);

The Good Fight 4×02 – The Gang Tries To Serve A SubpoenaTEMPO DI LETTURA 3 min

/
Giunta al suo quarto ciclo vitale, The Good Fight cambia nuovamente la modalità con la quale vengono assegnati i titoli agli episodi. Dopo una prima stagione più classica, si era passati ad una seconda stagione che enunciava i giorni trascorsi dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca, fino ad arrivare alla scorsa edizione con titoli alla Friends (“The One with/where…”). Questa volta i titoli delle puntate cominciano tutti con la frase “The Gang…” e la descrizione, in pochissime parole, di ciò che accade durante lo svolgimento della storyline.
Dunque, in questo nuovo episodio “The Gang Tries To Serve A Subpoena”, Diane deve vedersela con una vecchia conoscenza dell’universo creato dai coniugi King, ovvero il sagace Louis Canning. L’avvocato interpretato da Michael J. Fox, infatti, era diventato uno special guest molto gradito (ovviamente non per le sue strategie legali, quanto per la peculiarità del personaggio e bravura di Fox) nella serie madre. Sono diventati memorabili i suoi tentativi di impietosire la giuria enfatizzando la propria disabilità o l’arguzia con la quale cercava sempre di cambiare le carte in tavola, utilizzando metodi anche poco ortodossi. La re-introduzione di Canning, però, è solo uno spunto per presentare il tema centrale che terrà banco per tutta la durata della quarta stagione.
Archiviata la parentesi anti-Trump e lo scandalo sessuale causato dal padre di Liz, il legal drama necessitava di una nuova spinta vitale per non rischiare di impantanarsi in sottotrame confusionarie e poco interessanti. Lungi da noi criticare la qualità dello show, ma la sensazione è che The Good Fight stesse virando troppo verso il surreale ed il politically (in)correct, tralasciando gli elementi tanto cari a chi si ciba di procedurali (per quanto innovative queste possano essere). Ancora non è dato sapere se la storyline del book club potrà avere una propria chiusura ma, da quanto visto negli sneak peek di questo quarto ciclo, quella nave è ben più che salpata.
Dopo un primo episodio che esplorava una realtà alternativa, frutto di un trip mentale di Diane, la trama subisce un salto temporale di nove mesi durante i quali la Lockhart si è assentata per riprendersi psicologicamente ed emotivamente, mentre lo studio legale dei protagonisti è stato acquisito da una ricchissima società, la STR Laurie. A Diane viene affidato il dipartimento pro-bono, per assecondare la sua indole da sindacalista convinta che cerca sempre di stare dalla parte dei più deboli. Ed è proprio durante uno di questi casi che l’avvocato ritrova Canning ed il suo ex-collega Julius Cain, ora giudice federale. Il primo incontro viene vinto da Canning o, meglio, dal suo cliente, tale Tucker Nugent, che sembra avere le spalle coperte da un potere superiore a tutti.
“The Gang Tries To Serve A Subpoena” dà il via ad una storyline di intrighi e cospirazioni con un misterioso “Memo 618” sventolato come uno spaventapasseri, davanti al quale esistono solo due strade da percorrere: nascondere la testa sotto la sabbia o continuare imperterriti con i propri ideali e finire nell’oblio; mangiare o essere mangiati, in poche parole. Si spera solo che la trama orizzontale rimanga abbastanza leggera ma comunque importante da permetterne la visione senza annoiare troppo. Non sarà il mistero del secolo ma sicuramente servirà per catalizzare l’interesse dello spettatore che non vede l’ora di assistere alla grande lotta tra Diane e questo mastodontico Golia.
Purtroppo, a far perdere un po’ di smalto alla puntata, ci pensano Lucca e David Lee costretti a lavorare assieme ad un caso di divorzio multi-milionario che non interessa a nessuno.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ritorno nelle aule di tribunale
  • Abbandono di storyline troppo pesanti e arzigogolate
  • Louis Canning
  • Memo 618
  • La poca chimica tra David Lee e Lucca

 

Una falsa season premiere cerca di riportare The Good Fight sulla carreggiata del vero e proprio legal drama, sebbene lo stile dei coniugi King sia sempre inconfondibile.

 

The Gang Deals With Alternate Reality 4×01 ND milioni – ND rating
The Gang Tries To Serve A Subpoena 4×02 ND milioni – ND rating

Se volete entrare nelle sue grazie, non dovete offendere: Buffy The Vampire Slayer, Harry Potter, la Juventus. In alternativa, offritele un Long Island. La prima Milf di Recenserie, ma guai a chiamarla mammina pancina.

Rispondi

Precedente

Homeland 8×11 – The English Teacher

Prossima

Recenews – N°320

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: