Gunpowder 1×01 – Episode 1TEMPO DI LETTURA 4 min

in Gunpowder/Recensioni by
“Remember, remember, the fifth of November,
the Gunpowder treason and plot;
I know of no reason why the Gunpowder treason
should ever be forgot.”

 

Se non fosse per il film V for Vendetta, in pochi riconoscerebbero i versi appena citati; eppure, queste poche righe fanno parte di un antico poema popolare inglese che nasconde al suo interno il racconto di un importante, ma forse poco conosciuta, pagina della storia britannica.
Tra gli emblemi assoluti dal film del 2005 di James McTeigue – a sua volta ispirato all’omonima serie a fumetti dell’impeccabile duo Alan Moore e David Lloyd – spicca senza dubbio la maschera indossata da V, rappresentazione del volto del cospiratore inglese Guy Fawkes, uno degli artefici del complotto (poi fallito) del 1605 che aveva come obiettivo l’esplosione della Camera dei Lord del Parlamento inglese, passato alla storia come “The Gunpowder Plot”. Mentre è la figura di Guy Fawkes ad essere stata presa come punto di riferimento dell’intero complotto, la storia nasconde ben altro, a partire dalla vera mente, meno conosciuta dal folklore inglese, dietro l’intera congiura: Robert Catesby, un personaggio la cui parte di storia è rimasta perlopiù nelle retrovie, mai realmente raccontata o approfondita a livello scenico.
Succede poi che nel 2017, un attore inglese sulla cresta dell’onda, Kit Harington per la precisione, ricorda di discendere da parte di madre proprio dalla stirpe di Catesby, decidendo così di dar voce anche alla sua parte di storia. E, dato che quando sei Jon Snow puoi tutto, il passo dall’idea alla realizzazione è breve.
Gunpowder si presenta come una miniserie di tre episodi della BBC One, period drama sviluppato dallo stesso Kit Harington insieme a Ronan Bennett e Daniel West e segue, appunto, la storia di Robert Catesby che, insieme ad un nutrito gruppo di cattolici inglesi, progettano una congiura ai danni del Re protestante Giacomo I d’Inghilterra e di tutto il suo Governo.
Per capire appieno Gunpowder e l’intera congiura delle polveri, tuttavia, è necessario comprendere anche il periodo storico: un’Inghilterra protestante nella quale, nonostante la ricerca di una sorta di tolleranza religiosa, i cattolici erano ancora perseguitati, torturati, uccisi.
E’ in quest’ottica che si apre proprio Gunpowder; “Episode 1” introduce la storia dell’epoca regalando come primo impatto le torture subite dai cattolici nell’Inghilterra del 1600. Una rappresentazione forte e cruda, che è valsa anche più di una critica alla miniserie: il pubblico della BBC ha giudicato troppo cruenti i primi 20 minuti di episodio caratterizzati da una descrizione crudelmente minuziosa delle torture impartite ai condannati. Scene senza alcun dubbio forti e cruenti ma, allo stesso tempo, mera rappresentazione della realtà passata e, soprattutto, niente che non si sia mai visto prima in altre serie tv del genere storico o fantasy.
Questo primo episodio, dunque, inizia presentando le cause che hanno portato alla congiura; è un percorso da un certo punto di vista dovuto, in quanto la descrizione degli eventi passati e le motivazioni dietro quelli futuri appaiono indispensabili per poter seguire il pensiero cospiratore dei congiurati ma, da un altro lato, l’esecuzione di “Episode 1” appare anche lenta, forse troppo per una miniserie con soli 3 episodi a disposizione, con un racconto che si dipana in maniera indolente nel corso della prima ora di narrazione, mancando una vera e propria miccia. Una miccia che tuttavia arriva negli attimi finali con l’apparizione di Guy Fawkes. Una svolta che non suscita interesse solo per la comparsa del personaggio in sé, ma più che altro per le modalità. Il più pacato racconto di Robert Catesby viene spezzato dall’anticipazione di un più frizzante Guy Fawkes, sottolineando come questo primo episodio funga come introduzione alla storia vera e propria che per partire aspetta solo l’incontro tra queste due figure.
Infine, menzione anche per il cast di questo period drama della BBC: oltre al già citato Kit Harington (ancora una volta nei panni dell’emo di turno) che da il volto al protagonista Robert Catesby, la serie può contare attori come Tom Cullen già visto in Downton Abbey, la star di The Lord Of The Rings Liv Tyler (apparsa anche in The Leftovers), ed ancora, l’actor e director Peter Mullan e Mark Gatiss scrittore e attore con numerose presenze sulla scena anche in Doctor Who, Sherlock e recentemente anche Game Of Thrones.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Uno sguardo verso un’ennesima parte di storia poco approfondita
  • Il finale con l’introduzione di Guy Fawkes che sa di promessa per gli episodi a venire
  • Drama storico che mantiene una rappresentazione veritiera di eventi realmente accaduti
  • Generale lentezza d’esecuzione

 

Gunpowder apre una finestra su un evento storico finora poco approfondito. Un period drama con tutte le qualità del genere ma che aspetta ancora il momento giusto per colpire fino in fondo.

 

Episode 1  1×01 ND milioni – ND rating

 

 

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”. Tra le sue prospettive future compare il tentativo di risoluzione di un dubbio alquanto amletico: recuperare o no Lost? Si accettano consigli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: