);

How To Get Away With Murder 6×09 – Are You The Mole?TEMPO DI LETTURA 4 min

in How To Get Away With Murder/Recensioni by
Prima regola del recensore: mai richiedere con insistenza il sopraggiungere di eventi sconvolgenti ad un episodio dal season/midseason finale… il risultato potrebbe andare ben oltre le proprie aspettative. Non che questo sia un male, anzi.
Nella scorsa recensione si era chiesto a gran voce uno sviluppo più deciso e soprattutto coraggioso per la trama che, in questa prima parte di stagione, era rimasta prepotentemente in letargo, lasciando col contagocce elementi che potevano far leva sull’interesse comune.
Oltre ad un colpo di scena ad effetto, anche la mancanza di cadaveri iniziava a far scemare il coinvolgimento nei confronti di sempre più caotici e mal assortiti avvenimenti. Come volevasi dimostrare, però, Peter Nowalk e la sua squadra di autori stavano solamente aspettando ingiustamente l’ultimo episodio prima della pausa per riservare il colpo di grazia agli spettatori e poi dar loro appuntamento nientemeno che al prossimo 2 aprile, giorno in cui How To Get Away With Murder tornerà in onda sulla ABC.
Un modo di fare, quello di riservare tutto solo agli ultimi episodi, che non può certo accogliere grandi consensi: una serie non può vivere di innumerevoli episodi sottotono per poi svoltare il tutto in una o due occasioni portando, per la maggior parte del tempo, lo scorrere della narrazione a risentirne fortemente. Eppure questa serie continua a farlo ripetutamente ma, quando ci si trova dinanzi a colpi di scena come quello presentato in “Are You The Mole?”, passa tutto in secondo piano.

 

WTF!
Guardando a posteriori, quanto visto sin da “Please Say No One Else Is Dead“, cioè dal momento della sparizione di Laurel, è stato solo un marchingegno messo in atto dagli autori per dire qualcosa pur non dicendola affatto. Mentre tutti erano impegnati a chiedersi se Laurel fosse davvero scomparsa di sua iniziativa o fosse stata rapita, o mentre di episodio in episodio si cercavano di studiare le mosse di Annalise per capire se anche lei si fosse data alla fuga o fosse davvero morta, nascosto nei meandri di questi eventi, si levava pian piano il colpo di scena più inaspettato dell’intera serie.
La morte di Wes Gibbins durante la terza stagione era risultata già di per sé un avvenimento sconvolgente: far fuori uno dei protagonisti principali, se non proprio il principale, soprattutto tra i ragazzi Keating, era sembrata una mossa impressionante e altamente godibile da un punto di vista narrativo. Tre stagioni dopo si scopre che invece la parte più sconvolgente di tutta questa storia non era la sua morte, bensì la sua riapparizione. Wes riappare nel flashforward di puntata vivo e vegeto portando con sé, insieme all’inevitabile shock, una moltitudine di domande. Nessuno, a suo tempo, aveva messo in dubbio la morte del ragazzo, di sicuro non dopo aver visto presentato sul tavolo dell’obitorio il cadavere dello stesso. Eppure, dopo aver assistito ultimamente agli input lanciati con Annalise e Laurel, adesso la messa in scena non appare così improbabile. Ma come sarà realmente avvenuta? Chi lo avrà aiutato nell’orchestrare ogni cosa? E Laurel avrà scoperto tutto e raggiunto Wes insieme al piccolo Christopher? Quale ruolo avrà avuto Annalise in tutto ciò?
Troppe domande per un’attesa che andrà per le lunghe.

 

The Mole

Ma i colpi ad effetto non finiscono di certo con l’apparizione finale di Wes. Già durante lo svolgere della puntata si era assistito ad un evento che, in quel momento, da solo sembrava dare senso e allo stesso tempo sconcerto all’intero midseason. Il personaggio di Asher è sempre stato quello messo più da parte tra i ragazzi Keating, rilegato spesso e volentieri a macchietta comica dell’intero gruppo. Pochi sono stati i momenti che si sono veramente concentrati su di lui e forse proprio questo lo ha reso la talpa perfetta. Una scelta che è stata portata in scena in maniera ambivalente: da un lato il suo collaborare con l’FBI si è rivelato molto più interessante di quanto potesse essere una soffiata avuta da personaggi come Nate o Tegan, dato il ruolo dello stesso Asher negli eventi sotto inchiesta e il suo rapporto stretto con gli altri “indagati”; dall’altro però, appare poco convincente la messa in pratica dell’intero tradimento, con l’inserimento della sua famiglia che non persuade più di tanto.
Quel che è certo però, è che la morte di un personaggio di primo piano come Asher si rivela essere quell’evento forte richiesto nella scorsa recensione, una perdita importante nell’economia dei protagonisti che serve a dare più verve all’intero quadro.
Il tutto senza contare le implicazioni future di questo delitto. Il volto del vero assassino rimane un mistero, mentre gli arresti di Connor e Michaela rendono ancora più pesante il carico che gli ultimi episodi si porteranno dietro.
Tante, troppe domande che i pochi restanti appuntamenti dovranno cercare di risolvere.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Colpo di scena da manuale!  
  • Un bless tutto dedicato solo all’exploit finale della ricomparsa di Wes: inaspettato ed estremamente ad effetto
  • Asher, da talpa a vittima di omicidio: quel passo in più che si richiedeva a gran voce alla serie
  • La fuga di Annalise
  • Perché svegliarsi sempre e solo negli ultimi episodi sprecando invece un’intera stagione? 

 

How To Get Away With Murder decide di sconvolgere ed esaltare all’inverosimile giusto adesso, prima di una pausa lunga più di 4 mesi fino al ritorno della serie. Grazie tante.

 

I Want To Be Free 6×08 2.28 milioni – 0.5 rating
Are You The Mole? 6×09 2.16 milioni – 0.4 rating

 

Sponsored by How to get away with Murder Italia

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: