The Walking Dead 8×09 – HonorTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Walking Dead by
Sarebbe scontato e banale iniziare questa recensione facendo riferimento alla struttura ormai consolidata di The Walking Dead, al suo rapido accelerare nei punti cardine della stagione, al suo rallentare radicalmente nelle fasi intermedie.
Sarebbe inutile parlare di tutto ciò semplicemente perché tutto ciò in “Honor” non accade. La midseason premiére è sì portatrice di un evento storico nella mitologia della serie, ma i ritmi sono tutt’altro che serrati e dinamici. 
The Walking Dead si riaffaccia nei palinsesti televisivi, spogliati da pause varie causate dalla olimpiadi invernali, e lo fa con due netti tronconi di trama e un’ora scarsa di durata che rappresenta la vera croce dell’episodio in cui muore Carl. 
Carl Coral per gli amici saluta ed il suo saluto rappresenta la conferma totale che The Walking Dead è sprofondato del tutto in quella fase della vita telefilmica in cui tutto ciò che poteva essere particolare – sebbene discusso – si trasforma in dozzinale. Non è certo una novità delle ultime stagioni il fatto che TWD sia criticato a destra e a manca, che pochi ardui fan devono combattere con una moltitudine di detrattori. Ciò che poteva sostenere le tesi dei non tantissimi sostenitori della serie AMC era proprio il marchio di fabbrica dell’appena citata emittente. TWD, da serie tv via cavo, si comporta(va) come tale: morti eccellenti, resa scenica efficace, estetica ricercata. Premesso che ciò che risultava particolare potrebbe tranquillamente diventare banale in un’ottava stagione, senza cambiare una virgola, scelta e modalità con cui è stato fatto fuori Carl catapultano lo show in una dimensione ben più generalista di quanto si possa pensare. Analizziamo i fatti.

 

  • In una dilatazione temporale smisurata – elemento di novità della serie – vengono mostrate, nei precedenti episodi, digressioni su Carl e il suo nuovo amico dei boschi.
  • In un midseason finale senza fuochi d’artificio (non potevano esserci, quando tutti i precedenti episodi avevano mantenuto lo stesso ritmo) viene inserito un plot twist tanto fuori contesto quanto mediaticamente strategico nel creare attesa nei mesi di pausa.
  • Chandler Riggs, interprete di Carl, è un attore adolescente (classe 1999) e come altri suoi colleghi (vedi Jared Gilmore di Once Upon A Time, a proposito di dozzinale) tendono a non rimanere ancorati a lungo in uno stesso show, per diversi motivi (college, scelte di carriera…): la narrativa di The Walking Dead viene quindi piegata a esigenze extra-sceniche.
  • Si potrebbe obiettare che nel fumetto l’esito del personaggio è similare e che anche Sasha (e sicuramente altri) hanno abbandonato la serie per questioni extra-sceniche. Vero, però in questo particolare caso è stato monopolizzato un midseason finale, ma soprattutto un’intera midseason premiére.

 

Insomma, un buon 50% di “Honor” mostra Carl in evidente stato precario di salute in fase di drastico peggioramento. Giusto in tempo, se si pensa che l’intera introduzione dell’episodio rappresenta una specie di inno alla vita, con musica folk sullo sfondo, sole in faccia e tante lettere (anche se il morso infetto era già lì). 
Si è voluto dare un saluto degno dell’importanza del personaggio (cosa giusta), infarcendo la puntata di monologhi sussurrati, rendendo quindi Carl un nuovo Gesù sulla croce verso cui tutti rendono omaggio. Interessante la rivelazione finale che mostra come tutte le immagini patinate dei flashforward iniziati nella 8×01 fossero in realtà visioni utopistiche del giovane Grimes in fin di vita. Elemento che non snatura troppo il DNA catastrofista dello show (e però quelle scene ce le siamo dovute sorbire lo stesso, vabbè…).
Se Carl saluta il pubblico con messaggi di pace e amore, è interessante constatare come sia stata parzialmente rovinata anche la sezione adrenalinica di “Honor”. Morgan e Carol lanciati a testa bassa a riprendersi Hilltop danno vita alla vera prosecuzione della guerra con i Saviors. Tutto molto bene, compresa l’apparizione del bimbetto nel finale. Peccato per due macroscopici difetti. Il primo è che con il colpo di scena della 8×08 lo spettatore è stato abbastanza disorientato circa gli eventi della guerra, serve quindi qualche minuto di riepilogo mentale per comprendere il punto di partenza dei due personaggi presi in analisi. Altro problema è il continuo reiterare sulla morale dell’uccidere-non uccidere, come una continua partita a ping pong tra una coppia a caso di personaggi dello show. Senza contare che l’apparente uscita di scena di Ezekiel dava un suo perché a un personaggio che non ha mai rubato il cuore degli spettatori, ripresentandolo così, come se niente fosse. Pronto a riempire di nuovo trame che nessuno vorrà vedere.
Il cliffhanger finale con un Rick ferito su un albero sembra voler continuare la strada della non linearità temporale. Sarebbe ingiusto attribuire a questa scelta stilistica la causa principale della sempre maggiore perdita d’interesse verso la serie.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Rivelazione sulle visioni di Carl
  • Tutto sommato una recitazione non malvagia di Chandler Riggs
  • Progressi nella guerra contro i Saviors con le incursioni di Morgan, Carol ed il bimbo Gigi
  • Scene dilatate all’inverosimile
  • Ennesimi pipponi morali sull’uccidere
  • Peccato che Carl sia morto proprio quando iniziava a crescergli la barba

 

“CORAAAALLLL!!!”

 

How It’s Gotta Be 8×08 7.89 milioni – 3.4 rating
Honor 8×09 8.28 milioni – 3.6 rating

 

Sponsored by The Walking Dead ITAThe Walking Dead ItaliaAndrew Lincoln Italy

Approda in RecenSerie nel tardo 2013 per giustificare la visione di uno spropositato numero di (inutili) serie iniziate a seguire senza criterio. Alla fine il motivo per cui recensisce è solo una sorta di mania del controllo. Continua a chiedersi se quando avrà una famiglia continuerà a occuparsi di questa pratica. Continua a chiedersi se avrà mai una famiglia occupandosi di questa pratica. Gli piace Doctor Who.

2 Comments

  1. Ormai da 4 stagioni il titolo adatto sarebbe the walking NOIA, ma lo hanno pure rinnovato, presumibilmente per un’ultima stagione, visto che ormai non interessa praticamente più a nessuno.

  2. Purtroppo i “nessuno” sono sempre una bella fetta di pubblico, secondo me spremeranno la serie per altre 2-3 stagioni. Spero di sbagliarmi…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: