Orange Is The New Black 4×13 – Toast Can’t Ever Be Bread AgainTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni by

Orange Is The New Black saluta Poussey Washington dedicandole praticamente l’intera puntata, come merita l’importanza del personaggio, a cui molti spettatori hanno avuto modo di affezionarsi nelle quattro stagioni fin qui trascorse. A lei sono dedicati i flashback, tutti dal tono gioioso e sognante. Anzi, qualche osservatore particolarmente acuto ha ipotizzato che possano essere una rappresentazione dell’aldilà, in quanto il grattacielo del World Trade Center che si vede sullo sfondo, nell’inquadratura finale, non era illuminato all’epoca in cui si dovrebbe svolgere la vicenda. Di sicuro, c’è uno strappo alla regola dello show. L’ha spiegato Samira Wiley in un’intervista: le è stato ordinato di guardare in macchina e nessuno ha mai guardato in macchina nelle precedenti puntate.
Nel carcere, intanto, ognuna cerca di elaborare il lutto come meglio può e meglio sa. Gli emissari della MCC, invece, cercano un capro espiatorio, non importa chi. Dato che la sventurata Poussey era figlia di un generale, alta 1,50 m per 41 kg, in prigione per una sciocchezza, tanto carina e curatrice della biblioteca del carcere, essi decidono di incolpare il giovane agente Bayley. Per fortuna qui Caputo ha un soprassalto di dignità e si oppone a tutto questo, senza chiedere né permesso né perdono. Tra l’altro, viene rimarcato come Bayley sia forse la sola guardia non indurita e stravolta da un’esperienza in Iraq o Afghanistan. A questo proposito, il dialogo sulla necessità di “andare avanti” è veramente agghiacciante, per quando contenga un fondo di verità.
Nelle scene finali, scoppia la sommossa e le carcerate sono in aperta rivolta. Intrigante è vedere come in essa restino coinvolte anche Judy King e Linda (from Purchasing). Si tratta di due personaggi tratteggiati in modo da suscitare l’antipatia dello spettatore. La prima è la celebrità con appartamenti privati pure in prigione, le cui carte sono state falsificate per far risultare il rilascio il giorno prima della morte di Poussey. L’altra si identifica con il proprio ruolo aziendale, come dimostra il semplice fatto che venga chiamata e si definisca Linda “degli Acquisti”. Non ha mai visto una prigione nella sua realtà concreta e non le interessa vederla. Due “Principesse sul pisello”, che non vogliono essere toccate dai piccoli prosaici dettagli della realtà quotidiana. Ma la realtà arriva a mordere chiunque, non basta ignorarla e guardare da un’altra parte.
Le ultime scene sono di segno completamente contrario rispetto alla conclusione della terza stagione. Nel primo caso c’era la serenità della conversione di Cindy all’ebraismo e di un bagno a sorpresa, nel laghetto, per tutte le detenute. Stavolta, invece, scoppia la rivolta. Protagonista del finale di stagione è, ancora una volta, Dayanara Diaz: se nel finale della terza stagione aveva partorito la sua bambina, ora si ritrova, pistola in pugno, a capeggiare la rivolta. Il suo personaggio è certamente uno dei più interessanti, complessi e ricchi di potenzialità. Tanto per dirne una, ora ha la madre scarcerata, quindi un contatto con il “mondo esterno” molto importante. Mamma Aleida, inoltre, dovrà riabituarsi alla vita in libertà e trovarsi un lavoro, mentre battaglia per rivedere i figli e la nipotina.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Caputo tira fuori gli attributi
  • Il brano sul giardino letto da Red 
  • Omaggio a Poussey
  • Giusto e sperato coinvolgimento di Judy King e di Linda (from Purchasing) nella sommossa
  • Il cinico giovane manager, curatore degli interessi della MCC
  • Intanto Healy è finito in clinica psichiatrica
Il season finale regala al pubblico qualche discreta soddisfazione e lascia gli spettatori con un cliffhanger da manuale. D’altronde, la serie è già stata rinnovata sino al 2019, ci sarà tutto il tempo di sviluppare personaggi e situazioni.
The Animals 4×12 ND milioni – ND rating
Toast Can’t Ever Be Bread Again 4×13 ND milioni – ND rating

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: