The Bastard Executioner 1×05 – Piss Profit/Proffidwyr TroethTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

“Piss Profit / Proffidwyr Troeth” riesce finalmente nell’impresa di compiere qualche significativo passo avanti in termini di sviluppo narrativo, conferendo alla serie l’appeal necessario a quietare lo sdegno di tutti quegli spettatori che si sono ritrovati schiacciati dal peso delle aspettative riposte nello show. Una fetta di questa stizzita platea certamente penserà ancora che The Bastard Executioner non sia all’altezza del genio creativo di Sutter – sulle cui spalle posa l’enorme fardello della sua precedente opera – ma per tutti coloro che stanno cercando di valutare la serie solo ed esclusivamente in funzione della sua effettiva riuscita, è impossibile non notare un progressivo – seppur flemmatico – miglioramento.
Le potenzialità che lo show ha attualmente a disposizione sono elevatissime, complice quella frammentarietà narrativa già osservata nel corso del pilot, in grado di aprire infinite possibilità per quanto concerne la ramificazione della trama, ma che deve essere gestita cautamente per non impantanarsi in storyline tentacolari e liste infinite di inutili personaggi secondari. Siamo ben lontani da una struttura complessa alla Game Of Thrones – e questo non può che essere un vantaggio per l’economia della serie – ma sebbene sussistano differenze in ambito tecnico, l’impressione è che si voglia arrivare ad un contesto fortemente affine al colosso della HBO, mescolando alla componente storica quella fantasy, ottenendo però risultati tutt’altro che positivi. Basti pensare alle continue visioni da parte del protagonista, rese male a causa di una CGI a dir poco imbarazzante e spesso fini a se stesse.
Discorso ben diverso per quanto riguarda la violenza dispensata costantemente all’interno dello show. Com’era già avvenuto in Sons Of Anarchy, molte scene indugiano su una violenza efferata, componente che naturalmente ha già creato una netta spaccatura da parte della critica, arrivando in alcuni casi ad accusare lo showrunner di utilizzare il sangue come riempitivo in una serie che altrimenti avrebbe ben poco da dire. Polemiche fondate o mere provocazioni? E’ innegabile che a Sutter piaccia giocare con gli eccessi, quasi volesse sfidare lo spettatore a rimanere incollato allo schermo nonostante la crudezza delle immagini, ma osservando attentamente queste sequenze brutali appare evidente come la violenza non sia mai gratuita, bensì necessaria a raccontare la storia ed esplorare profondamente la psiche dei protagonisti, oltre che descrivere il lato più animalesco della società medievale.
La serie comunque è ricca di personaggi intriganti e buone interpretazioni – fatta eccezione per la Sagal, che finora non ha proprio brillato nei panni di Annora – tra cui spiccano il viscido Piers Gaveston di Tom Forbes, in questo episodio promosso a co-protagonista insieme al Corbett di Moyers, vera sorpresa della serie, e alla Lady Love di Flora Spencer-Longhurst, uno dei carachters meglio scritti finora e maggiormente funzionale a corte in quanto emblema e custode della tradizione della propria terra. Per quanto riguarda la figura di Wilkin Brattle, sono stati compiuti dei miglioramenti rispetto alla puntata d’esordio – sempre tenendo conto del ruolo marginale occupato dal personaggio di Lee Jones negli ultimi due episodi – ma siamo ancora lontani da quella figura magnetica e carismatica necessaria per portare avanti un historical drama di questo genere. L’abbraccio finale con Lady Ventris e lo sguardo da psicopatica della vedova Maddox preannunciano un’imminente esplosione di gelosia da parte della donna nei confronti del suo nuovo marito o della donna che sta cercando di rubarglielo, questo potrebbe finalmente portare ad un significativo plot twist e auspicabilmente a uno scossone generale della serie, doveroso arrivati a questo punto della stagione.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il personaggio di Lady Love si conferma uno dei meglio scritti della serie
  • Tom Forbes bravissimo nel ruolo del viscido Piers Gaveston
  • Il faccia a faccia tra Gaveston e Corbett con conseguente umiliazione del ciambellano
  • Il successivo pestaggio di Corbett ai danni di Jon Snow Frenchie
  • Finale di puntata che lascia presagire un’imminente esplosione di follia da parte della vedova Maddox e che finalmente smuove un po’ la situazione
  • Katey Sagal continua a non brillare nel ruolo di Annora
  • Il continuo “O fai questo per me o dico a tutti il tuo segreto” tra Wilkin e Corbett comincia a stancare
  • Il personaggio di Wilkin è ancora un po’ troppo insipido se messo a confronto ad altri come Lady Love o Miles Corbett
  • Ritmi della narrazione ancora troppo blandi giunti a metà stagione

Giunti al fatidico giro di boa risulta ancora difficile dare un giudizio oggettivo sulla nuova serie di Sutter. Alla luce dell’ottimo lavoro fatto in passato dallo showrunner, possiamo leggere questi blandi ritmi narrativi come fase preparatoria in vista di una seconda parte di stagione maggiormente coinvolgente. L’episodio in sé potrebbe meritare qualcosina in più della consueta salvezza settimanale, ma preferiamo rimanere sulla difensiva, nella speranza che con il prossimo episodio si riesca finalmente ad avvertire quello scossone emotivo che aspettiamo da cinque settimane, senza il quale la serie rischia di finire falciata dallo spietato mietitore seriale.

A Hunger/Newyn 1×04 1.26 milioni – 0.4 rating
Piss Profit/Proffidwyr Troeth 1×05 1.12 milioni – 0.4 rating

Sponsored by The Bastard Executioner Italia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: