);

Broadchurch 1×04 – Episode 4TEMPO DI LETTURA 3 min

in Broadchurch/Recensioni by

Il meglio e il peggio di un giallo è che soltanto alla fine puoi giudicare se è stato fatto bene o è stato fatto male, nel mentre puoi solamente goderti i capitoli, che in Broadchurch sono una vera chicca. Infatti ciò che è lodevole è come sia strutturata bene questa serie tv, dove non è la curiosità di scoprire che ti consuma (che poi è quella che non permette di godersi le piccole sfumature) e ti fa vivere in uno stato di ansia, ma sono la piacevolezza delle battute, le sottigliezze, i dettagli che ti divorano l’anima fino a chiederne di più.

Nel guardare Broadchurch nessun dubbio assale il telespettatore sul se sarà scoperto o meno l’assassino di Danny, perché ci pensa Hardy a rassicurarlo, lui è assolutamente certo che troverà l’omicida, e noi con lui. La figura del protagonista è fondamentale, deve rassicurare lo spettatore che allo stesso tempo deve potersi immedesimare con il detective, percorrendo il percorso insieme così da non poterlo mai abbandonare. Tutto
questo in Broadchurch funziona perfettamente e se c’è proprio una cosa sicura in questo giallo è che noi Hardy non lo abbandoneremo, una volta che inizi è un vizio, non la puoi smettere più.
La brillantezza degli attori in tutta la loro bravura si vede nella scena della cena a casa Miller, una scena stupenda, è l’esempio di piccolezza che rende qualità alla serie, che ci affascina tanto per il mistero, tanto per i suoi personaggi, gli ambigui abitanti della cittadina ma non di meno i due detective e la loro vita personale; specialmente quella di Hardy, del quale scopriamo l’esistenza di un ex moglie e di una figlia quindicenne di cui è restio a parlare, qualcosa sarà successo a Sandbrook come capiamo dallo stesso Hardy che implora Becca Fisher di non dire niente della sua malattia, poiché se lo facesse, gli toglierebbero le indagini e lui “ha bisogno di risolvere questo caso”.
Sul fronte “Chi ha ucciso Danny Latimer” scopriamo un bel po’ di cose: il signor Marshall ha alle spalle una condanna per sesso con minore e la cosa pare infastidirlo parecchio; Susan Wright diventa ogni puntata più inquietante e si cela dietro un’altra identità minacciando la giornalista che l’ha scoperta; Nige Carter l’idraulico dipendente di Mark Latimer nasconde qualcosa di losco in cui è coinvolta anche la Wright; il parroco ha un’insonnia che lo tiene sveglio fino alle 4:30 del mattino (a preparare sermoni?); il piccolo Tom non ha chiaramente detto tutto ciò che sapeva; il campione di capelli ritrovato sulla barca bruciata appartiene a Danny e infine, apprendiamo di un omicidio analogo diversi anni fa, vicino alla vecchia abitazione di Marshall.
A fare da sfondo come sempre, i due giornalisti che ormai sono dentro il caso tanto quanto la polizia, un po’ meno l’ingenuo Oliver, decisamente più inoltrata nella vicenda Karen White, astuta come una volpe, raggira subdolamente la povera Beth dandola in pasto ai media: se solo Danny avesse avuto le caratteristiche giuste, se solo fosse stata una ragazzina bionda e giovane il caso avrebbe certamente ricevuto più attenzione (Laura Palmer?). Così ora tutta la famiglia è sotto i riflettori e con loro tutti i cittadini della piccola Broadchurch, una bellissima comunità sul mare che cela orribili segreti.
PRO:

  • La recitazione di tutti gli attori, in particolare Tennant e la Colman
  • Struttura della serie, incentrata sull’omicidio di Danny ma che lascia ampio spazio per la conoscenza dei personaggi
  • Approfondimento della vita di Alec Hardy
  • La cena a casa Miller e tutte le battute
CONTRO:
  • La storia del sensitivo: aspettiamo e vediamo cosa ne faranno
  • Miller a pranzo dai Latimer: ma non doveva imparare a distaccarsi per poter essere più obiettiva?
Al quarto capitolo la nostra opinione non cambia, anzi si rafforza, Broadchurch è un ottimo prodotto. Dunque vi riproponiamo la domanda: chi ha ucciso Danny Latimer? 

VOTO EMMY

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: