New Girl 4×20 – Par 5TEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni by

Il “par”, nel golf, indica il numero pre-determinato di colpi che il giocatore dovrebbe impiegare per completare una buca. Quando mancano ormai pochi appuntamenti al season finale, New Girl continua così a incrementare i segnali che, colpo dopo colpo (proprio come nel celebre sport di Tiger Woods), porteranno i personaggi di Schmidt e Cece a ricongiungersi. Il countdown è ormai agli sgoccioli, manca solo il quando per l’unica vera trama “orizzontale” di questa quarta stagione, comunque, fino ad ora, più che promossa. Ebbene sì, perchè, dopo una prima parte piuttosto fiacca, evidentemente sugli strascichi degli orrori della stagione passata, il positivo trend inaugurato ad inizio anno ha finito con l’essere confermato, di volta in volta, rendendoci più che soddisfatti per il non aver abbandonato le speranze di una possibile ripresa dello show.
Riguardo la coppia sopracitata, che in questa rinascita ha giocato sicuramente una parte importante (forse per il fatto che, finalmente, si è riusciti a delineare un punto d’arrivo quantomeno definito), l’abbiamo già accennato più di una volta, ma considerando come sta evolvendo la data storyline, conviene soffermarcisi più approfonditamente: ci riferiamo, ovviamente, al fatto che la pratica del ritorno di fiamma del duo Schmidt-Cece, dal punto di vista perlopiù tecnico, assomiglia tanto a quella di Nick e Jess, che ha reso la seconda stagione tanto memorabile. Con tutte le varianti e i contesti differenti del caso, ad accomunare le due storie d’amore, infatti, sono proprio quei piccoli step, quelle precise tappe d’avvicinamento, che caratterizzano il loro coronamento finale. Il team della creatrice Elizabeth Meriwether sembra volerci dire: “sì, quei due si metteranno insieme, lo sappiamo tutti, ma abbiate pazienza, facciamo le cose con calma”. Il pregio di un tale atteggiamento è che non si prova affatto, come ci si potrebbe aspettare, una sensazione di mero “allungamento del brodo”, ma, al contrario, va ad indicare un’accurata e precisa volontà di programmazione, un pò come succedeva nella terza stagione di Dawson’s Creek per Joey e Pacey (e, per questo, secondo chi scrive, modello ancora insuperato nei numerosi serial di simile stampo successivi).
Tutto ruota attorno a loro, esattamente come succedeva per Nick e Jess, e così la sottotrama “sportiva” che dà il titolo dell’episodio rimanda ancora alla storyline principale, più nel personaggio di Fawn che con la stessa Jess. Se nel caso della protagonista assistiamo ad una delle sue solite crociate moralistiche ed ingenue, per quanto colorite dal suo tipico ed irresistibile fare sopra le righe, è l’attuale fiamma di Schmidt a dominare la scena incontrastata. Aspetto degno di particolare attenzione, visto il personaggio perlopiù macchiettistico di base, e, all’apparenza, completamente estraneo alla follia degli abitanti del loft (come esplica palesemente l’opening dell’episodio). Con una certa sorpresa, quindi, nel corso della puntata finisce per conquistare via via spessore, approfittando in pieno di un minutaggio personale mai così ampio. Un percorso che si conclude, in maniera perfettamente circolare, con il piccolo “incidente” che la umilia sul finale, che va a porre la donna sullo stesso piano dei ragazzi precedentemente scherniti. Una posizione che rafforza notevolmente il suo essere ostacolo all’intenzione di Cece di riconquistare l’ex-fidanzato, altrimenti decisamente sul velluto, rendendo così la “buca” del lieto fine della coppia un “par 5” dei più complicati da attuare.
Eppure, più della componente esclusivamente “romance” della serie, ciò che fa ritornare questa stagione ai livelli delle prime due è che, finalmente, si torna a ridere di gusto, come non succedeva da parecchio tempo ormai, almeno per così tanti episodi di fila. E ad incarnare tale spirito troviamo, sicuramente, gli ultimi e ritrovati exploit del personaggio di Winston, da sempre il motore del lato puramente “weirdo” e non-sense che tanto contraddistingue la comicità dello show. Non sembra perciò un caso che tra gli autori dell’episodio figuri proprio lo stesso attore che interpreta il personaggio, Lamorne Morris. Basterebbe citare ogni sua battuta per far capire quanto siano riuscite le innumerevoli gag che lo vedono protagonista. Ci limitiamo, allora, a dare il nostro benvenuto alla deliziosa new-entry della crew dello show, che già si porta dietro un background anche piuttosto “pesante”, come quella della comunità di colore americana nei confronti delle forze dell’ordine.
Dopo la deriva corale delle ultime settimane, infatti, assistiamo al ritorno della divisione dei protagonisti in singole storyline “di coppia”. Tocca allora a Coach, questa volta, il ruolo di “sparring partner”, il quale non fa comunque mancare il proprio rilevante contributo. Da citare, soprattutto, quello nella scena maggiormente esilarante dell’episodio, l’imitazione di Eddie Murphy come tratto maggiormente esplicativo per comprendere la differenza culturale tra bianchi e neri (oltre che ricordarci l’infanzia passata a stretto contatto di Nick e Winston), dove, tra l’altro, si può ipotizzare più facilmente la mano creativa di Morris, più che altro per il fatto di non esser mai stata affrontata prima nello show. Un peccato, perché, dopotutto, New Girl è questo, coinquilini e amici di vecchia data strambi e quasi “irreali”, che nella loro bizzarria però non fanno altro che rappresentare, e sfatare, i più svariati luoghi comuni della società odierna più popolare.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Stop talking to me we’re in the middle of a conversation. We just sat down
  • Ovviamente, l’imitazione di Eddie Murphy
  • Praticamente tutto ciò che dice o fa Fawn, dopotutto “Fawn is the man
  • Schmidt e Cece, che si può riassumere così: “I’ve sex with him so many times
  • Il sorriso “bloccato” di Winston
  • Jess e la sua missione “scolastica”, storyline che mette in scena l’aspetto meno divertente del personaggio, e, di conseguenza, in sostanza diverte anche meno delle altre
  • L’assenza quasi (per fortuna) totale di Coach
  • Il ritorno alla divisione delle sottotrame per “coppie” protagoniste
Inutile girarci tanto intorno, per una qualche timida precauzione: New Girl è tornato. Lo show della Fox sembra aver finalmente ritrovato la sua giusta dimensione, azzeccando un episodio dopo l’altro. Non resta che attendere la prova del nove in vista del season finale, ormai all’orizzonte. E allora sì che potremo davvero festeggiare. 
The Right Thing 4×19 2.32 milioni – 1.0 rating
Par 5 4×20 2.14 milioni – 0.9 rating

Tags:

Laureato in Letteratura Musica e Spettacolo (no, non è il DAMS) e nella Magistrale di Musica e Spettacolo (sì, tanta fantasia), cresciuto a pane Harry Potter, Lost e Ritorno al Futuro. Nasce scrittore, diventa recensore, vuole fare il regista. Idee molto chiare a parte, ogni giorno si ritrova a prendere appunti dall'HBO dei primi anni 2000, dai vari Lindelof, Moffat, Nolan (quello buono) e da tutta la cricca di Judd Apatow, senza aver paura del tempo speso davanti al monitor, confidando nell’arrivo di una DeLorean volante o, al massimo, nel prestito di una Giratempo...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: