);

The Big Bang Theoy 8×20 – The Fortification ImplementationTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Dopo otto anni passati a sfornare decine e decine di episodi, inventando sempre nuove battute o tormentoni (ormai la parola Bazinga è entrata di diritto nel dizionario colloquiale) e cercando di mantenere un livello di comicità che non annoi, è normale perdere un po’ di smalto. Veri e propri ruzzoloni e cadute di stile ancora non si sono verificati in questa ottava stagione, partita comunque un po’ in sordina, ma capace di far nascere sonore risate e emozionarci quasi come i primi tempi. Questa ventesima puntata è un mix di quanto detto sopra: ha, infatti, sia aspetti positivi e ben riusciti, sia aspetti negativi che pesano sulla trama verticale. Il gruppo di amici questa volta non si incontra mai (se non per Leonard/Amy/Sheldon nei trenta secondi finali), ma viene diviso in altrettanti sotto-gruppi che interagiscono soltanto tra di loro e portano avanti scenette diverse e separate. Se da un lato questa soluzione sembra funzionare, con un maestoso Wil Wheaton in ottima forma, che surclassa tutti e si relaziona meravigliosamente con Penny e Leonard; dall’altro ripropone temi già affrontati, come la discussione tra Leonard e Penny sulle ambizioni cinematografiche di quest’ultima, e sketch già presentati, come le improbabili e imbarazzanti date nights tra Sheldon e Amy.
Il vero protagonista di questo ventesimo episodio, oltre al sopra citato Wil Wheaton, è Howard, alle prese con una grande, quanto inaspettata novità che, siamo sicuri, porterà una ventata di freschezza, ma anche tante emozioni per le ultime puntate dell’ottava stagione e per tutta la nona. Durante la scrittura della recensione ci siamo interrogati se il fatto di aver optato per la comparsa del fratellastro di Howard, piuttosto del padre sia stata una mossa azzeccata o meno. Ammettiamo che tirare in ballo Mr. Wolowitz, pochi episodi dopo la scomparsa della mamma di Howard sarebbe sembrato troppo scontato e abbiamo, perciò, accolto con piacevole sorpresa questo plot-twist più incentrato su una futura bromance, e in questo caso il termine brother cadrebbe proprio a fagioloCiononostante, tutto questo potrebbe essere solo un preambolo per il vero e proprio incontro tra Howard e il suo fuggiasco genitore. Non siamo sicuri che questo accadrà davvero e, che, qualora accadesse, sarebbe una buona idea, ma aspettiamo di vedere come Lorre & Prady gestiranno il tutto.
Nel corso della storia telefilmica, infatti, si è assistito a molte riconciliazioni tra figli e genitori degeneri, come per esempio quella fugace, ma allo stesso tempo tenera tra Phoebe Buffay e suo padre Frank Senior, ma allo stesso tempo sono presenti anche tv-show in cui il genitore in questione viene solo menzionato e lasciato al suo destino: Buffy Summers non si ricongiungerà più con suo padre, anche dopo la morte di Joyce.
Howard, d’altro canto, non ha mai espresso il desiderio di riconciliarsi con un padre che non ha perso tempo a lasciarsi la sua famiglia alle spalle e, a quanto pare, costruirsene un’altra; basti pensare al bellissimo episodio in cui viene ritrovata una lettera del signor Wolowitz e, Howard, trattenendo a stento le lacrime decide di non leggerla. Forse il fatto di sapere di avere un fratellastro potrebbe smuovere l’animo dell’ingegnere aerospaziale verso il perdono. O forse no. Vedremo.
Nella parte di puntata dedicata a Howard, Raj e Bernadette fungono solo da spalla, il primo cercando di difendere il suo “amato” da una eventuale truffa portata avanti dal fratellastro, la seconda fallendo miseramente in tutti i sensi e risultando solo una presenza inutile, della quale faremmo volentieri a meno.
Anche la coppia Sheldon/Amy riesce solo a metà: nella prima parte della loro serata appaiono sottotono e affrontano discussioni trite e ritrite, mentre si riscattano con la costruzione del fortino, con il pacco spazzolino-pigiama e con un enorme passo da gigante per la loro storia.
Complimenti, inoltre, ma lo avevamo già accennato, alla guest star per eccellenza di The Big Bang Theory, ovvero Wil Wheaton, che con frecciatine pungenti scoccate una dietro l’altra e grazie alla comparsata vocale di Kevin Smith, innalza di molto la media dell’episodio.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Wil Wheaton e le sue battute sarcastiche
  • Il cameo vocale di Kevin Smith
  • Il fortino e il pacco nascosto di Amy
  • Howard scopre di avere un fratellastro
  • Penny e Leonard litigano sempre per le stesse cose
  • Bernadette non pervenuta
  • L’inizio della date night sa troppo di stantio
Puntata non proprio riuscita al 100% (e chi se ne frega, dopotutto), ma comunque su un buon livello, considerati gli otto anni trascorsi dalla prima messa in onda dello show. Apprezziamo l’idea di coinvolgere Howard con un altro elemento della sua famiglia, anche perché il titolo di “marito di Bernadette” cominciava a stargli stretto ed è giusto movimentare la situazione.
The Skywalker Incursion 8×19 13.35 milioni – 3.2 rating
The Fortification Implementation 8×20 14.78 milioni – 3.5 rating

Se volete entrare nelle sue grazie, non dovete offendere: Buffy The Vampire Slayer, Harry Potter, la Juventus. In alternativa, offritele un Long Island. La prima Milf di Recenserie, ma guai a chiamarla mammina pancina.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: