo stomaco (per la prima volta viene raccontato apertamente del ritrovamento di Kevin dopo che si tolse la vita) e che sembrerebbe quasi aprire la strada ad un finale tragico proprio per il personaggio interpretato da Kate Winslet.

UN FINALE DI SERIE IN CRESCENDO


Il ritrovamento di Katie e Missy allevia la pressione che la popolazione di Easttown stava mettendo alla polizia, anche se la sequenza delle varie reunion famigliari appare tutto sommato compassata e senza un preciso focus, dando l’apparenza di essere stata inserita solo per il puro e semplice scopo informativo nei confronti dello spettatore. Una scelta inusuale se si tiene in considerazione il dispendio di minuti, nelle passate puntate, attorno alla figura di Dawn Bailey (la madre di Katie). Ma, nel complesso, rappresenta una scelta sintomatica di una serie che sta visibilmente crescendo di intensità e che, per dirottare l’attenzione sulle porzioni di trama più importanti, decide di sacrificare tutto ciò che è di marginale.
La serie sembra voler chiudere in crescendo, infatti, decidendo di portare all’attenzione i due fratelli Ross (Billy e John) nel tentativo di risolvere l’omicidio di Erin: Billy, preso dallo sconforto e dal dolore, confessa apertamente l’omicidio togliendo l’ultimo mistero alla serie e rendendo l’ultimo episodio una pura e semplice caccia all’uomo nei boschi. Oppure c’è altro? Sì, perché la sensazione che si ha è che la serie stia aspettando il momento più opportuno per sferrare l’ennesimo colpo di scena. Un plot twist che potrebbe coinvolgere John e la paternità del figlio di Erin, a questo punto, ultimo mistero rimasto irrisolto e che potrebbe rappresentare il motivo per cui, tutto di soppiatto, John stia cercando di allontanare Billy sia dalla polizia, sia dalla città forse per tentare di ucciderlo.
Si tratta chiaramente di supposizioni, ma che potrebbero trovare terreno fertile in cui crescere. La HBO è riuscita a costruire all’interno della fittizia cittadina di Easttown una comunità carica di segreti (piccoli e grandi) portandoli di volta in volta alla luce, mettendo in mostra il tentativo a tratti animalesco di autoconservazione di ogni suo singolo cittadino. Il risultato finale, con un solo episodio alla conclusione ma con buona parte della storia ormai svelata, è un prodotto di tutto rispetto che partito decisamente sottotono nonostante le spalle grosse della HBO si è dimostrato via via sempre più convincente e accattivante dove ogni singolo individuo poteva essere un papabile omicida e la fiducia era riservata a ben poche figure all’interno della comunità.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Episodio catartico, nonché puro e semplice ponte narrativo per il finale
  • Mare ed il suo ruolo di collante narrativo tra tutti i vari personaggi secondari
  • Il racconto del ritrovamento di Kevin
  • Billy e John
  • La rivelazione riguardo la morte di Erin e, forse, la paternità di DJ?
  • Serie in crescendo e ben pochi elementi non all’altezza

 

Un episodio al finale, buona parte della storia e dei misteri è già stata risolta e, quindi, resta in gioco una sola e semplice domanda: come andrà a finire? Il momento catartico che ha coinvolto Mare rappresenta il fantomatico canto del cigno per il suo personaggio?

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Precedente

Marvel Studios: Assembled 1×02 – The Making Of The Falcon And The Winter Soldier

Prossima

Parot 1×01 – La Axcarcelación

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: