Grey’s Anatomy 11×24 – You’re My HomeTEMPO DI LETTURA 4 min

in Grey's Anatomy/Recensioni by

Cala il sipario anche sull’undicesima stagione di Grey’s Anatomy e lo fa con un episodio un po’ controverso per la sua possibile tripla concezione: season finale, filler o series finale? “You’re My Home” si presenta come season finale, ma è un episodio che potrebbe tranquillamente rientrare in ognuna di queste categorie, per le storie, per le situazioni e per la conclusione stessa. Filler perché alla fine ciò che racconta questo ventiquattresimo episodio non appare niente di eclatante, non crea o smuove nessuna storia, lasciandoci in balia dell’estate anche senza nessuna traccia degli spasmodici cliffhanger tipici delle ultime puntate; series finale perché, a parte qualche situazione irrisolta per alcune coppie, la scena finale avrebbe potuto tranquillamente fare la sua bella figura come saluto definitivo del telefilm, con la rappresentazione di un’era che si chiude definitivamente, ma di una vita che comunque continua.
In qualsiasi modo vogliamo vederla però, “You’re My Home” è concepita dagli autori come season finale che ci dà appuntamento a settembre con la dodicesima stagione; un episodio questo, che continua esattamente dagli ultimi minuti di “Time Stops“, riprendendo quindi le storie che erano rimaste in sospeso nella penultima puntata.
A collegare il tutto fa da traino il caso medico giunto al Grey-Sloan dopo il mega incidente, con l’intera famiglia che riesce sorprendentemente ad uscirne viva. Le storyline che hanno accompagnato i nostri medici invece, lasciano ben poco da analizzare; assistiamo all’ennesimo conflitto tra Webber e Catherine, caratteri incompatibili che alla fine convolano comunque a nozze grazie ad un discorso ispirato di Meredith che li unisce almeno fino alla prossima incomprensione.
L’unica situazione lasciata in sospeso in questo finale di stagione è quella tra Jackson ed April; nell’episodio caratterizzato dal salto temporale, avevamo visto April partire per le zone di guerra con Owen e la scelta da una parte aveva anche fatto acquistare punti alla Kepner, che grazie a quel viaggio aveva intrapreso un cambiamento positivo e “tosto”, approvato anche dalla Bailey. Se però questa partenza era apparsa comprensibile la prima volta, non si può certo dire la stessa cosa per il desiderio di ripartire manifestato nell’ultimo episodio. Il discorso fatto da Jackson alla moglie racchiude perfettamente il senso della situazione che la coppia sta affrontando sin dal momento della perdita del loro bambino, una perdita che ha colpito entrambi e che, seppur con tutta la comprensione di donna, guardando indietro lascia trasparire come April abbia sin dall’inizio, e continui ancora a farlo, focalizzato tutto esclusivamente sul proprio dolore, allontanando e neanche considerando quello di Jackson. Per questo l’ “In or Out” di Avery appare totalmente giustificato e potrebbe anche servire a dare una scossa ad April.
Tra gli altri personaggi, si segnala finalmente, quello che può essere considerato il primo e unico accenno di movimento in tutta la stagione per la relazione tra Alex e Jo, con quest’ultima che riesce a trovare la soluzione migliore per lasciare la casa più affollata d’America, per permettere ai due di andare a vivere da soli, e se questo potrà servire a dare più spazio alla coppia nella prossima stagione, ben venga il nuovo set di CSI.
L’idea del loft di Jo tuttavia, non rappresenta soltanto un nuovo passo nella relazione tra la Wilson e Karev, ma permette anche a Meredith di riprendere possesso della sua vecchia casa, e ripensando alla descrizione fatta in “She’s Leaving Home“, di come gli autori stessero prepotentemente cercando di creare un parallelo tra la vita di Meredith e quella di sua madre Ellis, il ritorno nella casa della sua infanzia, diventa un altro elemento che potrebbe avvalorare questa tesi.
Il finale di episodio lascia trasparire come, passato il dolore, Meredith è pronta a ricominciare a vivere, preparandoci quindi a vedere come da madre single in carriera si destreggerà tra figli e lavoro… una vita che dovremo imparare ad accettare, sarà senza Derek.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il salvataggio della vittima del mega incidente
  • L’ultimo ricordo da vivo di Derek, attraverso il messaggio vocale sentito da Amelia
  • Rafforzamento del rapporto di Meredith con Amelia e Maggie
  • La Bailey termina la stagione con la stessa identica “storyline” dell’anno scorso 
  • La situazione tra April e Jackson
  • Assenza di cliffhanger tipici del season finale  
Dopo la tragedia consumatasi in “How To Save A Life“, il finale è fortunatamente drama free, tuttavia, è un season finale che si presenta con la mancanza di vere storyline e la totale assenza di cliffhanger; un ultimo episodio che descrive perfettamente l’intera stagione, dove a parte la morte di Derek, ben poco altro è riuscito a risaltare. 
Time Stops 11×23 7.74 milioni – 2.1 rating
You’re My Home 11×24 8.33 milioni – 2.2 rating

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”. Tra le sue prospettive future compare il tentativo di risoluzione di un dubbio alquanto amletico: recuperare o no Lost? Si accettano consigli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: