);

The Mandalorian 1×02 – Chapter 2: The ChildTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Mandalorian by
La cosa che più salta all’occhio di The Mandalorian è lo script: 30 minuti di puntata farciti da pochissimi dialoghi, tanti piccoli gesti (tipo quello importantissimo nella foto) ed una regia che è molto più vicina al grande schermo piuttosto che al piccolo. Jon Favreau, qui ancora unica penna dietro la sceneggiatura, opta per una scrittura molto generica che lascia molto più spazio alla visione piuttosto che all’ascolto, in cui comunque c’è una colonna sonora superlativa.
La regia impeccabile di Rick Famuyiwa, misconosciuto per molti ma decisamente da tenere in considerazione d’ora in poi non solo come penna, fa il suo sporco lavoro tra lens flare che richiamano le opere di J.J. Abrams e landscape che mettono il character di Pedro Pascal in un mondo isolato ed ostile, fatto di tramonti da cartolina e deserti inospitali.
I dialoghi, come detto, sono pochi e centellinati ma sono anche dovuti alla scelta dei personaggi con cui il Mandaloriano si interfaccia, oltre che ovviamente alla natura di quest’ultimo. Il character di Pascal non è un chiacchierone, non deve esserlo e va bene così perchè è proprio grazie al linguaggio del corpo, alle incomprensioni e a tutto ciò che succede dietro quell’elmo che il protagonista si sta facendo apprezzare. Se si contano le parole di questo script si rimarrà sorpresi: sono solo 440 contro le quasi 1500 di “Chapter 1“, molte meno della metà. A conferma del fatto che non servono troppi dialoghi per creare un prodotto d’eccellenza.

 

STANNO PIOVENDO EASTER EGGS


The Mandalorian:My ship has been destroyed. I’m trapped here.
Kuiil:Stripped. Not destroyed. The Jawas steal. They don’t destroy.
The Mandalorian:Stolen or destroyed, makes no difference to me.

Anche in questo “Chapter 2: The Child”, Jon Favreau prosegue il suo scrupoloso inserimento di richiami ed easter eggs relativi all’universo di Star Wars, un fatto un po’ dovuto ma anche frutto di quel fan boy che è lo showrunner. Non è un caso quindi se, tra tutti gli alieni incontrati nelle varie trilogie, Favreau sceglie proprio i Jawas come “villain” di questa puntata.
La scelta si rivela più che azzeccata, combinando sia un elemento di difficoltà nella trama che diversi altri molto più comici. Il modo di parlare dei Jawas e la loro goffaggine sono perfetti per essere contrapposti al protagonista, silenzioso e più atletico. E nell’insieme questa conflittualità, che porterà poi ad una breve trama verticale in cui una manina prenderà il sopravvento, funziona talmente tanto da volerne vedere ancora di più.

QUELLA MANINA VERDE…


Kuiil:And good luck with The Child. May it survive and bring you a handsome reward. I have spoken.

Provando a mantenere quanto più possibile l’immagine di recap spoiler free (IMDB non la pensa così invece), non possiamo esimerci dal riproporre almeno un piccolo omaggio del baby Yoda. Anche qui Favreau continua a stuzzicare, con successo, lo spettatore che pende completamente dalle sue labbra ogni qual volta il piccolo alieno di 55 anni viene inquadrato (la Disney potrebbe serenamente galoppare con tantissimo merchandising a questo punto).
Quelle tre dita e la “Forza” scaturita da esse sono un elemento sorpresa non da poco e, al tempo stesso, alimentano a dismisura il dibattito tra gli appassionati nei vari forum:

  • È il figlio di Yoda? Temporalmente potrebbe esserlo…
  • Verrà fatto un qualche collegamento con l’ultimo capitolo della nuova trilogia? Il potenziale c’è tutto
  • Il Mandaloriano lo consegnerà come da richiesta? Essendo un mercenario dovrebbe, eppure la sensazione che qualcosa andrà diversamente c’è.

Tante domande, poche risposte ma una quantità smisurata di applausi per quanto Favreau e la sua crew stanno proponendo. Era molto facile sbagliare approccio o risultare auto-commemorativi, invece qui emergono ben altre qualità.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Lo humour disneyano regna sovrano e funziona sempre molto bene. Alcuni esempi sono:
      • il piccolo continua a scendere dalla culla per cercare di curare le ferite ed il character di Pedro Pascal lo rimette costantemente indietro
      • i Jawas urlano “Suka!
      • i Jawas che si mangiano l’uovo
      • Kuiil fa il suo dovere
  • I Jawas rimangono sempre estremamente piacevoli da guardare
  • La “Forza” dietro quella manina…
  • Regia eccezionale
  • Colonna sonora da cinema
  • Effetti speciali 
  • Pedro Pascal e Nick Nolte sono un’ottima coppia
  • Assolutamente niente di rilevante

 

“Chapter 2: The Child” continua la striscia positivissima lanciata dal suo predecessore. Una puntata così la amerebbe anche il più grande detrattore di Star Wars.

 

Chapter 1 1×01 ND milioni – ND rating
Chapter 2: The Child 1×02 ND milioni – ND rating

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: