Blindspot 1×19 – In The Comet Of UsTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

L’episodio si concede solo un minuto circa per concludere la scena con cui ci eravamo lasciati nella scorsa puntata, cioè il ritorno di Sofia Varma. Ha bisogno di soldi e aiuto per sfuggire a chi la insegue. Non ci viene spiegato chi sia la minacciosa entità, ma pare sia ben noto anche alla direttrice Mayfair. Per quest’ultima, però, prima dell’analisi della situazione di pericolo c’è il doppio, terribile shock, paragonabile a quello di molte donne che ritenevano il marito morto in guerra e poi se lo vedevano tornare anni dopo, quando magari si erano già risposate. Alcune sono morte d’infarto sul colpo. Per fortuna Bethany Mayfair è donna di grande tempra, anche se non sa resistere ai richiami del cuore e sacrifica per l’amata tutti i soldi che ha in banca. Rifiuta comunque l’offerta di scappare insieme.
Si parte poi per il caso di giornata, con una narrazione che prova soluzioni alternative a quanto visto finora nello show. La sparatoria, infatti, avviene all’inizio e ci si serve di flashback per mostrare momenti sentimentali (Kurt Weller col padre morente, un duetto fra Jane e Oscar, molto emozionante, dove lei già si sente persa al pensiero che non sia più lui il suo referente) o comunque della vita privata dei vari personaggi. Personaggi i quali, fra l’altro, mentre cercano di fermare i responsabili della sparatoria di cui sopra, si dividono, per cui è possibile vedere lo stesso momento da diversi punti di vista. Il risultato è piuttosto riuscito e soddisfacente, anche per come viene usato questo dividersi, spesso un semplice cliché. Si segnala solo il momento in cui l’agente Reade – ooops – muove la maniglia che innesca la bomba dietro la porta: non ha molto senso, un agente addestrato dovrebbe guardare oltre i vetri, soprattutto in situazioni di pericolo. Sembra proprio che gli sceneggiatori abbiano ritenuto necessaria un’esplosione, comunque sia, ritenendo una puntata di sole sparatorie troppo “piatta”. I temi trattati sono due di quelli a cui il pubblico statunitense è più sensibile: la pedofilia e le stragi nei campus scolastici, dovuti anche all’impossibilità, finora, di far passare una legge per regolamentare più severamente il possesso di armi nel territorio a stelle e strisce. La lobby “a difesa del diritto di portare armi da fuoco” è infatti molto potente. Curiosità: teatro della sparatoria è la Hudson University, nome fittizio, ripreso dai fumetti della DC Comics, usato anche in Law and Order.
Giunti al finale della puntata, si rimane con una sincera preoccupazione per le sorti della direttrice Mayfair e con diversi dubbi. I primi riguardano l’agente Tasha Zapata: a quanto pare è nel gruppo Giocatori Anonimi sotto un altro nome e non si sa quanto sia vera la storia che ha raccontato. La preferiamo decisamente come promotrice di dialoghi frizzanti, come quello con la Patterson sui giochi di ruolo visto in questa puntata. Interrogativi ancor più grossi sono quelli riguardanti Oscar e il suo compare, i quali hanno conservato finora il corpo del direttore della C.I.A., Carter, per non si sa quale ragione. L’uomo con l’albero tatuato sul braccio, inoltre, sembra veder vacillare le sue convinzioni e cominciare a nutrire delle perplessità sulla sua missione. Forse però è proprio in simili momenti che la serie fa più onore al suo titolo: blind spot, cioè un punto cieco di cose che non si sanno, o addirittura una persona non sa di sé stessa. L’episodio sembra suggerire una soluzione romantica a questo problema, a questa cecità, nel dialogo in cui Jane Taylor supplica Oscar di “non sparirle” e gli spiega come, probabilmente, è proprio quello che loro due sono assieme a fare di lui la persona più adatta per la missione affidatagli.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Le unghie della Patterson
  • Il papillon dell’agente Reade
  • W il thé, sempre e se non vi piace è solo perchè non avete trovato quello giusto per voi
  • Il montaggio della puntata
  • Stavolta il fotogramma promemoria è utile e al posto giusto
  • L’agente Reade, con leggerezza criminale, innesca la bomba, tanto perchè c’era bisogno di un’esplosione
  • Papà Weller “perdona” il figlio? Non vogliamo credere a quanto sentito, caso mai dovrebbe essere il contrario
Un montaggio un po’ più audace del solito compensa un tema ormai ben consolidato. Gli ascolti si sono stabilizzati. Si sono poste le basi (interrogativi stuzzicanti) per finire adeguatamente la stagione e rilanciare la prossima, dove, si spera, chi di dovere avrà fatto tesoro dei diversi errori commessi e il prodotto migliorerà. Per l’intanto si conferma decisamente potabile.
One Begets Technique 1×18 5.46 milioni – 1.3 rating
In The Comet Of Us 1×19 5.58 milioni – 1.4 rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: