Ragnarok 3×03 – 3×04 – Losing My Religion – My PreciousTEMPO DI LETTURA 4 min

/
()

Ragnarok 3x03 recensioneLa terza stagione di Ragnarok si sta rivelando un vero e proprio tonfo nell’acqua nel fiordo.
Dopo un paio di stagioni tutto sommato promettenti nonostante i vari difetti elencati (sceneggiatura imperfetta, attori non proprio carismatici), questa terza e ultima annata sta inanellando una serie di scelte sbagliate frutto di una sceneggiatura imbarazzante, personaggi inutili e una serie di scelte narrative discutibili fatte semplicemente per allungare il brodo.
L’incongruenza dei vari character, il fatto che le priorità (per esempio della polizia) di chi abita ad Edda siano completamente diverse rispetto a quelle di un essere umano di senso compiuto e l’atteggiamento indisponente del suo protagonista, sono arrivate a livelli difficilmente tollerabili. Ok che non si sta parlando di una produzione hollywoodiana, però la scrittura non può assestarsi su questo infimo livello.

SCENEGGIATURA DA GALERA


La sceneggiatura è il vero punto debole della terza stagione e specialmente di queste due puntate.
Un esempio è la scena in cui Laurits racconta al suo fidanzato di essere mezzo gigante e mezzo dio come se fosse completamente normale, il tutto aspettando che il serpentone esca dall’acqua, oltretutto alla piena luce del giorno. Lo shock di Laurits che rimane sorpreso perché il tipo (di cui non vale nemmeno la pena ricordarsi il nome) non gli crede è imbarazzante per due motivi: innanzitutto è assurdo che un ragazzo come Laurits, che ha già sperimentato le sue abilità divine, pensi che qualcuno possa credergli quando gli racconta di essere un dio;  in secondo luogo, è una scena che non aggiunge nulla alla storia visto che il fidanzato ha il carisma e l’utilità di un sasso sul ciglio della strada. Tra l’altro, sembra mettere in discussione solo il serpente ma crede allo storia del mezzo dio/mezzo gigante, il che dovrebbe far porre qualche domanda sul suo stato mentale.
Continuando a parlare dei character di Ragnarok e di quello che fanno o non fanno, non si può che prendere in ballo il personaggio di Ran, la madre di Saxa e Fjor, che è la cosiddetta “consumatrice di ossigeno” visto che non dà alcun tipo di apporto alla trama. Ran è una gigante che non fa assolutamente nulla a parte girare per casa e si rivela essere fondamentalmente succube di Fjor nonostante ne sia la madre.
Certo, il suo unico scopo è quello di essere un ostacolo per Magne e Laurits, ma qual è il senso di avere questo character in scena? Sbagliare mira scoccando la freccia che prende nell’occhio un bambino in un giardino? Veramente?

Ragnarok 3x04 recensioneARRESTATE SUBITO IL VECCHIO CHE SI FA GLI SPINELLI


Continuando a parlare delle scelte narrative discutibili, un ottimo esempio è la scena in cui “Odino” viene arrestato dalla polizia dopo essere stato sorpreso a fumare “uno spinello magico” in “Losing My Religion”. Scena totalmente fine a sé stessa che viene inserita probabilmente con lo scopo di essere un siparietto comico e dare spazio alla spalla di Odino/Wotan che è fondamentalmente paragonabile a Fabio di Fabio & Mingo di Striscia La Notizia.
Un altro esempio è la scena in cui Fjor entra in possesso del martello di Magne grazie alla geniale trovata di Laurits. Il martello è l’arma più potente della Terra (o così continuano a ripetere) però Fjor non lo prova nemmeno, si limita a tenerlo in mano e a guardarlo, portandoselo in giro per casa mentre si taglia la barba che nemmeno ha. È l’equivalente di comprarsi una Ferrari e tenerla in garage andando in giro per casa con le chiavi.
Questa scena è un altro esempio di stupidità dei personaggi di Ragnarok: Fjor è un gigante, quindi dovrebbe essere consapevole del potere del martello, il fatto che non lo provi nemmeno è un modo assurdo di sviluppare la storia ma è coerente con l’incoerenza generale. E si potrebbe andare avanti con altri esempi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La CGI del serpentone è la cosa migliore di queste due puntate
  • Personaggi ancora più inutili del solito (Ran, il ragazzo di Laurits)
  • Completa mancanza di senso logico
  • Odino/Wotan arrestato perché si fa uno spinello
  • Laurits che rivela la storia di dei nordici e giganti al fidanzato che gli crede senza il minimo dubbio, ma poi dubita sull’esistenza del mostro nel fiordo. Ok…
  • Stuolo di fan che all’improvviso irrompe in strada, certo come no
  • Frecce scoccate negli occhi dei bambini e nessuno si fa delle domande
  • La polizia più preoccupata di arrestare un vecchio che si fa uno spinello piuttosto di cercare diverse persone scomparse all’improvviso
  • La gara con i motoscafi, Ragne bloccato nel fiordo e un ritorno inspiegabile sulla terraferma senza porsi troppe domande sul mostro che ha mangiato il suo martello
  • Laurits che continua a cambiare fazione

 

A questo punto si può dire che si sia raggiunto un nuovo minimo. Se nella scorsa recensione si è concessa una sufficienza striminzita pur considerando tutti i difetti, questi due episodi sono un insulto a chi è arrivato fino a questo punto e ora deve pure continuare a guardare altre due puntate per terminare la serie. Francamente: un insulto all’intelligenza.

Quanto ti è piaciuta la puntata?

Nessun voto per ora

Fondatore di Recenserie sin dalla sua fondazione, si dice che la sua età sia compresa tra i 29 ed i 39 anni. È una figura losca che va in giro con la maschera dei Bloody Beetroots, non crede nella democrazia, odia Instagram, non tollera le virgole fuori posto e adora il prosciutto crudo ed il grana. Spesso vomita quando è ubriaco.

Precedente

É Terminato Lo Sciopero Degli Attori

Prossima

Spin-Off 3×10 – Billions VS Succession: miliardari a confronto

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.