);

The Killing 2×06 – OpeningsTEMPO DI LETTURA 2 min

/
So che l’ho detto altre volte, e nonostante sia quasi sempre stato smentito questa secondo me è la puntata della svolta. Non per quanto riguarda il caso di Rosie ma per quanto riguarda il prodotto The Killing. Si perché finalmente sembra che i produttori abbiano deciso di abbandonare la lentezza che aveva ampiamente contraddistinto la prima parte di stagione in favore di ritmi più sostenuti, esattamente come avvenuto nella prima serie. Ed il fatto che ciò avvenga proprio nell’episodio che vede il consigliere Richmond tornare “alla vita” non è una coincidenza.
Perché in una serie a corto di personaggi carismatici una figura come la sua era troppo importante per farla morire su un letto d’ospedale. Con il consigliere torna al vertice della storyline anche il filone politico che avvolge The Killing sin dagli inizi della prima stagione, ma in quest’episodio è tutt’altro che pesante. Anzi, posso tranquillamente dire che il momento migliore dell’episodio è proprio il discorso di Richmond alla stampa che sancisce il suo ritorno alla corsa elettorale. Diamo quindi ufficialmente un bentornato al nostro amato consigliere, ci eri proprio mancato!
Dall’altro lato continuano le indagini di Linden e Holder (o meglio ormai solo di Linden, ma questa è un’altra storia) che stavolta sono alle prese con un vecchio/nuovo personaggio, ovvero il padre del fidanzatino di Rosie. Vecchio perché era già comparso in uno dei primi episodi della serie e nuovo perché per la prima volta risulta essere collegato direttamente con il caso di omicidio. In particolare viene scoperta una possibile relazione tra questi e Rosie, relazione che viene puntualmente smentita proprio dal ragazzo alla fine dell’episodio, con conseguente ennesimo buco nell’acqua per la coppia di detective. Su questo gli autori dimostrano di non essere proprio cambiati, il sospettato di giornata che nasce e muore all’interno dell’episodio è ormai una costante di questa seconda stagione.
La novità invece è rappresentata dallo stalker che sta seguendo Linden e figlio, e che ha lasciato nella stanza dei due un disegno (che avevamo già visto in precedenza) riguardante il caso di omicidio irrisolto che ancora perseguita i sogni della detective. Non sappiamo niente più di questo misterioso individuo, ma per quanto mi riguarda sono veramente contento di questa nuova svolta nella vita di Linden, il personaggio ormai stava diventando veramente troppo piatto e monotono e doveva essere rivitalizzato in qualche modo. Bravi gli autori, speriamo ora tirino fuori qualcosa di interessante anche per Holder, ormai relegato sempre più a semplice spalla di Linden.
PRO:

  • Il discorso di Richmond
  • Chi è e cosa vuole il misterioso personaggio da Linden?
  • Trama riportata a buoni livelli di azione e suspance
  • Nuovo colpo al cuore per Mitch
CONTRO:
  • Ancora troppo poco Holder
Buon episodio che getta ottime basi per una degna seconda parte di stagione, speriamo veramente di non essere nuovamente delusi!

VOTO EMMY

Un tempo recensore di successo e ora passato a miglior vita per scelte discutibili, eccesso di binge-watching ed una certa insubordinazione.

Rispondi

Precedente

Suits 2×13 – 2×14 – Zane VS Zane – He’s Back

Prossima

The Vampire Diaries 4×14 – Down The Rabbit Hole

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: