);

Supernatural 14×13 – LebanonTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Supernatural by

Da grandi aspettative derivano grandi delusioni. È il caso di “Lebanon” o, nello specifico, del famigerato e attesissimo 300° episodio di Supernatural che aveva promesso grandi cose tra cui il ritorno di Jeffrey Dean Morgan dopo ben 12 anni dall’ultima apparizione in cui è ufficialmente morto. Morgan ha dato il suo addio arrivederci alla serie in “All Hell Breaks Loose” e da allora, anche grazie ad una carriera in ascesa sul piccolo e grande schermo, non è più tornato (qualcuno ha detto per caso costo del cachet?) almeno fino ad ora. E sulla carta non ci si può lamentare perchè è un bellissimo 300° regalo. Sulla carta.

Dean:Dad?
John:Dean? Sam? What in the hell? Sammy. Aren’t you supposed to be in Palo Alto?
Sam:Palo Alto?
John:What happened to you?
Dean:What year is it?
John:It’s 2003.
Sam:It’s 2019.

“Lebanon” parte in maniera strana e si gioca parte dell’episodio spendendo del buon minutaggio tra ragazzini, clown assassini e banchi dei pegni. Solo intorno al 15° minuto si arriva al fatidico ritorno di John Winchester. Tutto è ovviamente parte integrante della storia e della motivazione dietro il ritorno di John ma si denota un certo attendismo ed un focus su elementi non totalmente necessari/determinanti per lo svolgimento della trama. E questo è uno dei vari problemi di questo 300° episodio.
Ci voleva un escamotage estemporaneo per giustificare il ritorno del papà dei WInchester ed è stato trovato nella perla magica, un ottimo metodo, facile e sempre molto efficiente per Supernatural. Non convince invece moltissimo la scena di apertura con cui Sam e Dean arrivano al banco dei pegni e poi uccidono il proprietario (che li stava minacciando), elemento da non sottovalutare affatto. Infatti, oltre ad essere il secondo essere umano che ammazzano nel giro di due episodi (ricordiamo il possibile nuovo profeta in “Prophet And Loss“), rappresenta quel tipo di omicidio che non è mai stato “legale” per i Winchester in quanto si tratta di un essere umano e non di un vampiro, un angelo o un demone. Una mossa che francamente stupisce più per la reazione totalmente normale di Sam e Dean piuttosto che per la morte in sè e per sè, ed è probabilmente frutto di una grossa superficialità di fondo della scrittura. Il che è reso ancora più grave visto che Andrew Dabb è l’autore dello script.
Tralasciando questo particolare e andando avanti nel commento dell’episodio, risulta ancora più evidente una certa forzatura in generale nella scrittura della sceneggiatura. Perchè diciamo questo? Basta pensare alla fluidità di certe scene rispetto ad altre, oltre che al numero di battute o all’importanza riservata ai vari character. Dalla reunion tra John e figli ci si aspettava più o meno questo ma anche qualcosa in più, dalla reunion con Mary invece ci si può definire completamente delusi visto che Samantha Smith pronuncerà si e no 3 battute per tutto l’episodio ed è semplicemente relegata off-screen a spendere del tempo con il marito. Guardando invece a tutte le scene senza l’ingombrante presenza di Morgan, si percepisce una facilità di scrittura che si traduce in una resa scenica migliore e più funzionale (vedasi l’incontro/scontro con Castiel o anche le scene iniziali). Insomma c’è chiaramente una difficoltà di fondo data dalla paura di sbagliare ma anche dal fatto che Dabb non osa affatto nella scrittura. Grosso, grossissimo errore di cui ci ricorderemo.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Conclusione dell’episodio
  • Ritorno di Jeffrey Dean Morgan e tutto quello che ne è collegato
  • Castiel “cattivo”
  • Tanto minutaggio speso male, soprattutto all’inizio
  • Non viene poi concesso così tanto spazio a John Winchester 
  • Mary totalmente inutile
  • Sam e Dean uccidono il tizio del banco dei pegni: non c’era una regola che diceva di uccidere solo i mostri?

 

Non è l’episodio che volevamo e nemmeno quello che ci meritavamo. “Lebanon” è carino ma non è niente di eccezionale ed è estremamente lontano da quel livello creativo che Supernatural è già stato in grado di portare in scena. Francamente ci aspettavamo molto di più, sia dall’utilizzo dei personaggi, sia dal ritorno di John Winchester. Trattasi di una bella occasione sprecata.

 

Prophet And Loss 14×12 1.40 milioni – 0.4 rating
Lebanon 14×13 1.64 milioni – 0.5 rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: