);

Yellowstone 5×04 – Horses In HeavenTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Yellowstone 5x04 Recensione

Yellowstone, sin dall’inizio, è stato un progetto sul quale Paramount Network ha puntato considerevolmente, sia in termini di risorse economiche che di pubblicizzazione. Le loro aspettative, in questi anni, sono state ripagate, dati gli ascolti record dello show e la nascita di una moltitudine di spinoff – tra cui il già visto 1883 – che daranno vita a un vero e proprio Yellowstone Cinematic Universe. Mantenere il successo, però, è ancora più complesso che raggiungere la vetta, come mostrato da molte serie che sono inesorabilmente cadute nel dimenticatoio (o nel ridicolo) dopo degli inizi sfolgoranti. Si pensi al più fulgido rappresentante della categoria, ossia The Walking Dead. Questa introduzione non vuole paragonare Yellowstone allo storico show di AMC, perché non si è ancora verificato un crollo qualitativo di quelle proporzioni. Tuttavia, dopo quattro puntate, è necessario ammettere che questa quinta stagione stia faticando a reggere il peso della fama. Soluzioni narrative semplici e poco approfondite, ritmi lenti, pochi avanzamenti di trama, personaggi abbandonati al proprio destino. Il prodotto di Taylor Sheridan si attesta ancora su un livello sufficiente, ma questi campanelli di allarme non possono essere ignorati.

BETH & JAMIE


L’episodio comincia esattamente dove era terminato il precedente, ossia con l’arresto di Beth per la rissa nel bar. Pur essendo in Montana, e pur considerando che Yellowstone non ha intenzione di diventare un sofisticato show a tinte politiche, l’arresto del Chief of Staff del Governatore sarebbe comunque una notizia molto rilevante e in grado di creare uno scandalo. Questo rischio viene sventato da Jamie, il quale usa la sua conoscenza legale per evitare che la donna aggredita sporgesse denuncia contro Beth.
Successivamente, Beth si scontra con Jamie quando lei scopre che il fratello è diventato padre. La scena è molto intensa, e si chiude con Jamie che, per un attimo, pensa di investire Beth. In queste scene, Jamie sembra tornato quello delle prime stagioni: dedica le sue giornate a proteggere il ranch e i componenti della sua famiglia, ricevendo in cambio ben poca riconoscenza. La differenza, in questo caso, è che sta facendo tutto questo non di sua volontà, ma perché ricattato. Inoltre, quando si fa ingannare con facilità da una rappresentante della multinazionale, Jamie certifica l’assoluta mancanza di crescita del suo personaggio in questi 5 anni.

IL GOVERNATORE DUTTON


Sin dall’inizio della stagione, il minutaggio dedicato al personaggio di Kevin Costner sembra essersi ridotto. Del resto, essendo diventato governatore, non ha tempo per stare nel ranch, dove molte delle vicende continuano a svolgersi. Inoltre, le sue vicende politiche faticano a decollare. Come detto in precedenza, Yellowstone non ha la presunzione di diventare The West Wing in termini di narrazione delle vicende politiche. Tuttavia, è troppo semplicistico mostrare un governatore in grado solo di licenziare funzionari perché svolgono lavori di cui lui non vede l’utilità.
John Dutton è un governatore repubblicano, senza ombra di dubbio. I repubblicani sono storicamente a favore della riduzione del ruolo del governo nella società. Nonostante questo, licenziare tutti i consulenti politici è una scena che appare esagerata e grottesca. Yellowstone non è uno show politico ma, se si decide di far diventare il protagonista il governatore dello stato, probabilmente le vicende politiche necessiterebbero di ricevere maggior cura e attenzione, per rimanere quantomeno nell’ambito del verosimile.
Un’altra scena non riuscita riguarda la grazia concessa a Summer Higgins. Dal punto di vista politico, assumere un’ambientalista per comprendere meglio le loro posizioni (e poterli contrastare con più efficacia) è un discorso sensato. Tuttavia, concedere la grazia a una condannata e farla vivere a casa dopo mezza giornata rivela una pigrizia nella sceneggiatura che era stata già avvertita in altre occasioni.

L’ULTIMA DELLE COMPARSE: KAYCE


L’altro evento dell’episodio è riservato al funerale del piccolo John. Queste scene includono anche il miglior momento dell’episodio, ossia il discorso di John a Monica, in cui Kevin Costner mostra tutte le sue capacità attoriali. Tuttavia, la scena permette anche di ricordarsi dell’esistenza di Kayce Dutton, misteriosamente scomparso dai teleschermi nella seconda metà della quarta stagione. In origine, sarebbe dovuto essere uno dei protagonisti. In realtà, da tempo ha un minutaggio inferiore a quello riservato a Teeter. Il motivo di questa scomparsa è un mistero, ma quello che è certo è che si sta sprecando il potenziale di quello che sarebbe potuto essere il più interessante tra i figli Dutton.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il discorso di John a Monica
  • La scena di Jamie e Beth in macchina
  • La consapevolezza sempre più diffusa sul futuro: non vinceranno questa guerra, al massimo ritarderanno la sconfitta
  • Il rilascio di Summer
  • Jamie
  • Beth
  • Il Governatore John Dutton 
  • Kayce con un ruolo più marginale di Teeter

 

Yellowstone macina ascolti da record, ma, dopo quattro episodi, la quinta stagione è probabilmente il punto più basso toccato dallo show di Taylor Sheridan.

Romano, studente di scienze politiche, appassionato di serie tv crime. Più il mistero è intricato, meglio è. Cerco di dimenticare di essere anche tifoso della Roma.

Rispondi

Precedente

Mercoledì 1×04 – Una Triste Serata

Prossima

Mercoledì 1×05 – Chi Semina Vento Raccoglie Tristezza

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: