);

This Is Us 5×14 – The Music And The MirrorTEMPO DI LETTURA 4 min

/

This-Is-Us-5x14Dopo aver messo in campo la tanto attesa riappacificazione tra Randall e Kevin, This Is Us era andata in pausa per oltre un mese dando la certezza al proprio pubblico che quando le tematiche si fanno veramente scottanti, attuali e molto intense, la serie NBC risponde quasi sempre presente senza troppi momenti di indecisione.
Lo show torna sugli schermi con un’altra certezza, ben diversa, ossia che la prossima stagione sarà l’ultima: il prodotto di Dan Fogelman chiuderà i battenti con la sesta stagione e forse aprirà la strada a nuovi prodotti (spinoff o film sono già sul piatto, ma tutto sarà da chiarire). Un plauso alla produzione, sicuramente, capace di sfruttare la potenzialità narrativa della storia (fagocitando anche le problematiche legate al Covid-19), ma restando con i piedi ben saldi a terra e consapevoli di quando risulta evidente dover staccare la spina ad uno show. Cosa che molte altre emittenti non sembrano essere in grado di fare oggi, così come in passato.

MUSICA E LAVORO


Tematica dell’episodio è il lavoro, ma che prende la declinazione della musica in generale quando la sceneggiatura si focalizza su Kate e Beth. La puntata non si spacca in maniera omogenea tra narrazione al presente e flashback, preferendo dar maggiore spazio ai primi relegando a veri e propri riempitivi le sequenze del passato dei Pearson. Una scelta che viene ripagata da un episodio molto coinvolgente con l’ottimo sfruttamento della sottotrama riguardante Beth.
Il sogno del suo studio di danza nasce, cresce e muore nel giro dei cinque minuti in cui vengono condensati diversi mesi e che progressivamente annientano la sua attività, fortemente danneggiata dal virus che lo show della NBC ha deciso di accogliere a braccia aperte all’interno delle tematiche oggetto della sua narrazione. Beth si ritrova prima costretta a dare lezioni ad una moltitudine di giovani ragazze protette da una maschera; successivamente il tutto approda sul web, tramite video lezioni sempre meno frequentate, cosa che costringe Beth a chiudere l’attività e attendere, forse, momenti più fortunati.
Il suo sogno, ancora una volta, si infrange contro la realtà: da ragazzina lasciata fuori dal corpo di ballo; da adulta abbattuta eticamente ed economicamente da un virus impronosticabile. Eppure, Beth, resta in piedi e non si spezza, un adeguamento alla realtà che la rende la perfetta controparte di Randall, spesso molto sensibile, invece, ai rapidi cambiamenti e alle novità. Un rapporto, il loro, a cui viene dedicato il giusto spazio in questo episodio che mette in mostra il forte sentimento che lega entrambi avvicinandoli per un ballo insieme, lo stesso che avevano fatto in uno dei loro primi appuntamenti da giovani. Un messaggio, da parte di Randall, per ricordare alla sua dolce metà che, nonostante tutto e tutti, lui c’è ed è lì accanto a lei “no matter what”.

KATE E KEVIN


Kate, parallelamente, si occupa insieme alla madre di aiutare Madison nella scelta del vestito per il matrimonio, aggiungendo di fatto poco alla trama in generale, salvo un collegamento alla tematica generale dell’episodio (Kate porta Rebecca ad una delle lezioni di musica che la ragazza tiene).
Kevin, invece, cerca di salvaguardare la propria carriera lavorativa sia a causa dell’orribile film che ha da poco finito di girare, sia per la terribile reputazione che negli ultimi anni sembra essersi costruito addosso. In tutto ciò, per puro caso, rientra nella sua vita Zoe, la cugina di Beth che nella terza stagione aveva aiutato Kevin ad approfondire il passato in Vietnam di Jack e che, di conseguenza, avevano condotto proprio al recupero del rapporto con Nicky. La ragazza compare giusto il tempo per gettare qualche seme del dubbio (“[…]no matter what happens, you always find a way of making it what you wanted all along“), nella mente di Kevin, relativamente al matrimonio, ai figli e al rapporto in generale con Madison, aggiungendo quel pizzico di interesse e possibilità di plot twist che potrebbero movimentare questo finale di stagione.
Menzione speciale alla capacità segreta da stand-up comedian di Madison che con “Sup, Rebecca? How’s the Alzheimer’s?” gela Kevin e non può non far partire una bonaria risata allo spettatore, soprattutto considerato il delicato lavoro fatto dal cast e dagli sceneggiatori per addentrarsi alla problematica di salute di Rebecca nelle scorse stagioni (e al relativo scontro tra Randall e Kevin, conclusosi giusto nello scorso episodio). Delicatissima (ma apprezzata).

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La battuta di Madison sull’Alzheimer di Rebecca
  • Randall e Beth
  • L’elemento musica (e lavoro in generale) trattato all’interno della storia
  • Pochi flashback, ma ottimamente gestiti
  • Fisiologico calo rispetto all’ultimo ottimo episodio relativo al riavvicinamento tra i due fratelli Pearson

 

Andando ad analizzare la tematica del lavoro ed i singoli personaggi dello show, This Is Us riesce a regalare l’ennesimo ottimo episodio di questa penultima stagione.

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Precedente

Who Killed Sara? 1×01 – It Wasn’t A Mistake

Prossima

The Underground Railroad 1×01 – Chapter One: Georgia

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: