Fargo 3×07 – The Law Of InevitabilityTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Prendere Breaking Bad ed usarlo come termine di paragone è sempre molto scomodo. Per chi ascolta (o legge) si scadrà sicuramente o in un confronto totalmente errato o in un eccesso di similitudine, difficilmente si troverà qualcuno che coglierà il vero peso specifico del confronto tra la serie di Gilligan ed un qualsiasi altro prodotto del piccolo schermo e, va anticipato, anche quanto si sta per dire va a ricollocarsi in uno dei due differenti scenari: l’evoluzione di Emmit Stussy è come quella di Walter White. Blasfemia o eccesso che sia, è innegabile non notare la connessione che lega i due personaggi, con tutte le differenze del caso ovviamente. E la trasformazione è evidente dal dialogo sottostante.

Winnie:Sir.”
Sy: It’s Ray.
Winnie: “Mr.
Stussy, your brother…

Emmit: I’ve been here since 6:00. Just been sitting here all night, gabbing.
Sy’ll tell you.
Business.
Or more social I guess, I had a few drinks.

WinnieYes, sir.
I’m sorry to say your brother, I’m afraid, he’s deceased.
We found his body earlier this evening.

Emmit: Raymond?
WinnieYes, sir, I’m sorry for your loss.
Emmit: It’s that girlfriend, the criminal.
You should bring her in, put the cuffs on.
If anyone had motive.

WinnieMotive for what, sir? I never said…
Emmit: I just meant if Are you saying he had a heart attack?
WinnieUh No, sir, we’re thinking foul play.
Emmit: See? I told you that girl was no good.

Nonostante la diaspora con il fratello, la morte di un parente, specie se così stretto, dovrebbe dilaniare i consanguinei. Dovrebbe, condizionale d’obbligo in questo caso visto che Emmit, anche se affranto dal dolore e dall’omicidio involontario, è più preoccupato per la sua libertà piuttosto che per ciò che è accaduto ha causato. Fra tutti gli eventi capitati fino ad ora per causa/volere di V. M. Varga, l’omicidio di Ray (tra le altre cose commissionato dallo stesso Varga) è la goccia che fa traboccare il vaso della moralità dell’ultimo Stussy rimasto in vita. “L’innocenza” delle scuse di Emmit è tipica di chi non sa come gestire una situazione ma vuole farla franca, una “innocenza” che riporta alla memoria anche il personaggio di Martin Freeman della prima stagione, Lester Nygaard, totalmente incapace di mentire, praticamente come Emmit. Esattamente come Lester, anche Emmit cede alla forza degli eventi durante la ricerca della propria libertà perduta ma, come Varga asseriva nella scorsa puntata, va ricordato che “Things of consequence rarely happen by accident“. True story.

Varga: How do you feel?
Emmit: Free.

Ecco quindi che la crepa in colui che si autoproclamava “a fair man” comincia a farsi sempre più grande. La cupidigia, promulgata da Varga, combinata al tentativo di passarla franca hanno dato l’ultimo e decisivo colpo di spugna alla moralità di Emmit che, durante la cena liquida a base di Old Fashioned, si erge a maschio alpha imitando, in una certa maniera, colui che coercitivamente l’ha reso un criminale. E quasi come una sorta di “sindrome di Stoccolma” la vittima (Emmit), si atteggia come il suo aguzzino (Varga) arrivando addirittura a chiedergli aiuto piuttosto che rivolgersi all’amico di sempre (Sy). E qui è palese la scissione delle Stussy Lots tra i due soci: non più amici e ad un passo dal non essere più nemmeno soci.
Sy è la vera vittima della situazione in un mondo che “looks like my world, but everything’s different“, un mondo in cui il migliore amico agisce in maniera losca e strana, apparentemente incomprensibile ma ragionevolmente causata dall’influsso di Varga. Prevedibile a questo punto una scissione definitiva dei due, e magari pure sanguinolenta.
A margine di tutto ciò, in quella storyline parallela rimasta orfana di uno dei suoi due protagonisti, confluisce l’altra porzione di trama di cui Gloria è protagonista e che doverosamente doveva convergere presto o tardi. Anche qui però, esattamente come è stato sinora ad eccezione di “The Law Of Non-Contradiction“, il ruolo della poliziotta non è mai di primissimo piano, sempre sovrastato in un moto costante da eventi e persone che riportano inevitabilmente Nikki Swango al centro dell’attenzione: prima nel motel, poi in carcere ed infine nel bus (con un certo Mr. Wrench clamorosamente seduto accanto a lei). A questo punto appare chiaro che il finale di Fargo passerà inevitabilmente per i personaggi di Nikki e Gloria e la strana coppia Emmit-Varga.
A margine di tutto, e per l’ennesima volta, bisogna sottolineare nuovamente le performance recitative di tutti gli attori, in particolare di Mary Elizabeth Winstead, che valgono da sole il bless che si può notare a fine recensione. Se a questo si aggiunge una trama in continua ascesa emotiva allora il Bless Them All viene da sè.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Attori in trance recitativa
  • Nikki Swango: the character
  • Convergenza delle varie trame
  • Regia al solito divina
  • Emmit turns bad as Walter White
  • È un delitto presentare una serie tv ambientata in pieno periodo natalizio quando fuori ci sono 30°
Fargo è in procinto di sparare gli ultimi colpi. Forse anche “letteralmente”.
The Lord Of No Mercy 3×06 1.04 milioni –  0.3 rating
The Law Of Inevitability 3×07 1.03 milioni –  0.3 rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un’età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del “Progetto Recenserie”. E’ un burbero dal cuore d’oro che gira per l’etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: