Sneaky Pete 2×05 – The TowerTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Sneaky Pete by

Come nella più classica delle situazioni in cui si prova a salvare il tutto all’ultimo minuto con un colpo di coda in grado di migliorare, “The Tower”, per cercare di riportare la puntata sulla sufficienza, si gioca l’asso con il colpo di scena dell’incontro tra la mamma del vero Pete e Marius. Un ottimo asso, non c’è che dire, perchè la potenza di quegli attimi, visti riflessi nel terrore di Marius di essere definitivamente scoperto di fronte alla sua “nuova” famiglia, sono enormi, enormi come il sorriso catturato in questa foto. Inoltre l’arrivo di Maggie non può che portare una ventata di novità ed avvicinare sempre di più Marius ad essere scoperto, volente o nolente. Eppure, nonostante tutte queste novità positive per lo show (con questa puntata che segna la metà stagione), non si può non guardare alla “big picture” e constatare come questo dannatissimo plot twist da manuale sia solo un modo per coprire la pochezza di un episodio altrimenti dimenticabile.

Maggie:Is that Julia? My girl. Oh, my little girl.
Oh, and you. Oh Pete! My boy. Come here.

Era stata la 1×03, anche nota come “Mr. Success“, ad aver introdotto alcuni personaggi di contorno dell’universo di Sneaky Pete, personaggi usati a piacimento dagli sceneggiatori per tenere viva la fiamma e creare anche un po’ di folklore. Nello specifico, Mr. Success ritorna in scena in questo episodio solo e solamente per il medesimo motivo, non per qualche altra ragione più profonda: generare minutaggio e situazioni problematiche. Il character di Malcolm-Jamal Warner non è infatti un carico da 90 ma semplicemente un pedone, forse un alfiere (rimanendo in termini scacchistici), niente di più e, come tale, viene usato in funzione di altri.
L’aria che si respira per tutta la puntata è quella di una sorta di filler nascosto, c’è un discreto attendismo perfettamente esplicitato dal tira e molla tra Pete e Joe, quasi a dimostrare il possibile (ma al tempo stesso impossibile) addio della trama principale. Yost e soci infatti giocano su terreni non praticabili fingendo di smuovere e cambiare delle situazioni che per necessità di trama ed importanza non possono essere modificate. Se venisse meno la minaccia di Luka (nuovo rimpiazzo mafioso del character di Cranston) alla stagione rimarrebbe solo la ricerca degli 11 milioni di dollari e alcuni plot secondari, ma intriganti, come l’indagine su Nonna Audrey e la vera identità di Marius. Nient’altro. Consci di questa situazione allora non c’è di che meravigliarsi se le “minacce” di questo episodio si rivelano essere solo un modo per dilatare il minutaggio in attesa del grosso colpo di scena finale.
Certo è che se si fosse dimostrato un po’ più di coraggio ad inizio episodio, con il cliffhanger della scorsa “Maggie“, si sarebbe potuto serenamente tenere viva la puntata almeno per una decina di minuti ed invece, proprio per paura di bruciarsi altre piste, si è optato per una pennichella improvvisa che risolvesse tutti i problemi. Occasione persa e insufficienza guadagnata.
 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Plot twist pazzesco che apre le porte ad una nuova era dello show

 

Il sottoscritto recensore non apprezza e non concepisce il vile modo in cui gli sceneggiatori, nel tentativo di salvare una puntata nefanda, sganciano bombe di questo livello sullo scoccare dei minuti finali. È un chiaro segnale di una certa superficialità di scrittura a cui bisogna sopperire con un momento shockante volto a far ritornare alta la fame da binge-watch: può funzionare anche, ma non è un rimedio.

 

Maggie 2×04 ND milioni – ND rating
The Tower 2×05 ND milioni – ND rating

 

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: