Community 6×08 – Intro To Recycled CinemaTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Lo scorso episodio, bollato come uno dei punti più fiacchi di questa sesta stagione, ha comunque dimostrato una cosa: la fantasia malata dei bei tempi è tornata in grande stile. Se infatti poco avevano fatto ridere alcune soluzioni, inserire il main sponsor della serie come protagonista dell’episodio ha dimostrato di che pasta è fatta Community. Ed “Intro To Recycled Cinema” sceglie di sparare ancora più in alto. Dovessimo soffermarci sulla comicità pura, non si avrebbe granché di cui parlare. Ma, talvolta, non è questo ciò che deve cercare il vero fan di Community. Riprodurre senza limite alcuno, dentro un college, gli stereotipi più o meno scontati del mondo cinematografico: quella è la vera abilità che più volte è stata esibita con orgoglio.
Questa sesta stagione ha dimostrato di essere auto-riflessiva, nostalgica, delirante e scattante, ma con la 8×06 si è anche dimostrato che, a piccole dosi, un minimo filone narrativo viene fatto emergere. Ben Chang, nel suo percorso costellato da numerose crisi di identità, aveva recentemente trovato un possibile sbocco da attore, ed è un attimo che un bizzarro tormentone lo consacri a nuova star.
Ma è anche un attimo prima di prendere uno dei personaggi storici, simulare una sua dipartita, e dare inizio ad un viaggio delirante all’interno del mondo di Greendale, oggi set di un bizzarro esperimento sci-fi. Analizziamo due di questi aspetti ed avremo un quadro generale su ciò che questo episodio ci ha voluto dire.
Simulare la dipartita di un personaggio storico. Visto l’andazzo della nostra comedy preferita, chiunque avrà pensato/temuto che si fosse trovata una scappatoia per far approdare l’estroso personaggio di Chang in altri lidi. La scena finale dimostrerà il contrario, ma la suggestione è comunque forte. Sebbene “Intro To Recycled Cinema” sembra regalare il classico (ma originale) esercizio di stile alla Community (esempi storici hanno visto i personaggi trasformati in cartoni animati – nel peggiore dei casi – o protagonisti di una lotta all’ultimo sangue per vincere una gara di paintball – nel migliore), non manca l’ormai classico momento di riflessione sui tempi andati. Jeff in preda ad una crisi interiore associa il taglio di una sua scena da solista ad un suo fallimento professionale. Come avere fiducia, se persino Chang è arrivato ad Hollywood? Se persino Pierce ha ottenuto la morte? Sarà il dialogo con Abed a riportare equilibrio. Inutile (o forse no) ricordare come fu proprio una prima conversazione con il bizzarro compagno a dare il via a Jeff per “fondare” la community del gruppo di studio di spagnolo. Come non ricordare poi il confronto di personalità nella loro scalata al potere nel racket dei polli fritti? In buona sostanza, ciò che ci viene insegnato è che le cose avvengono per caso (e a caso): si possono fare mille piani ma avverrà sempre l’imprevisto e l’inaspettato. Il tutto si può anche leggere in modo diverso, almeno da come il dialogo originale pone la cosa: le idee possono essere originalissime e innovative, ma noi tutti ci ritroveremo a guardare Community per Alison Brie.
Bizzarro esperimento sci-fi. Finalmente Abed riesce a girare un film. Un film di merda, ma pur sempre un film. La dimensione studentesca ha lasciato il posto ad una dimensione aziendalista e per la prima volta le abilità di Abed vengono richieste in un contesto “utile” alla scuola. Interessante notare il passaggio dall’Abed-Gesù di diverse stagioni fa con il pragmatico e maggiormente razionale Abed attuale. Come detto prima, farsi “grillo parlante” di Jeff, riportando l’ex avvocato sul pianeta Terra, consacra la maturazione totale del personaggio. Il fatto che le brillantissime battute del novello regista, sparate a velocità supersonica, risultino ancora fresche rende meno amara la maturazione di Abed, coincidente con la dipartita di Troy.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Bazinga!
  • L’idea generale dell’episodio
  • Elroy e la pallina verde: suggestione di una possibile storyline secondaria, metatelevisivamente abortita, in favore di una puntata corale
  • L’outfit di Alison Brie
  • Garrett che si atteggia a star
  • “It’s sci-fi, it doesn’t matter”
  • Il tutorial per l’editing
  • La crisi finale di Jeff
  • L’abbraccio tra Jeff e Abed
  • “I never tell about our private conversations. I wouldn’t really know how.”
  • Si ostinano a far suonare la batteria a Frankie: è un brutto spettacolo
  • Nella coralità dell’episodio i personaggi più deboli (come Frankie ed Elroy) ne risultano inevitabilmente oscurati
C’è stato un momento in cui Community era diventata una comedy standard. Forse si era temuto di strafare, o forse le idee erano finite. Gusti a parte, un intero episodio in cui viene girato un film di fantascienza improvvisato, con spezzoni di battute casuali di Chang, con stanze ricolme di fresbee, con battaglie spaziali e con Garrett alla ribalta, non potrà che essere una conferma. Conferma che lo spirito che parla “in Nerd” (per un approfondimento sul concetto, leggere qui) non è sparito, conferma che non ci si è dimenticati di un florido passato, conferma che i sentimenti provati nei confronti dei personaggi non sono stati traditi.
E mezzo voto in più per la scelta del costume di Annie.
Advanced Safety Features 6×07 ND milioni – ND rating
Intro To Recycled Cinema 6×08 ND milioni – ND rating

Tags:

Approda in RecenSerie nel tardo 2013 per giustificare la visione di uno spropositato numero di (inutili) serie iniziate a seguire senza criterio. Alla fine il motivo per cui recensisce è solo una sorta di mania del controllo. Continua a chiedersi se quando avrà una famiglia continuerà a occuparsi di questa pratica. Continua a chiedersi se avrà mai una famiglia occupandosi di questa pratica. Gli piace Doctor Who.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: