);

The Crown 4×02 – The Balmoral TestTEMPO DI LETTURA 4 min

/

La chiacchierata quarta stagione di The Crown è sbarcata su Netflix e il confronto più atteso dal pubblico non si è fatto attendere: l’occasione è l’invito rivolto dalla Regina al Primo Ministro nella tenuta scozzese di Balmoral, per un soggiorno tra tè del pomeriggio e pungenti conversazioni.

CORONA E GOVERNO: TEST FAILED


Peter Morgan non ci ha messo molto a regalare agli spettatori l’incontro tra le due donne più potenti dell’Inghilterra degli anni ’80. Margaret Thatcher e la Regina Elisabetta si incontrano per la prima volta, decretando un odio a prima vista in un insolito rapporto che terrà banco per tutti gli anni a venire, sino alla morte della Thatcher.
Il soggiorno presso le residenze scozzesi della famiglia reale si rivela fin da subito un test d’ammissione per i coniugi Thatcher che si ritrovano a contatto con usanze e formalità del tutto nuove e a cui non sembrano prestare poi troppa attenzione. In una situazione di già stretto disagio, Sua Altezza e la Royal family non sembrano perdere occasione per rimarcare il basso lignaggio dei Thatcher, con sprezzanti osservazioni e pungenti commenti che decretano fin da subito il disastroso rapporto che sta per instaurarsi tra la Corona e il capo del Gabinetto.
La durezza e le riserve tipiche delle donne Windsor non lasciano inizialmente spazio alla personalità del neo eletto Primo Ministro che si ritrova a sbattere contro un muro di ostilità, tra una diffidente Elisabetta e una non certo accomodante principessa Margaret. E se in un primo momento la Thatcher sembra subire gli attacchi della casa reale, ecco che sul finale fa capolino l’altrettanto imponente personalità della Iron Lady, che tiene testa alla Regina come forse nessuno, fino a quel momento, aveva mai fatto.

TEST PASSED


Chi invece sembra aver superato a pieni voti la prova di ammissione presso il castello di Balmoral, incontrando consensi e approvazione da parte di tutta la famiglia Windsor, è la giovane Diana Spencer.
Parallelamentealla risolutezza utilizzata nei confronti di una Thatcher assolutamente non in grado di stare a Corte, ignorando formalità e maniere che la sua umile discendenza non le ha permesso di conoscere, si sviluppa una spontanea simpatia per Diana che si dimostra da subito perfettamente a suo agio nell’alta aristocrazia. La sua nobiltà di origine le consente l’accesso tra le mura dei palazzi reali e la sua nobiltà d’animo le fa conquistare definitivamente il benestare di tutti.
Bella, dolce e a modo, Diana si fa conoscere da subito per la sua semplicità e il suo garbo riscuotendo un successo su tutti i fronti, persino nelle battute di caccia. E’ l’entrata in scena di un personaggioche, parallelamente a Margaret Thatcher, è destinato a segnare l’Inghilterra di fine secolo lasciando un ricordo indelebile nella società inglese.

L’INGHILTERRA IN ROSA


La descrizione dell’Inghilterra di The Crown passa per le importanti personalità femminili che ne hanno segnato la storia. Non vi è dubbio che Elisabetta tiene ancora il ruolo di colonna portante dello show, che si arricchisce in questa quarta stagione di donne altrettanto significative.
In questo gioco di parallelismi e confronti è da sottolineare come il ruolo decisivo sia senza dubbio svolto dal cast. L’impeccabile scelta delle attrici è il punto di forza della serie che vede la protagonista indiscussa Oliva Colman, ormai sempre più a suo agio nei panni della Regina, accostarsi a una Gillian Anderson che già dal primo episodio ha dato prova di grandi capacità, interpretando una misurata e allo stesso tempo dirompente Margaret Thatcher.
A chiudere il quadro sono Helena Bonham Carter (presente in questo episodio per pochi ma incisivi minuti) e Emma Corrin, nei panni di una lady Diana dai toni romantici e nostalgici.
Personaggi e attrici si fondono in maniera eccezionale in una cornice storica impeccabile, con ambientazioni e costumi curati nei minimi dettagli per una resa scenica da lasciare sempre con il fiato sospeso.

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Gillian Anderson nei panni di Margaret Thatcher
  • Emma Corrin veste una lady D bellissima e romantica
  • Cast e personaggi: menzione speciale per l’universo in rosa, dalla ormai colonna portante Olivia Colman alle new entry di stagione
  • Narrazione e sceneggiatura: la penna di Peter Morgan è sempre sottile e incisiva
  • Ambientazione e costumi: The Crown è sicuramente lo sceneggiato storico in costume migliore degli ultimi anni
  • Parallelismo tra la Thatcher e Diana a Balmoral
  • Le più forti personalità femminili della storia dell’Inghilterra a confronto: comincia a delinearsi il bizzarro rapporto tra la Regina e la Lady di ferro
  • Non c’è spazio per gli uomini nell’Inghilterra degli anni ’80. E no, non è un vero e proprio thumbs down

 

L’accento inglese è sempre irresistibile, ma un plauso finale va al doppiaggio italiano che permette anche alle nonne – protagoniste un po’ in prima persona dell’epoca narrata – di sorseggiare un tè in compagnia delle vicende dei Windsor.

 

Rispondi

Precedente

Supernatural 15×19 – Inherit The Earth

Prossima

The Comedy Store

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: