);

Messiah 1×04 – TrialTEMPO DI LETTURA 4 min

/
Si sta arrivando a grandi passi verso la metà della stagione e Messiah, finora, continua a non voler scoprire tutte le sue carte. È una scelta che ha il suo perché, ovviamente, ma può creare dissapori nel pubblico (pagante) che, dopo 4 episodi, comincia a reclamare qualche informazione in più. Dello show di Petroni al momento non si sa ancora moltissimo e della figura di Al-Masih ancora meno, ovvero: dietro tutto il misticismo e alcuni “miracoli” che sembrano creati un po’ ad-hoc (il bambino colpito dal proiettile e “guarito” in “Tremor“) e un po’ a culo (la chiesa salvata dall’uragano nella scorsa “The Finger Of God“) si nasconde in realtà qualcos’altro che sembra essere ben più spiegabile. Ed è qui, nel dubbio tra fede e scienza indagine investigativa, che la serie sguazza.
Se le tempistiche di viaggio tra Israele e New Mexico possono essere considerate, con tutto il diritto, molto borderline (viste le ore di volo), allora l’idea di un fantomatico teletrasporto (e di conseguenza di un potere divino) può essere serenamente contemplata. Almeno fino alla scoperta del volo privato.
“Trial”, come da titolo, mette in mostra il processo per legittimare la permanenza su suolo americano di Al-Mssih, un processo che, vista l’importanza mediatica, non si svolge solo in aula ma anche, se non solo, fuori. Le pressioni esterne della CIA sono ovvie, tuttavia è il risultato che sorprende, se si vuole anche in positivo visto che mostra un esito alquanto diverso da quanto in genere avviene in realtà.

 

Al-Masih:I’d like to say something: no one decides where they were born. Our birthplace was decided by fate. You were born here I was born there. What divides us? A border is an idea decided by the lucky. Today you sit in the seat of the fortunate. Just remember what put you there. Fate. What is fate but the hand of God?

 

Questo breve monologo parla abbastanza da solo ed esprime l’ideologia dietro lo stile di vita molto misterioso, ma piuttosto pacifico del presunto Messia: è tutta una questione di destino perché, attraverso il destino si manifesta la volontà divina. Che la si pensi allo stesso modo o che la si reputi completamente errata, rimane comunque uno di quei concetti che non possono essere verificati, ma che sono anche altamente interessanti da discutere.
Il pregio della serie di Michael Petroni continua infatti ad essere questo costante ondeggiare tra momenti in cui si cominciano ad avere delle certezze (vuoi nei confronti del Messia, vuoi dal punto di vista investigativo) ad altri in cui queste certezze, faticosamente acquisite, si sgretolano sotto il peso di una nuova prospettiva. Il confronto tra Al-Masih ed Eva Geller è un ottimo esempio perché parte in un modo (parlando di tutte le persone guidate al confine e poi abbandonate lì) ma finisce in un altro (Al-Masih sembra conoscere il nome della Geller senza una spiegazione logicaEva it’s okay. It’s okay to cry” e questo pone tutto su un piano più mistico), seguito poi da un altro twist (il braccialetto col nome) che riporta la prospettiva dello spettatore, e della Geller, in uno stallo voluto.
Resta quindi a ciascuna persona, sia essa un character o un mero spettatore, provare a prendere una parte e capire dove stia la verità. Ed è una possibilità che viene concessa solo dalle serie che hanno una scrittura pensata e decorosa, cosa che sembra appartenere anche a Messiah. Fortunatamente.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Puntata scorrevolissima e anche piacevole
  • Ottima l’interpretazione di Michelle Monaghan e di Mehdi Dehbi così come il loro primo incontro
  • Will Mathers (il membro della Task Force Antiterrorismo) che registra tutta la convesrsazione
  • Finale a sorpresa…
  • John Ortiz, che qui interpreta il prete, si conferma essere degno di finire nel girone infernale degli “Attori Cani Che Non Sanno Recitare Ma Hanno Sempre La Bocca Socchiusa A Mo’ Di Stupore”
  • Ci sono alcune piccolezze che fanno capire la mancanza di alcuni dettagli nella scrittura
  • …peccato che il prete non si possa vedere

 

“Trial” è un buonissimo episodio, non esente da difetti ma quanto meno fruibile a tutti e scorrevole in tutti i suoi 49 minuti. E si mantiene pure la voglia di continuare il binge-watching…

 

The Finger Of God 1×03 ND milioni – ND rating
Trial 1×04 ND milioni – ND rating

Martin Moody

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Messiah 1x03 - The Finger Of God

Next

Messiah 1x05 - So That Seeing They May Not See

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: