The Blacklist 4×01 – Esteban (No. 79)TEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by
“I’m on your left!”

A volte basta poco per far contenta la gente: questa piccola frase, detta da Lizzie a Red, già con la sua sola diffusione nel promo, ha saputo scaldare gli animi dei fans. Da essa si capisce come la ragazza non si fidi del suo sedicente padre Alexander Kirk mentre, nonostante tutto, sappia di poter contare su Mr. Reddington. Questo è molto bello. Al di là di ciò, comunque, gli affezionati si sono presentati all’appuntamento con la prima puntata della nuova stagione con un’ordine del giorno ben preciso, neanche fosse una riunione di condominio.
Uno dei punti cardine era sapere come avrebbero reagito gli amici della task force alla notizia che Lizzie è viva e si era finta morta solo per ingannarli. Gli showrunner Bokenkamp e Eisendrath, nello scrivere l’episodio, l’hanno tenuto presente e hanno fornito la risposta. Innanzitutto hanno fatto cominciare la storia poco dopo la conclusione della terza stagione, così hanno potuto mostrare Samar Navabi offesa e intransigente, Aram possibilista, Ressler in modalità cavaliere al salvataggio della donzella, con facoltà di rimandare a dopo eventuali discussioni e il capo Cooper combattuto fra sollievo e indignazione, per fortuna con una solida bussola morale e professionale per guidare i prossimi passi suoi e della sua squadra.
Altra domanda a cui gli spettatori attendevano una risposta era la sorte di Kate Kaplan, colpevole di quello che Red considera un vero e proprio alto tradimento nei suoi confronti, cioè aver coperto la fuga di Lizzie. Il fatto che la signora non sia stata uccisa dal suo datore di lavoro è già fattore molto positivo: più passa il tempo più c’è la possibilità che gli animi si plachino. Intanto, la situazione offre l’opportunità per diverse scene interpretate in modo sempre incisivo, anche senza troppe parole, da James Spader che deve calarsi nei panni di un Reddington incazzato nero furioso e da Susan Blommaert, con il suo personaggio che prova a spiegarsi. Per ora, lui si limita a sfogarsi con i nemici, infierendo su di loro senza misericordia. Ci vorrà un po’ di tempo, invece, per capire se l’oligarca russo sia davvero il padre dell’ex agente Keen. Ulrich Thomsen pare sia stato scritturato per una decina di puntate, quindi è lecito supporre che la corsa per salvare Lizzie sarà il filo conduttore della prima parte di stagione, con piccole rivelazioni qua e là. In questo episodio egli ha dichiarato che la sua amata bimba fu rapita dal malvagio Reddington, amante della madre, molti anni fa. Gli si può credere, ma certamente la vera spiegazione è un po’ più articolata e complessa di così. Il sapere che il suo problema di salute è invece legato al sangue potrebbe rafforzare la teoria di quanti ipotizzano una parentela fra la famiglia Rostov e i Romanov, cioè gli ultimi zar. Nella famiglia Romanov c’era infatti un problema di emofilia, malattia che impedisce la coagulazione del sangue, ereditata a causa della parentela fra la moglie dell’ultimo zar Nicola II e la regina Vittoria d’Inghilterra, portatrice sana del gene. Insomma, sono stati messi sul piatto ottimi elementi su cui lavorare e, se ancora non bastasse, c’è stato anche spazio per un’esibizione di Tom Keen in qualcuno dei suoi numeri stile Mission Impossible. Il ritmo incalzante è un vero punto più della storia. Spiace solo vedere coinvolta in tanto bailamme una creaturina innocente come Agnes, ma forse è stata proprio la sua nascita (dovuta, ricordiamolo, ad una vera gravidanza della protagonista Megan Boone) ad accelerare i tempi della narrazione.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Azione a tutto campo
  • Le risposte pepate di Lizzie a Kirk
  • Harold Cooper
  • Kate Kaplan
  • Tom Keen, ancora missione impossibile
  • La piccola Agnes e suo nonno Red sono ormai davvero grandi amici
  • Disturba un po’ vedere una piccola innocente coinvolta in tutta questa baraonda
  • La scena degli occhi di Esteban
  • La testa mozzata
  • Alexander Kirk rivuole indietro gli anni persi: prenda il biglietto e si metta in fila
Puntata ritmata, adrenalinica, continua sui toni cupi dello scorso finale di stagione. Il voto alto, nonostante sia solo l’inizio dell’anno scolastico, è dovuto proprio al susseguirsi di emozioni, anche con scene raccapriccianti come quella degli occhi di Esteban e della testa mozzata. D’altronde, Bokenkamp aveva dichiarato di non voler rinunciare al blacklister di giornata, sempre portatore di caratteristiche forti.
Alexander Kirk: Conclusion 3×23 6.88 milioni – 1.3 rating
Esteban 4×01 6.40 milioni – 1.3 rating

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Origin 1×10 – I Am

Arrivati al capitolo finale della storia, Origin aveva il compito di concedere
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: